Leggi qui tutti i racconti erotici di: Zorrogatto

Paolino era entusiasta della festa che gli aveva organizzato Jack, anche se un po’ sorpreso: sì, si conoscevano, erano amici ma… non erano L’Amico (quello speciale, con la maiuscola!) l’uno dell’altro: solo membri della stessa compagnia…
E invece… invece tre giorni prima gli aveva detto che c’era una bellissima sorpresa, che la sua festa di compleanno sarebbe stata trasferita nel magnifico parco con la piscina di una villa appena fuori città, che ci sarebbe stata una donna («Una donna vera, “grande” e molto troia, disponibile per farsi fare di tutto da chiunque, anche chiavarla, anche il culo!’) ed un sacco di roba da bere e da mangiare.
Decisamente Jack era un amico migliore di quanto lo avesse fino allora considerato!
Ridacchiò ripensando alla scena della “vacca” che, mentre la (brutta, orribile!) sorella di Thomas la mungeva ed il suo buon amico si divertiva a farle buchi nella camicia e nei leggings, veniva inculata -davvero inculata! Lo avevano visto tutti, anche lui!!!- da Basha e poi da Andrea e Thomas…
Poi, quando Sammy non era riuscita più riuscita a far uscire una sola goccia di latte dalle tette della vaccona, Jack aveva proposto una partita di pallavolo.
Anche quello faceva parte del progetto del suo amicone, che l’aveva voluta nella sua squadra e, quasi subito, trovò il modo di finirle addosso e “accidentamente” stracciarle i resti della camicia.
Così la vacca continuò la partita con solo i leggings tutti tagliuzzati ed i sandaletti col tacco, cadendo spesso!, ma era uno spettacolo vederla saltare tutta trafelata dallo sforzo (da una vecchia, cosa ti puoi aspettare?) e con le sue tettone che andavano su e giù, distraendo spettatori e giocatori… ma nessuno, a quel punto, teneva troppo alla partita!
Adesso la vacca era impiegata al barbecue, a cuocere salcicce e braciole e quando aveva chiesto un grembiule per non farsi schizzare dal grasso bollente, Sammy le aveva detto, con un sorriso cattivo: «Oh… non c’è un grembiule, che peccato…. Dovrai fare senza!’
Poi aveva strizzato l’occhio a lui e gli aveva mostrato il grembiule appallottolato nella sua borsa: che spasso!
E la vaccona era uno spettacolo, con solo i leggings tutti bucherellati, a cuocere la carne per tutti!, col buco all’altezza del culo che era tutto impiastricciato della sborra che le era colata fuori durante la partita!
Ogni tanto, qualcuno si avvicinava, la palpava, la strizzava, la prendeva delicatamente per il mento o tenacemente per i capelli per fare un linguainbocca e qualcuno le aveva allargato il buco all’altezza del culo per far uscire anche le labbra della fica che penzolavano liberamente.
Sammy, addirittura!, appena avuta il suo pezzo di salciccia bollente, ci aveva piantato dentro la forchetta e poi glie l’aveva appoggiata sui capzzoli, facendola sussultare per il bruciore della carne e del grasso che le colava fino ai leggings|
Il massimo, però, era stato quando il suo amico Jack le era andato dietro, le aveva ordinato di piegarsi un pochino in avanti e se l’era inculata lì, all’impiedi, mentre lei doveva continuare a cuocere la carne… E come si contorceva, la vacca, per seguire la cottura della carne mentre le scavavano il culo!
Sì, davvero divertente… Sopratutto perché anche altri trovarono divertente la cosa e pregarono il regista di quell’indimenticabile pomeriggio di lasciarli provare a spaccare il culo alla troia, mentre cuoceva la carne.
Ghignando, gettò il piatto vuoto nel secchio e si alzò, ruttando forte grazie anche alla birra bevuta; alcuni amici risero e risposero con altri potenti rutti, in un mare di risate e lui vide che un paio di amici stavano palpugnando Marzia, la magrina biondina slavata -ma famosa in tutta la scuola per i suoi pompini- che, ovviamente!, stava anche succhiando un cazzo; Sammy e gli altri, invece erano attorno alla vacca e la cessa insisteva perché bevesse a garganella da una bottiglia di rum, anche se lei continuava a dire che lei non beveva mai, che non è abituata, che non tiene i liquori…
Un amico gli disse un qualcosa di scherzoso e lui replicò a tono e ricominciò a prestare attenzione alla loro vacca solo dopo qualche minuto, sentendola chiamare, con voce impastata: «Giacomooooo…. Giacomino…. vieni qui dalla zia che… che voglio fare una cooooosha….»
Jack fece pochi passi e si fermò impalato davanti a Paola: «Cazzo vuoi, troia???» chiese brutalmente.
La donna non disse nulla, ma si lasciò cadere inginocchiata sull’erba e con mani avide sbottonò e calò -con un certo impaccio dovuto al rum- gli short ed i boxer del nipote e poi, tenendogli l’asta alzata con due dita, cominciò a passare la punta delle unghie dell’altra mano sullo scroto del giovane e dopo un pochino, mentre tutti si avvicinavano per vedere meglio, anche la punta della lingua; il cazzo di Jack svettò, in tutto il suo splendore, con il glande congestionato dall’eccitazione: era la prima volta che quella troia di sua zia prendeva iniziative!
Mentre ancora gli leccava lo scroto, Paola gli mise l’avambraccio dietro le ginocchia e premette con delicatezza sulla parte alta delle cosce.
I l giovane capì il suggerimento gestuale e si lasciò andare a sedersi e poi sdraiarsi sull’erba ben curata, mentre la lingua della donna turbinava sul suo giovane scroto, inzuppandolo di saliva.
