Leggi qui tutti i racconti erotici di: MOMDREAM

Interpreti principali:

Paola, mamma,53 anni            Salvatore, amico del figlio 23 anni

Gabriele, figlio,22 anni           Riccardo, amico del figlio 20 anni

Mannaggia!!!! Come al solito mi ero dimenticato le chiavi di casa uscendo!!!!

Adesso o stavo in giro fin verso le 19:30 che tornava mia mamma dal lavoro o andavo direttamente a prendere le chiavi da lei dove lavorava. Scelsi la seconda opzione altrimenti mi sarei perso un tempo della partita.

Mia mamma lavora per un’impresa di pulizie e al pomeriggio andava a pulire gli uffici che sono chiusi.

La chiamai sul cellulare per sapere dove si trovasse in quel momento ma la chiamata andava e nessuno rispondeva.

-Eh che cavolo, sicuramente lo avrà lasciato come fa spesso nella borsetta, ma che cazzo lo tiene a fare il cellulare dico io!!??

Sapevo in quali uffici lavorava e decisi di andare con lo scooter a vedere se la trovavo.

Provai in due posti ma niente, al terzo tentativo, trovai la porta aperta….”Bingo, ci siamo” dissi.

-Mamma sei q…..

Non finì la frase che vidi nella grande stanza mia mamma piegata su di una scrivania con la gonna tirata su e il suo capo ,un marocchino (oggi il mondo è cambiato e ti capita pure di lavorare sotto quelli che erano arrivati qua in cerca di lavoro) che se la stava scopando piuttosto violentemente tenendola per le tettone che aveva fatto uscire dal reggiseno.

Lo spettacolo fu davvero devastante, mai e poi mi sarei aspettato di ritrovarmi davanti ad una scena simile e mai mi sarei aspettato da mia madre un comportamento del genere.

Premetto che mia mamma non è affatto quello che si dice una bella donna….

E’ piccolina, sull’1.65  scarso, piuttosto in carne direi visto che è una tg 52 e peserà non meno di 80 kg, le gambe a dire il vero non sono troppo tozze ma poi ha un culone bello grande, una bella panza e delle tettone davvero enormi, porta la 6 misura di reggiseno per capirsi. Il viso è gradevole anche se chiaramente grasso e tondo e con il sottomento ma questo le ha evitato le rughe nonostante i suoi 53 anni. Ha i capelli lunghi alle spalle che lei si tinge di biondo altrimenti sarebbero bianchi, portati quasi sempre con una coda. Avrete capito dalla mia descrizione che mia mamma in pratica è un barattolo e non fa certo parte della famosa categoria conturbante delle MILF. E infatti non ho mai avuto fantasie su di lei se escludiamo qualche rara occasione in cui ho pensato di sborrare sulle sue tettone mentre mi facevo una sega.

E’ vero che invece sono i tipi di donne che fanno impazzire i marocchini, grasse, bionde e con quei culoni bianchi che gli piace tanto sfondare, perché si sa, a loro piace più il culo che la fica!

Pur essendo vedova da qualche anno, non credei davvero che a mia mamma piacesse il marocchino e avesse diciamo una relazione con lui, piuttosto era stata obbligata ad accettare e adesso capivo anche il perché di quanto successo tempo addietro.

Un paio di mesi fa, mia mamma tornando a casa, mi disse che era stata fortunata, c’era stato un ridimensionamento del personale nella sua azienda e avevano dovuto licenziare tre sue colleghe. Ora era chiaro perché non era toccato a lei, molto probabilmente alle altre non avevano accettato le avances del capo….

Ma non potevo certo biasimarla, io ancora studiavo e dopo la morte di mio padre, il suo stipendio era l’unica fonte di sostentamento della famiglia e devo dire che non mi aveva mai fatto mancare nulla…

Tutto questo lo avevo dedotto continuando a guardare la scena della monta di mia madre. Lui le dava dei colpi molto forti, violenti, come a farle capire che era lui che comandava e intanto si divertiva a strapazzarle i due meloni che aveva davanti. Lei aveva un atteggiamento completamente passivo, fissava il muro davanti a se e niente altro, da questo avevo intuito subito che non fosse una scopata tra amanti. Solo ogni tanto emetteva piccoli grugniti ma come biasimarla povera donna, qualcosa doveva sentire per forza, sia per le dimensioni del cazzo che le stava dentro che dovevano essere notevoli vista la tradizionale dotazione marocchina e sia per i poderosi colpi inferti dall’africano atti come si dice a “sfondarla”. L’unica curiosità che non riuscivo a soddisfare dal mio punto di osservazione era se la stesse chiavando nella fica  o addirittura le stesse sfondando il  culo!

Ad un certo punto lo vidi abbandonare la presa delle tettone di mamma e prenderla per i fianchi e accelerare al massimo i colpi, era chiaro, stava per sborrare!!!

Lo sentì rantolare, sicuramente stava riversando la sua sborra nella fica o nel culo di mia madre….nello stesso momento lei emise un qualcosa a metà tra un grugnito e un rutto gigantesco…..cazzo, stava avendo l’orgasmo anche lei e godendo aveva emesso un verso come una grassa scrofa montata nel porcile!!!

Hai capito il troione… fa credere che si faccia sbattere controvoglia dal marocchino ma poi alle fine gode anche lei…..puttana…!!! E godendo aveva emesso quel suono caratteristico.

Il marocchino si sfilò da mia madre e si girò verso di me, per la paura di essere visto mi ritrassi subito e velocemente me ne andai per paura che mi scoprissero. Non ebbi così nemmeno la soddisfazione di vedere che razza di nerchia aveva messo in corpo a mia mamma!!!

