;

Come ho incasinato la mia vita. Cap. 8

105 2

È sabato, i giorni appena trascorsi sono passati tranquilli.
Antonio si è fatto sentire solo per messaggi, con Federica tutto sommato si è ristabilita una sorta di routine…
L’avermi tradito l’ha resa a tratti docile e servizievole, a tratti avvilita.
Ma adesso sembra aver digerito la cosa e il non aver visto il suo “peccato” da giorni l’ha un pochino tranquillizzata…
Il giorno dopo aver fatto il pompino ad Antonio ha voluto provare a fare l’amore ma io ormai capisco quando sono troppo pieno e ho dovuto trovare una scusa per declinare.
E poi Antonio non me lo avrebbe mai perdonato…
Ho ricevuto l’ordine di non soddisfarla, anche se pure se ci avessi provato non ci sarei riuscito…
Ora quando guardo Federica la vedo strana…
Si imbambola spesso, presa nei suoi pensieri, e la ritrovo spesso distratta mentre parliamo.
Dopo il mio rifiuto due giorni fa non si è più proposta, la sento apatica sessualmente…
È un peccato perché non eravamo dei pornostar ma avevamo una bella vita sessuale.
È ovvio che in questa fase Federica sia entrata in crisi e abbia bisogno di conferme…
Mi chiedo solo se quando si estranea in realtà non stia pensando ad Antonio…
Sarebbe un disastro se si innamorasse di lui…
Stasera devo nuovamente offrire mia moglie a quel porco.
Federica non sa nulla dato che non lo abbiamo invitato.
Il pomeriggio sono libero, quindi usciamo a divertirci e svagarci, prendiamo qualche pezzo di pizza ma torniamo a casa per mangiarli…
È stato un bel pomeriggio.
Ci siamo divertiti, abbiamo staccato i cervelli e per una volta siamo riusciti a non pensare ai nostri problemi.
Ma il vero problema non si può mettere sotto un tappeto.
Il nostro problema ragiona e rema contro di noi…
Dopo cena, dato che è ancora presto, ci rilassiamo sul lettone. Di uscire di nuovo per fortuna non ne ha voglia.
Fra qualche bacetto, una carezza fugace e qualche effusione cominciamo a vedere un film.
Anche questa volta, come quasi sempre, mentre vediamo la tv Federica mi massaggia i testicoli…
È una cosa che trovo molto piacevole e rilassante e a lei non costa più di tanto…
È meglio che fare i grattini mi ha confermato una volta…
I miei poveri coglioni sono talmente pieni che ho quasi dolore quando me li prende in mano…
E inevitabilmente il piacere della stimolazione fa inturgidire anche il cazzo che subito si mette in posizione.
Impossibile non pensare poi ad Antonio che scopa con Federica, l’orario è compatibile, ormai starà pronto pure lui…
Appena Federica comincia a toccarmi il cazzo la devo bloccare.
Sento che non resisterei neanche dieci secondi.

“Ti va se ti lego, come l’altra volta?”

Le chiedo…

“Oooh noo dai…
Voglio accarezzarti, toccarti…
Voglio vederti…”

È la sua risposta scocciata…
Non so che fare.
Non posso non legarla, Antonio mi farebbe il culo a brandelli…
Per non parlare delle conseguenze se mi sputtanasse…

“Ecco amore…
Non so spiegarlo…
Mi sento più a mio agio se lo faccio.
Riesco a durare di più, a controllarmi meglio…”

Provo a giustificare l’insistenza…
Ma non devo insistere tanto.

“Allora legami.
Ho bisogno di godere…
Sto mese è stato un disastro…”

Mi risponde entusiasta.
Mi ricordo che Antonio ha chiesto espressamente di scoparla a pecorina.
Quindi la bendo, come prima cosa, e faccio subito lo squillo ad Antonio, poi proseguo legandole i polsi dietro la testiera del letto in modo che non possa usare le mani neanche se ci si avvicina con il viso, nel caso in cui le dovesse venire in mente di togliere la benda…
Mi accorgo di non averla spogliata, dovrà rimanere coperta dalla vita in su…
Federica comincia a scherzare sulla scelta della posizione.