Poi cominciò, masturbandolo lentamente con due dita, a fare delle strisce umide di saliva dalla base dell’asta fino al bordo della cappella ed era una specie di tortura perché, compiuto un percorso, tornava alla base a ripetere la risalita umettando una striscia appena accanto.
Quando fu soddisfatta di questo trattamento, gli titillò con l’aguzza punta della lingua il filetto e poi la sua guizzante linguetta percorse tutta la base della cappella e poi risalì fino a vellicare il buchino in cima, quasi come se volesse infilarsi dentro, mentre Jack stava ormai perdendo il contatto da tutto ciò che non fosse il suo cazzo e la bocca di quella favolosa pompinara.
Lei nel frattempo aveva spalancato la bocca e stava facendosi entrare il palo del nipote fino alla glottide, ma senza sfiorarlo, facendolo rabbrividire di piacere solo col suo fiato caldo sul cazzo intriso di saliva.
Arrivata ad averlo tutto in bocca, fino alla radice, strinse le labbra e tutti videro, dall’incavarsi delle guance, che glie lo stava… aspirando, anche se certi… sobbalzi delle guance lasciavano intuire che, contemporaneamente, glie lo stava anche massaggiando con la lingua.
Poi Jack si sentì afferrare delicatamente i giovani testicoli e dolcemente tirandoli e torcendoli un poco, mentre le labbra della zia scorrevano su e giù per il suo membro, a velocità sempre diversa, facendolo impazzire di piacere per l’imprevedibilità delle sue azioni.
Tutti erano assiepati intorno, in religioso silenzio, a contemplare quel capolavoro di pompino, immortalando la notevole prestazione filmandola e fotografandola coi cellulari -come del resto avevano fatto fin dal suo arrivo alla festa!- e perfino Marzia era stupita di scoprire cose che, nella sua già buona esperienza, non aveva neanche mai pensato di fare.
Paola sentì il cazzo del nipote sussultarle contro il palato e capì che stava per esplodere dal piacere; allora se lo appoggiò sulle labbra e gli leccò pazientemente il prepuzio, mentre due dita scorrevano lentamente avanti ed indietro, tenendolo anche in posizione.
Il giovane emise una specie di rantolo, che salì di tono fin quando cominciò a sparare potenti getti di sborra che la donna si lasciò arrivare sul viso, uno dopo l’altro e lei che spostava un pochino la nerchia per ricevere le bianche strisciate in punti sempre diversi del volto.
Poi si rialzò, lentamente ma con un certa dignità, quasi come una sacerdotessa che avesse appena effettuato un oscuro culto e gettò un’occhiata circolare alla compagnia ammutolita dall’osceno e fantastico spettacolo e poi, con gli occhi luccicanti di libidine, li provocò, leccandosi golosamente prima le labbra e poi l’indice che aveva usato per levarsi gli schizzi dal viso per ripulirsi: «E adessho… vishto che sono qui per… per esshere fottuta da voi…. cazzo, shbattetemi! O sccchiete finocchi??????»
Jack, che sembrava svenuto sull’erba, fu l’unico a non avvicinarsi alla donna, ad allungare la mano per toccarla, pizzicarla, stringerla, ad afferrare i resti dei leggings ed a tirarli per strapparli completamente od ad afferrarla per un braccio, una gamba per farla cadere sull’erba e andarci sopra a pretendere la loro porzione di piacere…
Era davvero soddisfatto: aveva potuto vedere benissimo tutto quello che la troia aveva fatto alla festa… Beh, non proprio benissimo: quando la bottana aveva spompinato il nipote con gli altri che facevano capannello intorno, in certi istanti tra la sua abile e vorace bocca e l’obiettivo, si frapponeva la testa zazzeruta di qualche giovane cornuto e lui si perdeva istanti preziosi.
La baldracca, dopo quel bucchinu, era stata circondata da una siepe di giovani minchie dure da soddisfare e lei, con apparente gioia e disponibilità, si era prodigata per soddisfarli tutti.
Peccato solo che Vito avesse avuto pochi microfoni da piazzare e quindi avevano potuto sentire solo poche frasi e non sempre nitidamente.
Sì, considerò Maestro Dido, in effetti era soddisfatto sia da ciò che aveva visto di Paola, sia di quanto si erano goduti -lui, Vito e due amici passati per caso- la troia pazza che voleva la degradazione totale della cretina e che, per poter godere di un posto in prima fila, si era lasciata fare di tutto.
Sogghignò: altri filmati, stavolta ottenuti dalle cam fisse, che la intrappolavano ai suoi voleri…
E poi, la cessa! Fantastica! Cattiva come il fiele e con delle idee davvero interessanti, come l’ultima che aveva messo in opera…
Avrebbe dovuto telefonare a quel bastardello del nipote, per farsi dare il cellu della cessa: potevano fare grandi cose, insieme!
E poi, nella totale eccitazione generale, si era anche divertito di avere -come le aveva comunicato dalla sala regia Martina- registrazioni di altri fatti, come i due ragazzi che pensavano di essere nascosti da tutti, ma non dall’occhio di una cam!, e si erano sucati ed inculati a vicenda e poi la biondina slavata, che aveva strillato, per fortuna vicino ad un microfono, quando uno dei ragazzi gli ha aperto il culo per la prima volta, anche se era stata subito zittita da una minchia, che le avevano prontamente piantata in gola!

1
2

Lascia un commento

1
2