Appena tornato a casa mi rifugiai in camera mia e cominciai a spararmi una sega ripensando a quello che avevo visto. Mia mamma cominciò ad apparirmi in una nuova veste, mi faceva rizzare il cazzo pensare di fare porcherie con lei. Immaginai che mentre il marocchino la fotteva, io glielo mettevo in mezzo alle tettone e sborrai in pochi secondi…..ma avevo ancora voglia e ricominciai a segarmi pensando stavolta a mamma che mi faceva una pompa….Anche in questo caso, nonostante fossi venuto da poco, sborrai dopo non molto.

Anche nei giorni successivi ripensavo a lei in tutte le performance sessuali possibili e mi segavo….ma la cosa peggiore fu che mi accorsi che con le seghe non riuscivo più a placare i miei impulsi perversi….dovevo passare a qualcosa di concreto!

Per questo decisi di raccontare tutto ai miei due amici fidati, Salvatore di 23 anni e Riccardo di 20, io ne ho 22.

-Cazzo che storia!

-Ma ci prendi per il culo Gabry?

-No no ragazzi, è tutto vero…e da allora non faccio altro che farmi le seghe ripensandoci, non ne posso più!!

-E cosa vorresti fare?

-Anche se non è figa, anche se è una buzzicona, io almeno in mezzo a quelle tettone enormi glielo devo mettere!!!!

-E come penseresti di fare?

-Beh una cosa mi sarebbe venuta in mente, ma ho bisogno che voi siate con me!

-NOI????     

-Tra due mesi io e mamma andiamo in vacanza in campeggio, abbiamo preso un piccolo bungalow.

-Perfetto…..così li siete da soli e ti puoi buttare, al mare  siamo sempre tutti mezzi nudi, magari quando si spoglia o si mette il costume….tu provi…ah ah ah!

-Da solo non credo ci riuscirei, quello che dici tu lo potrei fare anche a casa se fosse per questo.

-E noi cosa c’entriamo?

-Ragazzi, parliamoci chiaro, noi tre di figa non se ne raccoglie manco un grammo, in tre potremmo farci coraggio e tentare. Si potrebbe organizzare che voi venite a trovarmi al mare e decidete di rimanere qualche giorno.

-Ora il bungalow è piccolo, solo per tre persone, per cui si creerà una situazione di promiscuità tale che si creeranno decine di occasioni buone per fargli la festa.

-In pratica vi offro alloggio per le vacanze e fica gratis!!

-Ma tua madre non accetterà mai di ospitarci, proprio per le ragioni di promiscuità di cui parlavi.

-Mia madre ha un carattere molto remissivo, se gli dico che rimanete non ci saranno problemi, fidatevi.

-E te pensi che se cominciamo a saltarle addosso non si metterà a starnazzare come un’anatra??

-Magari un po’ all’inizio, ma poi come ti ho detto ha un carattere molto remissivo e farà la brava. D’altronde anche con il marocchino è stata molto accondiscendente….

-Che idea del cazzo, e poi tua mamma fosse almeno una figa tipo MILF….

-Ok, valutiamo gli aspetti negativi e positivi della cosa:

-Negativi, è vero, mia mamma è una buzzicona grassa, però è anche vero che il resto del corpo non è proprio da buttare…. non ha le gambe tozze, è una donna curata e di viso non è male, ammettetelo…..

-Si, ma anche una bella panza, ah ah ah!

-E allora..? Che ti frega della panza….quando la chiavi o te la inculi, penso che lo farai da dietro a meno che non ti piaccia guardarla in faccia e limonarci….

-Ah no no….una del genere se te la fotti lo fai rigorosamente a pecora, ah ah ah

-Ecco bravo, e in quel caso la panza ti serve pure per aggrapparti meglio a lei mentre la stantuffi di brutto!

-Vero.

-Aspetti positivi: l’alternativa è passare l’estate a farsi le seghe o andare a puttane. Delle tette che mi dite, avete mai messo le mani in due bocce del genere??

-No, mai.

-No, lo ammetto.

-E non mi dite che quando venite a casa mia non gliele guardate….vi ci sarete fatti qualche sega come me anche voi….

-Ok, si è vero, le tette di tua madre diciamo che sono famose in tutta la compagnia, ah ah ah!

-Bene, pensa a come glielo potrai schiaffare in mezzo a quei meloni giganti e farti fare una bella spagnola! Poi…..ce la possiamo chiavare senza preservativo e sborrarle direttamente dentro senza problemi.

-Sicuro che non ci rimane incinta?

-No, ha 53 anni e tempo fa  ho sentito che diceva ad una sua amica che era entrata in menopausa.

-Possiamo farci spompinare e sborrarle in bocca o in faccia impiastricciandola tutta di sborra, quando mai trovi una ragazza che si fa fare tutte queste cose?

-Dici che ingoia anche?

-Non lo so, ma basta farglielo fare se si vuole.

-Altro aspetto positivo, ce la possiamo inculare, sai che culo spanato deve averle fatto il marocchino!

-Si, i nostri cazzi ci entrano come in un’autostrada, ah ah ah!

-Trovate facilmente donne che vi danno il culo forse?

-Ancora…ce la possiamo scopare in due e comunque possiamo metterglielo in un buco ogni volta che abbiamo il cazzo duro, vi sembra cosa da poco questa???

-No, no….se la metti così effettivamente la cosa potrebbe essere interessante….tu cosa dici Riccardo?

-Per me può andar bene, se come dice lui non ci sono problemi….certo non è una bellezza, ma poter mettere il cazzo in un buco ogni volta che hai voglia e sborrare senza problemi…..credo ci si possa stare…. E poi la mamma è sua…se gli sta bene a lui…ah ah ah

-Io non ho problemi…..solo che all’inizio dovremmo essere decisi, senza farci problemi se fa la scontrosa.

-Ok, allora è deciso, io e Riccardo passeremo a trovarti e tu le dirai che ci fermiamo qualche

giorno.

