;

In volo

2 0

Fine agosto 2018, stiamo salendo sull’aeroplano che ci riporterà a casa dopo questa bella vacanza, come sempre, troppo breve.

L‘aeroplano ha sul lato sinistro due sedili per fila, mentre tre sul lato destro.

Non abbiamo prenotato i posti per risparmiare, quindi sono stati assegnati a caso, io ho il posto sul lato sinistro dell’aereo, lato corridoio, mia moglie sul lato destro, vicino al finestrino, quindi in mezzo a noi c’è il corridoio e due persone. 

Dopo essermi seduto si avvicina una signora matura, con il marito, la signora deve prendere il posto di fianco al mio, ha difficoltà ad inserire il bagaglio a mano nello scompartimento, mi alzo, l’aiuto a sollevare il bagaglio a mano e riporlo nello scompartimento e la faccio accomodare al suo posto.

La signora, pur se matura, credo abbia più di cinquanta anni, sicuramente di Bari dall’accento, non è male, capelli biondi indossa un vestito lungo estivo a righe bianche e nere che da dietro al collo scende sul seno, con uno spacco laterale, noto piacevolmente che non indossa il reggiseno. Ha gli occhi chiari, ma non riesco a vederli bene perchè indosserà per tutto il viaggio un paio di occhiali da sole.

Ci mettiamo seduti, il marito della signora si siede dietro, cominciano le fasi del decollo e poco dopo, stanco, mi addormento.

Mi sveglio dopo una mezz’ora, mi guardo attorno, mia moglie dorme, noto che quando la signora si muove, il vestito leggero si sposta e rende ben visibile, a me che sono affianco, una seno.

Il vestito, infatti, parte da dietro al collo e scende a coprire il seno, ma ha una notevole scollatura, stando seduta e non essendo teso il vestito, la stoffa sul seno non è aderente ma si sposta in avanti mettendolo in mostra. 

La cosa, lì per lì, mi sembra casuale, distolgo lo sguardo un pò imbarazzato.

La curiosità è forte e lo sguardo cade sempre li, nella mia testa penso che la signora si accorgerà dei miei sguardi e si coprirà.

Continuo a guardare e la signora, sembra casualmente, con i suoi movimenti espone prima un seno e poi l’altro, noto i capezzoli turgidi e la cosa comincia a stuzzicarmi.

Continuo ad essere convinto che la situazione sia determinata dal vestito leggero che, dati i movimenti, si sposta, ad ogni modo riesco a vedere benissimo il capezzolo del seno sinistro, bello turgido ed inizio a pensare che lei non può non essersi accorta dei miei sguardi.

A questo punto la signora si volta dal lato finestrino per parlare con il marito e mostra a me che sono sul lato opposto il culo che devo dire essere niente male.

Voglio capire se lo fa consapevolmente o è casuale e cosi decido di fissare il suo seno, se l’esibizione non fosse stata voluta, si sarebbe accorta dei miei sguardi e si sarebbe sistemata.

La signora, invece, ha iniziato ad allargare e stringere le gambe, come per rinfrescarsi, facendo in modo che lo spacco del vestito salisse e scoprisse maggiormente le gambe, sembrava quasi un invito.

Viene chiamata dal marito, quindi ferma questo movimento, che per me era diventato ipnotico, e si volta a parlargli, nuovamente mostrandomi il culo e tutta la tetta destra con il capezzolo che era ben visibile.

Ho capito che non poteva essere casuale, la signora sicuramente si era accorta che la guardavo insistentemente, ma sembrava non curarsene, infatti, in tutto questo tempo non mi aveva mai rivolto uno sguardo, nulla, sembrava non essersi accorta della mia presenza.

Decido di osare oltre, metto il braccio sul bracciolo comune e le sfioro il braccio con la mano, come se fosse casuale, lei non si ritrae, il braccio rimane immobile.

Il busto, invece, si muove ed ogni movimento sposta la stoffa del vestito e mette in mostra il seno, vedo chiaramente le sue tette.

Mi volto dall’altro lato per controllare se mia moglie si sia accorta di qualcosa ma noto che dorme e, quindi, rivolgo nuovamente le mie attenzioni alla signora.

Non so se la signora non ha sentito il mio tocco delicato, se lo abbia sentito ma lo abbia inteso casuale o se lo abbia sentito ha capito che non era casuale ma non le è dispiaciuto.

Avvicino di nuovo la mano e, questa volta, non sfioro il braccio, bensì la gamba, anche in questa occasione la signora non si ritrae, però, rimane impassibile, non mi ha mai toccato e neanche mai guardato, il suo atteggiamento mi destabilizza, ho capito che si mostra consapevolmente ma non so se su vuole solo mettersi in mostra o vuole essere toccata.

La voce del pilota ci avvisa che iniziano le fasi di atterraggio, mia moglie si è svegliata ma, fortunatamentesi spengono le luci e rimangono accese solo quelle che segnalano le uscite di sicurezza e gli avvisi.

Allungo nuovamente, ma sempre titubante, una mano sulla gamba della signora, questa volta appoggiando il palmo, non può non essersene accorta e non può pensare che il contatto sia casuale, ho il palmo della mia mano appoggiato sulla sua gamba. Lei non muove la gamba, ma si gira a parlare con il marito, ritraggo subito la mano, non riuscivo a sentire cosa stessero dicendo, temevo che si stesse lamentando per i miei tocchi.

La signora si volta in avanti, ormai la stoffa del vestito che copre il seno sinistro è totalmente discostata e lo vedo perfettamente, sono eccitato dalla situazione, allungo nuovamente una mano sulla sua gamba e l’accarezzo prima delicatamente, poi approfittando dell’atterraggio, la stringo per farle sentire il mio tocco e trasmetterle la mia eccitazione.

L’aereo è atterrato, le luci si riaccendono, ritraggo immediatamente la mano, l’aereo punta verso il gate, la signora, che sino a quel momento non mi aveva sfiorato, con il braccio sul bracciolo comune fa una leggera pressione sul mio braccio come ad invitarmi a toccarla nuovamente, sono tentato di infilarle una mano sotto il vestito e verificare se porta o meno l’intimo, ma c’è tanta luce, le persone, nonostante i costanti avvisi di rimanere seduti sino a che il veivolo non sia fermo, si cominciano ad alzare, e perdo l’occasione.

L’aeroplano si ferma e siamo in attesa di scendere, mi alzo dal mio posto per prendere il bagaglio a mano, la signora, grande esibizionista, ha mezzo seno sinistro, compreso il capezzolo ancora in mostra, io ho mia moglie di fianco e faccio finta di non vedere. 

Interviene il marito della signora facendole notare la cosa e lei, sorridendo, si copre.

Scendiamo dall’aeroplano, recuperiamo le valigie ed andiamo a casa. Sono entrato nella doccia e mi sono fatto una sega pensando alla signora rammaricato di non aver avuto l’ardire di infilare la mano sotto al vestito, sono sicuro che l’avrei trovata senza intimo ed eccitata.

Ho il dubbio che il marito fosse consapevole.

Il fatto è reale, se la signora si riconosce può scrivermi a giocodicoppia40@gmail.com.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.