“Aaahi, stasera mi vuoi fare male allora…”

In realtà un po’ ci rimango male, sembra che mi stia solo prendendo in giro…
Ma in realtà ci rimango male perché so che a pecorina io duro pochi secondi anche quando sto in forma…
È il mio tallone d’Achille…
Antonio entra silenziosamente in camera, lanciandomi uno sguardo di approvazione.
E con lo stesso silenziosamente con cui è arrivato si spoglia, mentre io tolgo il pantaloncino e il perizoma a Federica…
Che bella donna che è!
Ha un culo perfetto, liscio e sodo…
Quel bello spacco di fica che sembra quasi luccicare alla tenue luce del televisore, sembra promettere le più belle pazzie che la mente umana può concepire…
Accarezzo la rotondità delle sue natiche e lei in tutta risposta sculetta eccitata.
Antonio mi scansa prepotentemente.
È completamente nudo dalla vita in giù, e il suo cazzo è già completamente in tiro.
Anche lui accarezza il culo di mia moglie, allargando le natiche per meglio esporre la fica luccicante di umori di Federica.
Poi le tira uno schiaffo sul culo, facendola gemere…
Inarca il bacino, sembra voler offrire il suo sesso al libero piacere del suo uomo.
Antonio la accarezza sulla vulva, non capisco cosa sta facendo ma probabilmente le sta massaggiando il clitoride.
Federica mugola di piacere schiacciandosi il petto sul letto e inarcandosi al massimo col culo all’insù…
A quel punto Antonio avvicina il viso a quel paradiso e incomincia a leccarla.
Federica si scioglie letteralmente in gridolini di approvazione.
La sua vagina è tenuta ben aperta dalle dita delle mani di Antonio, e fra una leccata al clitoride e un affondo in quel dolce cratere sempre più bagnato la situazione arriva subito al punto di incendiarsi.
Ormai i loro corpi si muovono da soli, guidati solo dalla passione e dal piacere.
Federica accoglie senza problemi tre dita della mano di Antonio, che la bacia sulle natiche e sulla parte iniziale della schiena.
I mugolii di mia moglie non lasciano dubbi, è eccitata da morire, è bagnata e sta già pregustando una scopata coi fiocchi.
Accarezzo i testicoli di Antonio, mentre lui continua a darle piacere.
Sono grossi e duri, pieni…
Mi fa impazzire il fatto che siano così visibili da sotto lo scroto, lo trovo molto eccitante.
Li schiaccio un pochino, con dolcezza perché so che è piacevole…
Lui si alza in piedi e ignorandomi si posiziona dietro Federica.
Le poggia il glande sulla vagina e lentamente affonda dentro di lei…

“Aaaahhh siiii cazzooo…”

Gode lei sentendosi finalmente piena…
Antonio si china sul suo corpo e la bacia sul collo e sulla spalla.
Mia moglie ama essere baciata li…
Il cazzo è completamente dentro, i testicoli sono schiacciati contro la sua vulva, e in questa posizione sono ancora più visibili…
La fica di Federica è tutta allargata e stirata per via della posizione di Antonio che continuando a baciarla comincia a dare qualche colpetto in fondo a quel meraviglioso paradiso…
Non esiste scena più perversa del vedere il cazzo di un altro uomo scorrere nella fica della propria moglie.
Antonio si muove lentamente, godendosi ogni istante.
Federica ormai è un disco rotto…
I suoi gridolini di piacere sono costanti…
Antonio si alza in ginocchio dietro di lei e palpandole i fianchi inizia finalmente ad alzare il vigore degli affondi.
I colpi sono più forti, ma non brutali.
Gliene da uno molto forte subito seguito da uno schiaffone sul culo…
Federica ha il fiato corto, pare apprezzare anche il trattamento rude…
Di tanto in tanto Antonio lo sfila completamente per darle una bella leccata, poi tenendola aperta con le dita glielo ricacciava dentro di botto, facendogli sbattere la cappella sul fondo dell’utero…
Sarà anche uno stronzo, ma sa scopare una donna.
I suoi affondi paiono colpi di pennello…
Non ho mai fatto godere così tanto mia moglie in tutta la mia vita…
Con un dito comincia ad accarezzare il buchetto del culo mentre sbatte Federica con vigore.
Sento il suono del suo bacino contro le chiappe di Federica…
Lei non si ribella…
Mi fa notare Antonio che ha potuto metterle un dito nel culo senza alcuna resistenza…
Da parte di mia moglie c’è solo una totale dedizione.
Col pollice nel culo e le mani aperte sulle natiche la tiene aperta ed esposta mentre la scopa con dovizia.
Poi, dopo almeno una ventina di minuti la spinge giù prona, e la scopa da allungata…