Come da programma io e mia mamma partimmo per il mare. Il bungalow che avevamo prenotato al campeggio si prestava benissimo alle nostre intenzioni. Era composto da una sola grande stanza dove si trovava una piccola cucina, un letto matrimoniale e un divano. Vi era poi un piccolo bagno con la doccia. Il fatto che vi fosse una sola stanza senza barriere per la privacy  da condividere poi in 4 persone, aumentava di molto le possibilità di riuscita del piano.

Avevo qualche giorno prima che arrivassero i ragazzi e li sfruttai per analizzare i comportamenti di mia madre.

Al mare indossava sempre il costume a due pezzi, non certo il bikini. Reggiseno bello grande, rinforzato per tenere quelle mammellone giganti, slip alti che le arrivavano all’ombelico fasciandole metà della pancia. Cercavo di osservarla in ogni modo possibile, sperando magari che per un caso fortuito il reggiseno non ce la facesse più a contenere quelle poppone e lasciasse uscire qualcosa…ma niente! Cercando di fissarla in mezzo alle gambe mi accorsi invece che qualche ciuffetto di peli a volte usciva dallo slip. Ero sicuro che mia mamma ce l’avesse pelosa, ma capì anche che, visto lo slip per niente sgambato, non si era preoccupata nemmeno di depilarsi un po’.

In casa poi non è che si concedesse un granché…di solito entrava nel bagno per farsi la doccia con indosso il costume e ne usciva con mutande il reggiseno. Un paio di volte era uscita con l’asciugamano fermato sopra il seno e poi si era messa il reggiseno dandomi le spalle in modo che non vedessi assolutamente nulla.

Arrivò il giorno dell’arrivo di Riccardo e Salvatore, mamma li invitò a rimanere per il pranzo e poi nel pomeriggio detti il via all’operazione…

-Senti mamma, è un problema per te se i miei amici rimangono 2-3 giorni qui al mare con noi?

-Ma Gabry….scusa,  ma come si fa, non c’è posto, il bungalow è piccolo, per dormire poi….

-Ci arrangiamo dai, noi tre dormiamo nel letto matrimoniale, tu nel divano letto

-Gabry per favore, non è possibile, nessuno di noi avrebbe la sua privacy…

-Che ti frega della privacy mamma, siamo al mare, siamo tutti più liberi, e poi da solo con te mi annoio qua…almeno con loro passo qualche giorno in allegria….eddai ma’……

Come avevo detto facevo molto leva sul carattere remissivo di mamma…

-Fai come  vuoi, tanto se non vuoi capire….

Detto questo uscì per andare in spiaggia, ma era un “si” anche se detto controvoglia….

-Ragazzi è fatta, potete restare.

-Ha fatto storie tua mamma?

-Un pochino si ma poi come vi ho detto alla fine si arrende sempre….vedrete sarà lo stesso quando gli chiederemo di farci da vacca….

-Se lo dici tu…

-Si, l’importante è sentirci disinibiti, per cui senza vergogna farle vedere i cazzi ad ogni occasione, ok ragazzi?

-Ok….sai che ti dico, per tutto il pranzo non ho fatto altro che guardare le tettone di tua madre e sai che ti dico….mi si rizzava il cazzo al pensiero di poterle palpare e soprattutto metterci in cazzo nel mezzo e sborrarci sopra!!!

-Si, anche a me ha fatto lo stesso effetto, è buzzicona ma ci possiamo divertire!

-Visto ragazzi allora che avevo ragione! A guardarla bene è venuta voglia anche a voi di fotterla!

Cominciammo a comportarci come stabilito, sfruttavamo ogni occasione per mostrarle i cazzi, ci cambiavamo in costume davanti a lei facendolo sembrare naturale, uscivamo dalla doccia con solo un piccolo asciugamano in vita per poi toglierlo subito per asciugarsi. Lei chiaramente faceva finta di nulla fino a che….

-Ragazzi, abbiate un po’ di rispetto per favore, capisco che siete giovani e non ci fate neanche caso ma con questi “cosi” sempre di fuori non sta mica tanto bene però!

-O mamma, ma siamo al mare che vuoi che…..

-Gabriele per favore…..mica ve li sto a guardare, figuriamoci, ma un minimo di pudore lo pretendo, come donna e soprattutto come madre! Te lo avevo detto che non era il caso che si fermassero con noi, l’ambiente è troppo piccolo e c’è troppa promiscuità!

-Che palle ma’…..

-Te sai solo dire “che palle”….ora per favore uscite che devo cambiarmi il costume e lo voglio fare da sola in santa pace, grazie!

Era arrivato il momento di agire….le arrivai da dietro, con un braccio le cinsi il collo stringendola, con l’altra mano le alzai la coppa del reggiseno del costume e feci uscire una tetta.

-Gabriele….ma sei impazzito????

-Ssst mamma…..non fare la scontrosa……quando ti ho vista con il marocchino che ti fotteva sulla scrivania al lavoro….eri molto più accondiscendente….

-Ma che dici, di che parli….?

-Non negare mamma….ho visto tutto…era il tuo capo, ti teneva per queste bocce enormi che hai e ti fotteva….non ho però avuto il piacere di capire se ti stava schiantando la sua nerchia in figa o nel culo….!

-Smettila, lasciami….

Strinsi ancora di più mentre con l’altra mano continuavo a tastarle la tetta che avevo fatto fuoriuscire dal costume….era davvero enorme, roba del genere l’avevo vista solo nei film porno di vecchie troie. Dico la verità, me le aspettavo più molli anche se non erano certo di marmo…..in compenso aveva dei capezzoli enormi, che al contato con le mie dita diventarono come chiodi…..

-Se non ti calmi stringo ancora di più!!!

-V…va bene….

-Allora…..neghi ancora di esserti fatta scopare dal marocchino…?

