L’ Autunno – Capitolo 10 – Terrazza con vista

Nella tarda mattinata del giorno successivo, ultimo giorno prima della partenza, Claudia decise di andare a prendersi un aperitivo leggero al bar. Sperava in cuor suo di non rivedere i due uomini della discoteca e, guardatasi intorno appoggiata al bancone del bar, constatò con grande sollievo che dei due non ve n’era traccia. Troppo fresca ancora l'esperienza con il nonno di Matteo. Ma la presenza della ragazza non sfuggì a T***, che aveva cercato in quei giorni la giovane. Non l’aveva vista a cena la sera precedente e aveva dunque controllato sul libro degli arrivi e delle partenze degli ospiti. [...]

Di |2021-07-28T09:05:50+02:0028 Luglio 2021|Erotici Racconti, Racconti Erotici, Trio|

Marta – Epilogo

Passarono i giorni ed il lavoro e la famiglia mi richiedevano sempre più tempo, mentre Marta era ogni giorno più presa con la preparazione della maturità. Vedersi era quasi impossibile e quindi ci tenemmo in contatto tramite messaggi, che spesso andavano sul pesante, ricordando il nostro incontro nella casa di campagna. Purtroppo, nonostante la voglia di rivedersi c’erano delle difficoltà oggettive che ci impedirono di incontrarci. Spesso lei mi mandava delle sue foto molto intime che a malincuore dovevo cancellare dopo averle viste per evitare che cadessero sotto gli occhi sbagliati. Tra l’altro, Silvia aveva cominciato ad avere un’idea non [...]

Marta – Parte seconda

La mattina seguente, mentre ero al lavoro ricevetti via messaggio il buongiorno da Marta: “Ti scrivo quando sei al lavoro così tua moglie non ti rompe le palle”. La ragazza aveva capito che non doveva farmi correre rischi e questo mi fece piacere. Iniziammo a sentirci spesso, purtroppo soltanto tramite messaggi a causa della difficoltà di ritrovarsi, anche perché la mia disponibilità era legata all’orario di lavoro, la sua all’ultimo anno di liceo ed alla preparazione della maturità. Passarono molte settimane, arrivò aprile ed un giorno Silvia mi preannunciò che avrebbe portato nostro figlio per un paio di giorni al [...]

Marta – Parte prima

A questo racconto tengo molto e spero che anche altri lettori sapranno apprezzarlo. L'ho scritto qualche anno fa, prendendo molti spunti da una serie di eventi realmente accaduti. Fino ad oggi lo avevo tenuto per me per non perdere mai il ricordo di certi momenti. Oggi ho deciso di condividerlo. Buona lettura. Era il compleanno di mio cognato e come ogni anno la famiglia si era riunita per una cena nel ristorante gestito dai genitori di mia cognata. Solitamente era una bella serata anche se resa confusa dalla presenza dei figli del festeggiato e di quelli di suo fratello. Per [...]

Estate sicula pt.4

Mi riprendo dalla venuta e dal picco euforico che mi ha portato a sporcare il bagno in cui mi trovo, prendo la carta igienica e pulisco come meglio riesco soprattutto per eliminare tracce indesiderate. Torno in ufficio, non prima di averle scritto sul messaggio in risposta alle foto quanto avessi goduto e come spero di riuscire a farlo con lei. Cerco di riprendere un po’ l’attenzione così torno dai miei colleghi e ci mettiamo a lavorare a capo chino per dare il via a questo progetto che ci accompagnerà nei prossimi mesi. Ovviamente non è facile, nella mente e sulle [...]

Il debito da pagare.

Capitolo 1 – Nella tana del lupo Gloria non lo voleva, quell’uomo, ma era in suo potere. Era un uomo untuoso, lo conosceva da tanti anni. Voleva passare per amico, ma non lo era. Lui faceva l’orologiaio formalmente ma la sua vera attività era quella di usuraio. Era sposato con figlie ormai grandi. In maniera apparentemente gentile aiutava le persone, salvo farle continuare ad indebitarsi e poi, quando non potevano più restituire il debito, cambiava atteggiamento e diventava duro e prepotente. E dettava le sue condizioni. Il suo cazzo nodoso, lungo più di 20 cm., oscillava davanti alla sua bocca [...]

Di |2021-07-25T22:52:57+02:0025 Luglio 2021|Racconti di Dominazione, Racconti Erotici|

Il porco conosciuto in chat

Chattando con un uomo molto porco su un sito "piccante" mi eccitavo da morire. Lui mi faceva omaggio di video di sue seghe con grandi ed abbondanti sborrate finali, aveva un cazzo noduloso, non esageratamente grosso ma estremamente eccitante e dalla cappella volgare, gonfia e turgida, insomma il cazzo come piace a me. Mi masturbavo tantissimo al pensiero che lui godesse mentre mi pensava, mentre mi immaginava a succhiargli la verga, mentre aveva una gran voglia di trombarmi, di ficcarmelo tutto su per il culo. Purtroppo viviamo lontani per cui i nostri desideri si limitavano alla fantasia delle chat e [...]

Di |2021-07-25T22:48:54+02:0025 Luglio 2021|Racconti Erotici, Tradimento|

La Caduta, Oltre il Confine. Sul mare

Mi adattai alla vita di bordo con l’impacciata applicazione di chi, pur non avendo mai messo piede a bordo di una nave, ce la mette tutta. Durante le prime ore a bordo mi fu assegnato un turno ai remi e, una volta terminato di remare quando il vento era favorevole, aiutavo in cucina. Quello e un sostanzioso pagamento avevano permesso a me e a Fatma di salire a bordo. Tork era un gigante buono, ma la sua ciurma non appariva altrettanto benevola: c’erano genti di più e più popoli. Riconobbi almeno un romaneo, un vecchio dai capelli bianchi che svolgeva [...]

Di |2021-07-25T10:37:39+02:0025 Luglio 2021|Racconti Erotici, Voyeur|

Linda la nerd – Capitolo 22

Per commenti, critiche o ricevere il racconto completo in PDF, potete contattarmi via email Nelle puntate precedenti: Francesca credeva di aver sconfitto Linda fuori dal campo della gara di pompini corrompendo i giudici con il suo corpo, quando, come una doccia gelata, scopre che la stronza non solo ha risposto al suo attacco, ma ha addirittura usato il proprio culo per ritornare nella competizione. Francesca non sa cosa la sconvolga maggiormente: Linda che dimostra di essere disposta davvero a tutto per strapparle la vittoria? Il fatto che Daniele, il bel Daniele, il giudice di cui è innamorata, possa aver goduto maggiormente [...]

Estate sicula pt.3

Così la macchina riparte, nel silenzio dei sorrisi e degli sguardi che tra un semaforo e l’altro ci scambiamo. Dentro di me c’è solo tanta, tanta adrenalina e ancora voglia delle sue labbra, il suo profumo e il sapore della sua pelle, un misto di bramosia e senso d’incompiuto che mi porta a spostare la mia mano sul suo viso e scostarle i capelli mentre tira il freno a mano nel retro dell’Hotel. “Sicura che non vuoi salire vero ?” D: “Scherzi ? È pure tardi… e già i sensi di colpa mi stanno mangiando viva” “Dai non dire così [...]

Torna in cima