Le accarezza i seni, la bacia sul collo e in bocca…
Con le ginocchia le tiene le gambe schiuse e affonda fino ai coglioni nella sua dolce fichetta…
I colpi sono più dolci e lenti, cadenzati…
Ma la dolcezza dell’affondo non implica che la spinta sia morbida.
Infatti arrivato sul fondo continua a spingere finché i testicoli non si schiacciano per bene sulla vulva…
Federica gode ormai a voce piena, non tenta neanche di celare il suo piacere…
E dai gemiti che emette e dal ritmo è chiaro che ormai sia prossima ad un orgasmo.
Antonio mi fa segno di massaggiargli i testicoli…
Probabilmente vuole godere anche lui.
Dovrei ribellarmi, ma non ho il coraggio.
Sono rapito dalla scena, è troppo eccitante e perverso…
Come un robot gli tiro le palle massaggiandole e lui comincia a dare colpi più secchi e forti.
Federica trema tutta per il piacere intenso che sta provando…
Antonio la bacia sul collo, facendole anche un lungo e profondo succhiotto…
Federica si inarca verso di lui stringendo le gambe…
Antonio le posiziona un cuscino sotto la fica, per tenerla più alta.
Il ritmo diventa sempre più intenso, i respiri sempre più pesanti…
Gli affondi sempre più veloci e scomposti…
Federica viene gridando di piacere.
I suoi gemiti sono forti e intensi, il respiro le si rompe ad ogni scarica di piacere orgasmico.
Antonio affonda con sempre più forza mentre io gli tengo i testicoli, schiacciandoli e tirandoli dolcemente.
I colpi si fanno lenti, ma terribilmente profondi…
Finché non riprende ad andare un po’ più veloce, recuperando anche l’andatura ordinata di prima.
Dalla fica di mia moglie comincia a colare lateralmente un liquido bianco…
Antonio le ha sborrato dentro un’altra volta…
Il tutto cola sul cuscino…
Il mio cuscino tra l’altro…
I baci diventano bollenti, vedo le loro lingue danzare sotto ai miei occhi increduli.
Ormai sono fermi, Antonio non la sta scopando più, ma non accenna a spostarsi.
Si baciano… si leccano… si succhiano…
Stanno così per un bel po’, finché Antonio finalmente non decide di spostarsi sfilando il cazzo ormai flaccido da dentro la fica di mia moglie…
È tutta imbiancata di sperma..
Non riesco a non pensare che potrebbe averla messa incinta proprio sotto il mio naso.
Mi fa segno di leccargliela e come un automa obbedisco senza fiatare, anche stavolta.
Affondo la lingua in quel lago di sperma e ne assaporo il retrogusto degli umori di mia moglie…
Vedo con la coda dell’occhio che Antonio si sta rivestendo, ha un ghigno soddisfatto sul viso.
Perlomeno è silenzioso, potrebbe fare rumore, ma devo dire che è molto corretto da questo punto di vista.
Se si fa quello che vuole lui poi mantiene le promesse.
Nappo via tutto il seme che cola dalla fica di Federica e la bacio in bocca.
Quando ho finito di leccare Antonio è già uscito da parecchio.
Posso liberare Federica e tornare a guardarla negli occhi…
Ha un viso bellissimo, è raggiante nella sua felicità.
Il post orgasmo le ha donato un diffuso rossore sulle guance e i suoi occhioni risaltano ancora di più.
Ha un viso disteso e rilassato, appagato.
Mi bacia con passione, cingendomi il collo con le mani.
Rispondo al bacio, ma mi fanno male le palle.
Voglio godere anch’io, sono troppi giorni che sono in astinenza…
Purtroppo dovrò sopportare ancora, stasera non sarà possibile…
A meno che non rinuncio all’idea di farmi “aiutare” da Federica…
Potrei andare in bagno a farmi una sega… sarebbe sicuramente una liberazione…
L’idea mi piace, ma non trovo il modo di metterla in pratica.
Rimango a chiacchierare un po’ con Federica, che scherza sulla mia trasformazione in pornoattore con il semplice legarla e bendarla.
Alla fine ci baciamo ancora un po’ e andiamo a dormire.
Le mie povere palle sono ancora piene e indolenzite e ho l’odore dello sperma di Antonio acre e pungente che tormenta il mio naso…