-L’ho fatto per non perdere il lavoro, lo sai che hanno licenziato tre mie colleghe qualche mese fa…

-E tu sei dovuta scendere a patti con lui…

-Si, i soldi li porto solo io a casa e se vuoi finire l’università….

-E diciamo ti sei sacrificata per il bene della famiglia…..brava, questo ti fa onore….ma io ho visto che godevi pure tu mentre quello ti stantuffava o vuoi negarlo???

-Sarò vecchia, sarò brutta e grassa ma sono sempre una donna di carne e non posso certo rimanere impassibile se uno….

-Se uno ti mette il suo cazzo dentro la fica….. se poi questo è anche un marocchino dotato di un cazzo asinino….allora si che la mia mammina gode come una maiala….vero….?

-A proposito….ce l’ha grosso come si dice dei marocchini?

-Dai che domande…

-RISPONDI!!!!

-Si, ce l’ha grosso….

Le lasciai la tetta e con la mano mi abbassai il costume facendo uscire il mio cazzo ritto già da un po’.

-Come il mio o più grosso?

-Gabriele per favore….

-Prendilo in mano forza! E dimmi se ce l’ha più grosso di questo!!!

-Basta, ti prego smettila, se è per i tuoi amici, dimentica quello che ho detto, possono rimanere quanto vogliono e se volete stare nudi anche tutto il giorno, non vi dirò più nulla, ma ora smettila però!

-Ho detto di prendermi il cazzo in mano, mamma!!!!

Sempre stando dietro di lei e stringendola per il collo, avvicinò la mano al mio cazzo e lo impugnò.

-Ecco brava, vedo che hai capito! Ora sentilo con la mano e abbassa la testa per guardarlo bene e fare il raffronto con quello del marocchino!

Appena la sua calda mano afferrò il cazzo, migliaia di brividi percorsero il mio corpo, temei di sborrare all’istante tanta era l’eccitazione alimentata all’inverosimile dalla perversione di essere riuscito a mettere il cazzo in mano a mia madre!

-Allora? Parla su!!!

-E’ più grosso il suo…..

Non avevo dubbi, ero sicuro che lo aveva più grosso del mio. Non sono un superdotato, ma ho sempre un “signor cazzo” di 17-18 cm ma sapevo di non poter competere con il “marocco”. Ma mi eccitava da morire fare questo giochetto con mia mamma e poi era un modo per approcciarle la mia nerchia….

-Più grosso quanto?

-Più grosso dai…

-Si, ma molto più grosso?

-Si, si, molto più grosso, sei contento adesso???

-Sentito ragazzi…..? Io piccino non ce l’ho, ma quello mi sa che le schianta in figa qualcosa dai 23 cm in su, ah ah ah! Con una sleppa di cazzo del genere, ti fa godere anche se non vuoi, vero mamma?

-Smettila ti prego….mi sento umiliata….

-Dai, da brava, segami lentamente…

-No, non posso farlo….

-Muovi quel cazzo di mano sulla mia fava, subito!!!! Altrimenti stringo!!!

Come avevo previsto, il carattere remissivo di mia madre faceva si che eseguisse qualsiasi cosa se impartita con autorità. Cominciò a segarmi lentamente mentre io ero sempre alle prese con la sua tettona. Era fantastico, il suo su e giù era lento ma molto delicato e mi faceva andare letteralmente in estasi aumentando esponenzialmente la mia libidine….

-E dimmi mamma…..glielo prendi anche in bocca…?

Ormai aveva capito come si era messa e rispondeva rassegnata…

-Si, ma solo poche volte, non è interessato a quello

-Magari succhi il cazzo da far schifo e lui preferisce chiavarti….ma dimmi….preferisce scoparti o incularti?

-La seconda

-La seconda cosa….spiegati meglio, su 10 volte che ti tromba, quante in fica e quante in culo…

-Diciamo che 7 volte mi sodomizza e 3 mi scopa nel modo tradizionale.

-Ma senti come parla questa….mi sodomizza…..dimmelo per bene, forza!!!

-Ma come vuoi che te lo dica….

-Con il linguaggio da troia quale sei!!!

-3 volte mi scopa e 7 me lo mette nel culo, contento adesso????

-Gli piace questo culone allora….

Smisi di palpargli la tetta e cominciai con il culo

-Senti che culone grasso che hai mamma….ci credo che gli piace sfondartelo….piacerebbe anche a me sbattermi una con un culone del genere sai….

-Ti scopa con il preservativo o senza?

-Senza, mi ha fatto vedere le analisi, mi posso fidare

-E dove ti sborra?

-Dentro…

-Ehi mamma, non è che mi torni a casa un giorno con un fratellino mezzo marocchino, vero…!?

-No, non è possibile, è oltre un anno che sono in menopausa….

-Sentito ragazzi? Questa ce la possiamo scopare e pisciarle dentro tutta la sborra che vogliamo, tanto non succede niente!

-Ragazzi, che intenzioni avete, non vorrete mica abusare di me?

-Ma sentila, “abusare di me”…..prima ti fai schiantare in culo da un marocchino…..e poi fai la difficile difronte a tre giovani cazzi?

-Vi prego, no….non fatelo….

-Forza ragazzi, venite qua anche voi

Lasciai la morsa al collo di mia madre e le tolsi completamente il sopra del costume.

-Forza, sentite che tettone!!!

Salvatore e Riccardo le misero subito le mani sulle tette

-Che tette ragazzi!!!

-Enormi, e poi sono ancora belle dure!!

-E’ si….la cicciona ha un gran bel paio di tette da offrire….il resto magari anche no…..Dai succhiategliele…..

I due si avventarono sulle poppe cominciando a succhiare e mordicchiare i capezzoli

-Ragazzi vi prego, tornate in voi, lasciatemi stare….

