Turismo sessuale

TURISMO SESSUALE Questa zona periferica può esser descritta con tre parole: squallida, sporca, deserta. Ci sono persone, automobili, negozietti caotici e sciatti, un piccolo discount, biciclette, anche arrugginite, e motorini vetusti. In certi punti il marciapiedi non è percorribile, ingombro com'è, l'asfalto ha più buchi di una spugna. Ciononostante mi dà l'impressione di vagare in un deserto. Non che ci sia mai stata, nel deserto. Ah, ecco: mi sento isolata; è per questo. Che ci faccio io, qua? Sto cercando un sex shop. Ho voglia di qualche novità. Che abbia voglie non esattamente gastronomiche risulta evidente dal mio vestito, che [...]