Il giorno dopo scrivo un messaggio ad Antonio per chiedergli se mi potevo fare una sega.
Permesso negato.
Dovevo venire al prossimo approccio di Federica e lasciarla insoddisfatta.
E avrei anche dovuto avvisarlo appena fosse successo.
Cosa che succede il giorno dopo, quando Federica la sera si fa trovare nuda con una benda e lo straccio che uso di solito per legarla.
Scherza sul fatto che così mi sarei trasformato in Rocco Siffredi e l’avrei trattata come merita.
In realtà come previsto ho fatto una figura di merda.
Non solo non l’ho fatta eccitare come riesce a fare Antonio con la lingua, ma al momento di metterlo dentro non sono arrivato neanche a dieci secondi e me ne sono venuto sulle lenzuola…
Neanche il coraggio di venire dentro mia moglie…
Lei si è stizzita da morire.
Si è girata di lato e si è addormentata senza darmi il bacino della buona notte e senza commentare…
Sono frustrato ed avvilito, ormai vivo in funzione di Antonio, gli preparo pure il terreno per farmi tranciare come un ramo secco da mia moglie…
Il giorno dopo avviso Antonio che mi concede un altro tentativo la sera stessa.
Tentativo che va relativamente meglio…
Ma se pure una volta sarebbe potuto essere decente stavolta non ha neanche accesso il desiderio di Federica che mi ha guardato quasi con pena…
Ormai la sto perdendo…
Antonio mi scrive tutti i giorni di chattare con mia moglie, che lei flirta sempre più spudoratamente con lui…
Mi manda anche i suoi messaggi per farmeli leggere e girare il coltello nella piaga.
Parlano di me, deridendomi per le prestazioni altalenanti.
Antonio fa finta di non essere interessato a lei, sfuggendo e facendo il prezioso, ma dopo l’ultima disastrosa prestazione Federica gli dice chiaramente che ha bisogno di un massaggio, da leggere “scopata colossale”.
E inevitabilmente finiscono per organizzarsi in un albergo, come una qualsiasi coppia di amanti, per cercare di non farsi scoprire da me.
Mi sono chiesto perché non hanno organizzato come l’altra volta a casa, visto che se Antonio mi ordina di lasciargli il campo libero io obbedisco sempre senza creare problemi.
La risposta mi arriva il giorno in cui i due hanno “consumato” il tradimento ai miei danni.
Federica è tornata a casa stravolta ma contenta, ritornando a baciarmi in bocca per salutarmi.
Farneticando su quanti impegni ha avuto a lavoro e su quanto si sia fatto tardi…
Abbiamo cenato e ci siamo rilassati davanti alla tv col suo classico massaggio ai testicoli…
L’indomani mattina capii tutto.
Antonio mi gira un pezzo di video in cui si vede perfettamente il suo volto e quello di Federica mentre sono impegnati a scopare.
La telecamera è stata posizionata di lato rispetto al letto, riprendendoli quindi entrambi sul fianco.
Nel pezzo di video che mi ha mandato si sente solo Federica che geme in preda al piacere, non parlano…
Il messaggio di Antonio che segue il video è esplicito:

“Ormai è fatta!
Tua moglie è mia.”

Non rimango sorpreso.
Me lo aspettavo, e comunque un po’ me lo merito.
E si merita anche Federica di godere…
Io ormai mi sento annullato, umiliato… inutile…

“Congratulazioni…”

Gli rispondo, amaramente…

“Non vuoi vedere tutto il video?”

Mi chiede subito dopo la mia risposta…
Mentre penso a cosa rispondere, che poi coincide sul se voglio veramente vedere mia moglie che mi deride e si concede ad un altro lui mi incalza:

“Dai che mi mancano i tuoi pompini…
Ci rivediamo il video e ti faccio bere…”

E immediatamente divento la sua troietta.

“Dimmi quando…”

È la mia risposta…

Ormai non ho più dignità…

Le conseguenze dei miei comportamenti stanno per sbattermi in faccia senza pietà, e il vortice di perversione si sta estendendo a macchi d’olio essendo arrivato ormai a coinvolgere pure Federica

2 commenti

  1. Direi una situazione senza via d’uscita….

  2. Complimenti molto coinvolgente e realistico mi ci ritrovo nella coppia

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.