-Però mica è giusto, lei è già mezza nuda, mentre voi non le avete fatto vedere ancora niente…

Subito si tolsero i costumi mostrando i loro cazzi svettanti. Presi mia madre, che aveva indosso solo gli slip del costume e la feci sdraiare sul letto. Noi completamente nudi ci disponemmo attorno a lei.

-Adesso mamma, piano piano ce lo prendi in bocca a tutti, così vediamo come te la cavi con i pompini…

-Gabriele…ti prego….sono tua madre…perché mi fai questo….

-Vedi mamma, noi non abbiamo grandi esperienze con le donne in generale, non lo abbiamo mai fatto per esempio a cazzo nudo, non sappiamo cosa si prova a sborrare direttamente dentro o in bocca e non ci hanno mai permesso di metterglielo nel culo. Ora tu non sei certo quello che si dice un bel pezzo di figa, sei un bel barilotto di grasso, ma vai benissimo per farci provare tutte queste cose che ti ho detto, sei insomma una maiala certificata da cui sappiamo non prenderemo malattie e abbastanza vecchia da non rimanere incinta. Inoltre hai delle tette enormi che difficilmente si trovano in giro su cui possiamo dare libero sfogo alle nostre fantasie.

-Gabriele….ma cosa dici…..ma vi siete drogati…?

-Ora basta mamma, ho detto che devi iniziare a prendercelo in bocca!!!

-SBAMMM!!!

-Forza, comincia!!!!

Le mollai un sonoro ceffone che la fecero subito desistere da ogni ulteriore protesta e cominciò prendendo timidamente in bocca il cazzo di Salvatore.

-Gabry….non è per fare il difficile….ma tua mamma me lo succhia da far schifo…non sento niente…

La presi per la coda e la tirai forte

-Mamma….devi farlo per bene….mi sono spiegato???

-Ma io….

-Salva….visto che non si impegna, scopatela in bocca!

-Oh si cazzo!!!

Adesso la prese lui per coda in modo da tenerle ferma la testa e glielo ficcò tutto in bocca.

Cominciò a scoparla in bocca con colpi poderosi che glielo facevano arrivare fino in gola, lo si capiva dai colpi di tosse che aveva mia madre. Ma Salvatore non si fermava, l’eccitazione che provava a muovere per la prima volta il suo cazzo a proprio piacimento nella bocca di una donna, senza farsi scrupoli se a lei la cosa andasse o meno, lo faceva sentire estremamente potente e dominante e per niente al mondo avrebbe lasciato la presa sulla testa della malcapitata….

-Tieni troia, tieni!!! Non me lo volevi succhiare vero???? Allora ti sfondo la bocca, ti faccio le tonsille, tieni maiala, tieni!!!

Al tempo stesso sapeva che non sarebbe potuto durare molto, ma non gli fregava nulla, anzi, voleva mettere in pratica un’altra delle proprie voglie represse, sborrare senza ritegno in bocca ad una donna.

E così fece, poco prima di iniziare la sborrata, schiacciò la faccia di mia mamma contro il suo inguine in modo che non potesse assolutamente toglierselo di bocca…

-Aaah….cazzo….ci siamo…..sborrooooo…….troia sborrooooooo!!!

Fu una sborrata che sembrava non finire più, mia mamma si ritrovò la bocca talmente piena di sbroda che cominciò a colarle dalle labbra nonostante Salvatore non accennasse ne a mollare la presa, ne a togliere il cazzo finché non avesse finito di venire. Al momento in cui lo tolse, mamma sputò una gran boccata di sborra che sicuramente non aveva voluto inghiottire, tossiva  e sputava, fece anche un paio di rutti dovuti a conati di vomito che le aveva provocato l’enorme quantità di sborra e il fatto che Salvatore, mentre la chiavava in bocca, glielo faceva arrivare in gola.

-Cazzo che libidine ragazzi….da una vita sognavo di farlo…..

-Vedi mamma, se avevi fatto un pompino normalmente….questo non ti succedeva…non mi dire che alla tua età non sai succhiare un cazzo come si deve….

-Io, io….

-Ma scusa mamma, ma a papà glieli facevi i pompini?

-Si…si…

-E dove ti sborrava?

-In bocca o in faccia

-Ooohh lo vedi allora che sei pratica della cosa….e ingoiavi la sborra?

-No…..sputavo….

-Bene….piccolo cambiamento, a noi, se ti sborriamo in bocca, la devi ingoiare, giusto ragazzi?

-Si, giusto!

-Dai, ora tocca a Riccardo…..

Riccardo era il più giovane di noi tre, aveva da poco compiuto 20 anni ma aveva il cazzo più grosso di tutti, doveva essere oltre i 20 cm….

-Un attimo per favore….un attimo…

-Ok mamma….

Si prese qualche minuto per riaversi, poi, completamente succube alle nostre voglie, prese con la sua mano piccola e tozza, il cazzo di Riccardo….

Visto le dimensioni della sua mano e del cazzo, non riusciva a stringerlo del tutto, cominciò a lavorarlo di mano segandolo leggermente mentre lo succhiava con la bocca….

-Brava mamma, ora riconosco la donna esperta che sa come ci si lavora un cazzo!

-Si amico, me lo sta succhiando proprio alla grande….mi sa che tra poco sborro!

Tra una donna di 53 anni e un ragazzo di 20 non c’è storia….e di li a poco….

-Ci sono troia, ci sono….vieni qua bella…

Le prese la testa con le mani per tenerla ferma e sborrarle tutto in bocca….

-Ci sonoooo……sborroooooo!!!!

Sparò tutto in bocca a mia madre che stavolta inghiottì, ma non tutta e una volta tolto il cazzo di bocca, sputò il restante.

-Cazzo che libidine!!! Da quanto volevo farlo!!! Avevi ragione Gabry, chi se ne frega se tua mamma non è figa, ma con lei ci possiamo togliere tutte le voglie che vogliamo!!!

-E voi che non mi volevate dare retta….

