Circa Erotic Whispers

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
Finora Erotic Whispers ha creato 6 post nel blog.

La prima doppia – ultima parte

Il tempo di riprendermi e iniziamo nuovamente a giocare, a massaggiarci reciprocamente...le succhio i capezzoli che una volta turgidi sembrano piccoli cazzettini, quasi che anziché succhiarli bisogna spompinarli. La bacio vogliosamente con la sua figa ancora dilatata che cola come un fiume. Mi gira, vuole il cazzo in bocca e mangiarlo. La sua bella mano, curata, lo impugna...sento il suo fiato caldo sulla cappella e lentamente se lo spinge in bocca. Serra le labbra lungo l'asta e inizia un lento lavoro di bocca...che bocca da pompinara la mia troia...su e giù con la testa mentre con l'altra mano mi stuzzica [...]

La prima doppia – Parte 1

La prima doppia parte 1 Continuano le storie reali della signora in salotto ma puttana a letto, insieme decidiamo di acquistare qualche giochetto su internet. Viaggiamo su diversi siti commentando i vari accessori e il piacere che avrebbe potuto darci, in particolar modo ci soffermiamo su un doppio dildo e un anello vibrante. Il doppio dildo per provare reciprocamente piacere nel farmi penetrare il culetto vergine ma allo stesso tempo avere lei un cazzo nella figa così da sbatterci reciprocamente mentre l'anello vibrante per dare un piacere più intenso a lei con la penetrazione e la contemporanea stimolazione del clito [...]

La donna che mi bevve 3 volte – Seconda e ultima parte

Mi allontana, la sua attenzione si sposta sulla cottura, spegne i fornelli e inizia a impiantare, nel frattempo mi siedo a tavola e riempio un bicchiere di vino. Si siede di fronte a me, mi guarda fisso negli occhi e mi sorride, di quel sorriso furbo come a voler dire "non sai cosa ti aspetta". Ceniamo tenendoci per mano, il calice si svuota e si riempie senza sosta per poi spostarci vicino al camino. Lei si accende una sigaretta, mentre fuma le massaggio i piedi, piccoli, ben curati, morbidi. Lentamente avvicino un piede alla bocca, lo bacio, lo lecco, succhio [...]

La donna che mi bevve 3 volte – Prima parte

Classica giornata invernale: cielo nuvoloso, freddo, minaccia nevicata, un vento di tramontana che sembra entrarti nelle ossa. Il camino, carico di legna dalla sera prima, riscalda il salone. I pensieri d perdono nel fumo di una sigaretta mentre sorseggio un bicchiere di buon vino, un primitivo da 16°. Finalmente lei rientra dal lavoro, per tutta la giornata abbiamo scambiato continui messaggi provocatori, a chi eccitava più l'altro, immaginando situazioni e lasciandoci andare ad un eccitantissimo turpiloquio. Si avvicina, mi bacia, mi abbraccia, mi afferra la mano portandola tra le sue gambe. Le calze bagnate dalla voglia di un'intera giornata di [...]

Signora in salotto, puttana a letto – Seconda e ultima parte

Improvvisamente si bloccò, lo tirò fuori, iniziò a masturbarsi sfregando il glande contro il clitoride; era una sensazione eccitantissima. Si inginocchiò e inizio a leccare il suo sesso completamente bagnato e il suo ano. Si sentiva pervasa dall'eccitazione e da quella doppia stimolazione e senza nemmeno accorgersene portò la mano sul clitoride per masturbarsi...voleva godere. In un lampo i suoi gesti diventarono frenetici, i gemiti erano più sostenuti e intensi fino a quando un gemito liberatorio e spasmi incontrollati non la pervasero. Godeva, come godeva. Libera da quella tensione e da quella carica erotica si abbandonò un attimo sul letto. [...]

Signora in salotto, puttana a letto – Prima parte

Mi guardò negli occhi, con quello suo sguardo volubile, avvicinò la mano lentamente alla patta dei pantaloni. Con gesti volutamente lenti ne soppesò la consistenza, immaginando già cosa fare... L'aria era carica di elettricità, una forte tensione erotica. Lei lo guardava negli occhi mentre abbassò la zip. Infilò la mano alla ricerca di quel arnese così duro. Con le dita stuzzicò il glande che già gocciolava mentre lei sentiva scendere dal suo sesso i suoi umori. Si predisponevano a possedersi l'un l'altro... Con gesti sapienti tirò fuori il suo cazzo, così duro da non sembrare vero. Lo guardava ammaliata in [...]

Torna in cima