-Per dovere di ospitalità vi ho concesso di usarla prima di me, ma ora è il mio turno, vieni qui mamma….

-Per favore Gabriele, non farmi questo, ti prego….

-Cazzo mamma, hai spompinato i miei amici e adesso a me mi vuoi mandare in bianco? Su dai vieni qui e siediti sul bordo del letto.

Si sedette come le avevo detto, mi misi in piedi davanti a lei con il cazzo duro davanti alla sua faccia, eccitato come non mai pregustandomi quello che le avrei fatto di li a poco.

Lei mi guardava con quegli occhi tristi di chi sembra chiederti: “ma perché….”

Perché volevo godere, ecco perché, del resto non mi importava un cazzo!!!

-Dai prendimelo in mezzo alle tette!

-Con le mani si prese quelle due borracce enormi che aveva come tette e le strinse intorno al mio cazzo.

-Brava mamma….vedo che hai capito….ora mandale su e giù segandomi il cazzo….

Il mio cazzo che scivolava in quelle tette burrose mi dava delle sensazioni fantastiche, io aiutavo il movimento con colpi di reni mirati in modo che la punta del mio cazzo,

completamente scappellato, uscisse da quelle poppe protraendosi verso mia madre.

Una goccia fece capolino dal mio prepuzio….era il momento….

-Forza mamma, abbassa la testa, appena la cappella fa capolino dalle tette, te apri la bocca e leccala!

-Non disse nulla, obbedì e basta, era davvero il massimo, in quel secondo scarso cha la mia cappella entrava nella sua bocca e lei la colpiva con la lingua, miliardi di brividi mi percorrevano tutto il corpo….ma purtroppo non durò molto, la sborra montò subito cercando una via d’uscita…

-Cazzo mamma che lingua….

Riuscì appena a dire questo che uno schizzo tremendo finì direttamente nella sua bocca, presi allora il cazzo in mano e continuando a segarmi le sborrai tutta la mia sbroda in faccia!

Alla fine aveva il viso completamente ricoperto da quanta gliene avevo riversata, aveva gli occhi chiusi e a tentoni cercò qualcosa per pulirsi e riuscire almeno a vedere.

-Tieni mamma, pulisciti

Dissi porgendole uno strofinaccio da cucina.

-Ecco ragazzi, anche io ho esaudito il mio desiderio, quello di sborrare in faccia una donna, ah ah ah!

Mamma si pulì e fece per andarsene, la ripresi per un braccio e la riportai sul letto con noi

-Dove vuoi andare, abbiamo appena iniziato!

-Vi prego ragazzi, lasciatemi andare, ognuno di voi ha sfogato le sue pulsioni sessuali, adesso basta, vi prego!

-Mamma mamma….mi sa che non hai capito, noi abbiamo un sacco di progetti per te sai….per ora diciamo che non sei andata male, vero ragazzi?

-Si vero, siamo sulla sufficienza

-Ma si dai, però si può migliorare…

-Quello di sicuro….non è vero mamma? Però tu hai visto tutto di noi….noi invece no…

Presi lo slip del costume e cominciai a tirarlo giù….

-Ti prego Gabriele, questo no…

-Ma dai mamma…..ci hai preso in bocca il cazzo a tutti e adesso ti vergogni a farci vedere la fica….? Sdraiatela ragazzi….

La presero per le braccia e la fecero sdraiare sul letto, le tettone si adagiarono sul busto senza però spiattellarsi completamente, la pancia invece rimase piuttosto prominente.

Sfilai completamente il grande slip del costume e la fica di mia madre ci apparve in tutta la sua dimensione, un enorme ciuffo di pelo castano chiaro la ricopriva. Il fatto di non mettere bikini o costumi molto sgambati, aveva fatto si che non si era preoccupata di depilarsela.

-Cazzo mamma che pelo! Sembra un gatto d’angora!

Le passai la mano sul pelo, era molto fitto e morbido al tatto.

-Davvero….che fica pelosa signora!!!

-Toccate ragazzi!

-Mamma mia….mai vista una sorca così pelosa!

Tutti e tre cominciammo a palparle la fica mentre lei piagnucolava e non guardava. Cominciammo lentamente a passarle le dita sulle grandi labbra per poi iniziare a cercare di entrare nel suo buchetto.

-Piano ragazzi….deve godere, non sentire male…..

Salvatore non ce la faceva più, aveva di nuovo il cazzo duro e mia mamma sembrava non sentisse nulla di ciò che le facevo, molto probabilmente data la tensione che non le permetteva di rilassarsi.

-Basta, tanto sta vacca non sente niente, non ce la faccio più, io me la fotto!!!!

Mia madre fece un movimento come a ritirarsi…

-Tenetemi ferma sta grassona che me la chiavo!!!

-No fermo,no!!!

-Buona mamma!

Le cinsi di nuovo il braccio intorno al collo per farla stare ferma

-Buona mamma, buona….

Allarga le cosce troione!!!!

Salvatore abboccò il cazzo sulla fica di mia madre, si sistemò e con un colpo secco la penetrò.

-Cazzo, sono dentro la fica! Dentro la fica senza preservativo!! Che sballo ragazzi!

Era veramente estasiato da questa nuova esperienza, pensava solo a chiavarla ad un ritmo forsennante e non tardò a venire

-Cazzo ci sono ragazzi….posso sborrare dentro una fica per la prima volta….si….sborro….ECCOMIIIII!!!!

Senza fermarsi scaricò tutta la broda che aveva ancora nelle palle dentro mia madre.

-Sicuro amico che è troppo vecchia per rimanere incinta, vero!? Altrimenti con quanta gliene ho pisciata dentro mi sa che ci rimane sai, ah ah ah!

Anche Riccardo aveva di nuovo il suo cazzone in tiro…

-Spostati che ora mi diverto un po’ io!

Nel frattempo avevo lasciato la presa di mia madre, non si dimenava più. Riccardo glielo mise dentro senza il minimo ritegno e viste le dimensioni, mamma emise un leggero grido di dolore. Anche lui cominciò a pomparla furiosamente, ma a differenza di Salvatore, con il busto si protese fini ad arrivare con la sua faccia sopra quella di lei, quasi a cercare di baciarla. Invece era solo che lo eccitava sputargli in faccia tutte le porcherie che gli venivano in mente….

-Senti troione che cazzo che ho!!!!

-Dai cicciona del cazzo, muoviti un po’!!!

-Ti piace il cazzo dei ragazzi vecchio barile di grasso, vero!?

-La prossima volta ti sfondo ‘sto culone cellulitico!!

-Senti buzzicona adesso come ti riempio la fica di sborra!!!

-SIIIII……VENGO…..CICCIONAAAAAA!!!!

Anche lui in poco tempo sborrò dentro la fica di mia madre e si accasciò sopra di lei.

Vedo che vi siete serviti ragazzi, avete gradito?

-Altro che…..una chiavata così non l’avevo mai fatta!

-A chi lo dici……cazzo Gabriele, ma non potevi mettercela a disposizione prima ‘sta bagascia?

-Se non la beccavo a farsi fottere dal marocchino non mi sarebbe mai venuto in mente di usarla per sfogarci…ora se permettete….

-Certo, è il tuo turno….ci mancherebbe, ah ah ah!

Mamma….mettiti a quattro zampe!

-Gabriele ma che dici, sono tua mamma…..non umiliarmi così…..e poi non puoi…

– Non posso cosa?

-Tesoro, non puoi farlo con tua madre, passi farmi scopare dai tuoi amici, ma tu non puoi, è incesto!!!

-Mamma non rompere le palle, sai benissimo che il tabù dell’incesto è stato inventato nei tempi antichi per evitare gli accoppiamenti tra consanguinei che portavano a generare malformazioni nei figli. Io voglio solo godere, mica metterti incinta e poi te neanche ci puoi rimanere più! Ora zitta e mettiti a quattro zampe, stessa posizione in cui una troia da riproduzione si fa montare dal maiale…. E poi voglio possederti nello stesso modo in cui lo fa il marocchino….muoviti!

Mamma sempre piagnucolando, si sistemò nel letto come le avevo ordinato, il suo culone enorme con il ficone grasso e peloso era davanti a me, le puntai il cazzo e la penetrai con un colpo secco, entrai facilmente grazie al fatto che era lubrificata dalla sborra dei miei amici.

-Cazzo mamma, ti sono dentro!

La presi per i fianchi fino a scendere con le mani  ad abbracciarle la pancia e cominciai a pomparla con dei gran colpi

-Senti che panza che hai mamma, mangia un po’ di meno e che cazzo!!

Era un botolo di grasso, ma la cosa in fondo mi eccitava e poi finalmente avevo una fica da poter usare a mio piacimento, era la prima volta che scopavo senza preservativo e che non dovevo preoccuparmi di quando sborravo, il fatto poi che la troia che mi stavo chiavando era mia madre, passava decisamente in secondo piano. Anche io non feci diversamente dai miei amici, tra la voglia di scopare arretrata che avevamo e il fatto di poter sborrare liberamente, durai molto poco a pompare e sborrai alla grande!

-MAMMAAAAAA….SBORROOOOOOO……SI TROIAAAAAAAAAAAA!!!!!

Appena mi sfilai da lei, corse via e si chiuse in bagno a lavarsi.

-Cazzo ragazzi, è una vera libidine avere una donna a tua completa disposizione che puoi metterglielo a tuo piacimento e riempirla di sborra!

-Hai perfettamente ragione, anche se non è una figa, quando le sei dentro godi lo stesso come un porco!

-Si lo so, mamma è una buzzicona, fa quello che può, ah ah ah!

La sera a cena noi tre ci comportavamo come se nulla fosse, mamma invece stava in silenzio.

Il cazzo però cominciava a tirare di nuovo….

-Ragazzi, che ne dite di farsi un altro giro prima di mandarla a nanna?

-Per me va bene, anzi….molto bene!

-Si, anche io ci sto!

-No ragazzi, per favore, vi prego, lasciatemi stare….

Mi avvicinai a mia madre da dietro, la abbracciai e cominciai a sbottonarle la vestaglia, sotto non aveva il costume ma normale reggiseno e mutande.

-Dai mamma, togliti tutta questa roba, ora che hai la pancia piena bisogna fare movimento, altrimenti ci ingrassi ancora e non ti si trova più la fica, ah ah ah!

Cominciò a piagnucolare mentre si toglieva tutto.

-Dai, chi comincia?

-Comincio io-disse Riccardo

-Come te la vuoi fare?

-Chi se ne frega come, buttala sul divano che mi ci svuoto le palle!

Spinsi mia madre sul divano, Riccardo le salì sopra e la penetrò, un paio di minuti e sborrò dentro.

-Io me la faccio da dietro

Salvatore la fece mettere in ginocchio sul divano appoggiata alla spalliera, lui da dietro in piedi prese a chiavarsela. Anche lui dopo poco sborrò. Lei non diceva niente, subiva con le lacrime agli occhi.

-Aaaahhh….che bella svuotata di cazzo, grazie culona!

Io invece sono più fantasioso, secondo me una casalinga, una madre di famiglia, va chiavata sul tavolo di cucina!

-Dai mamma, sdraiati sul tavolo!

-Sei sicuro Gabry? Quel tavolo non mi sembra tanto robusto, e questa qua peserà più di 80 kg, ah ah ah!

-Sicuri, reggerà.

Mia madre si mise supina sul  tavolo con la fica sul bordo, avevo quel ficone peloso proprio ad altezza cazzo, le divaricai le gambe e la penetrai. Fu facile, anche stavolta l’avevano già scopata in due e umori e sborra dei miei amici facilitarono l’ingresso del mio cazzo.

Le tenevo le gambe alzate mentre la pistonavo in fica, era una libidine vedere il mio cazzo uscire ed entrare da quel cespuglio di pelo mentre le tettone sembravano due budini tremolanti. Anche io non fui da meno degli altri, troppa voglia di fica, troppo eccitante la situazione e troppa la libertà di fare tutto ciò che mi andava, in poco tempo le riversai in fica tutta la sborra che avevo nelle palle.

Ma nemmeno la notte fu del tutto tranquilla, verso le 4 fui svegliato da Gabriele che andava in bagno, quando tornò invece di rimettersi nel letto, si diresse verso il divano letto dove dormiva mia madre, lei dormiva solo con una maglietta e le mutande.

Si mise sopra di lei e cominciò ad abbassarle le mutande, cazzo, Gabriele si era svegliato in piena notte per pisciare e visto che aveva una fica a disposizione, ne voleva approfittare per darle un altro colpo!

Mamma chiaramente si svegliò di soprassalto, lui subito le tappò la bocca con la mano,

-Ssssttt….zitta troia,  non fare casino altrimenti sveglierai tutti! Togliti le mutande dai!

Mamma ubbidì e se le sfilò, lui subito le ficcò il cazzo in fica.

-Ecco brava, tanto ci metto poco, mi svuoto le palle e poi puoi tornare a dormire.

E così fece, prese a scoparla con vigore, sborrò dopo poco e tornò a dormire.

Il mattino seguente mia mamma si era alzata molto prima di noi, appena mi svegliai venne da me.

-Senti, non ho parole per quello che mi fate subire, avete deciso che sono il vostro fantoccio per scaricarvi i coglioni, abusate di me come e quando volete, ma per favore, almeno di notte potreste lasciarmi in pace???

Feci finta di non sapere.

-Perché, cosa è successo?

-Uno dei tuoi amichetti è venuto anche di notte a fare i suoi comodi nel mio letto!!

-Ok mamma, ci penso io.

-Ragazzi, su questo mia mamma ha ragione, lasciatela stare di notte, se avete il cazzo duro, fate come facevate prima, una sega e tornate a dormire, ok?

-Si ok

-Tranquillo, non succederà più

-Perfetto, pronta la colazione mà?

Facemmo colazione e poi prima di andare in spiaggia…

-Io ragazzi stamani comincerei la giornata con un bel pompino, voi che ne dite?

-Si, ci sto!

-Approvato!

Ci mettemmo tutti e tre a sedere sul divano a cazzo di fuori

-Mamma….

-Che vuoi adesso?

-Mi sembra che sei l’unica donna in questa casa….l’unica abilitata a succhiare cazzi….

-Cominciate subito….?

-Forza, poche storie, vieni a mettere la “testa a posto”

Mamma cominciò a spompinare prima Gabriele. Lo faceva con impegno succhiando la cappella del mio amico mentre si aiutava segando con la mano. Mi eccitava vederle segare un cazzo duro, aveva delle dita piccole e tozze ma le unghie erano molto curate. Il suo impegno fu premiato di li a poco con la sborrata in bocca del ragazzo. Subito dopo toccò a Riccardo che non si risparmiò i complimenti.

-Mamma mia come succhia sta troia! La vecchia ci sa fare con la bocca e dire che all’inizio non ce lo voleva dimostrare!

-Dai bella, continua così che tra poco sborro!

-Si davvero, è molto migliorata tua madre a fare pompini! Anche a me prima ha fatto impazzire!

Anche Riccardo sborrò in gola a mamma senza riguardo.

In silenzio si ripulì la bocca dalla sborra prima di passare al mio cazzo.

-Si mamma, aaahh…farsi spompinare da te è proprio una goduria…

Stavo quasi per venire quando mi venne in mente un cambiamento…

-Oggi voglio essere buono…aahhh…ti premio per il tuo impegno e visto che ne hai già ingoiata abbastanza di sborra…

Tolsi il cazzo dalla sua bocca, mancava pochissimo a venire, la presi per i capelli e tenendola ferma mi segai con il cazzo davanti al suo viso.

-Ti faccio una bella maschera di sborra a ‘sta faccia da troia!

-No, per favore, no….

-Zitta e non rompere i coglioni, ho sentito che fa bene anche per le rughe!

Le schizzai tutto in faccia ed essendo la prima sborrata del giorno, era davvero abbondante, la impiastricciai tutta, bocca, naso, occhi….

Andò in bagno a pulirsi, tornando poco dopo.

-Siamo tutti concordi che sei una gran pompinara mamma! Si vede che ti impegni adesso, ah ah ah!

-Fare un pompino a voi è come quando al lavoro trovo un cesso pieno di merda, inizio subito a pulire con impegno, prima finisco e meglio è!

-Bene, bella morale, ora vieni qua!

Le tolsi il reggiseno del costume.

-Che vuoi farmi adesso?

-Niente, solo che oggi in spiaggia ci vai senza questo, così impari a fare la spiritosa!

-No, ma che dici….ok se vuoi sto in casa senza reggiseno ma in spiaggia no, non l’ho mai fatto, mi vergogno…

-Oggi non te lo metti, i prossimi giorni vedremo, sai quanti oggi diranno “guarda quella budellona con le tette al vento”, ah ah ah!

-Ah ah ah, hai ragione, e chissà i negretti che passano a vendere come la guarderanno!

-Giusto, e sai mamma, quelli affamati di fica come sono ci mettono poco a saltarti addosso e a farti la festa, ah ah ah!

-Forza ragazzi, tutti in spiaggia adesso, ah ah ah!

Per commenti e suggerimenti scrivetemi a: bellaepoque14@gmail.com

 

 

5
4

Lascia un commento

5
4