'O PIRETO By Duplex

[ - ]   Stampante Indice

- Text Size +
O PIRETO

Chiammàteme nu chiàveco,
chiammàteme fetente,
ma si faccio nu pireto
ne godo overamente.

Si magno pasta e cicere
nzieme cu dduie fasule
e nu piacere a ssèntere
comme scurreggia o culo.

Sarrà nu brutto vizio,
ma chi e can un o tene?
Anze, e o cchiu fesso e ll uommene
chillo ca s o mantene.

Ve sfido a cuntraddirmelo
ca, si nun fa rummore
ve fa piacere e sentere
o pucurillo e addore.

E tutte quante, in genere,
ne fanno grande abuso;
sulo e signure nobbele
s appilano o purtuso.

Si uno, per esempio
tene e rulure e panza
facenno quatto pèrete,
fernesce ogne lagnanza.

Appena o culo scarreca
te passa tutto o mmale,
e puose cu nu pireto
o piso e nu quintale.

Si chesto nun succede
a panza cchiu s abboffa
e faje na puzza seria
se scàrreca na loffa.

Percio, chi affoca o pireto
e proprio o rre de fess
perche a puzza, e logico,
se sente sempe o stesso.

E vizio ereditario
ca tengo da guaglione,
papà faceva o pireto
cchiu forte e nu cannone.

Vo ggiuro, nun esagero,
ca na vota, cacanno,
papà schiattaje nu càntero
e s abbuccaje nu scanno.

E me diceva: E inutile,
o pireto vo o sfoco,
a puzza e cchiu teribbele
si o caccie a poco a poco.

Te ponno pure ricere
ch e pireto malato,
ch e gghiuto int a milizia
e ll hanno rifurmato.

Ma quanne tu lle scàrreche
nu pireto che vale,
allora lle può dicere:
Chisto e nu generale!



Traduzione:

Ditemi pure: porco
Ditemi: sei fetente!
ma io, quando scorreggio,
ne godo veramente.

Se mangio pasta e ceci
e di fagioli un po
e un piacere ascoltare
come canta il popo.

Magari è un brutto vizio,
ma, al fin, chi non lo tiene?
Anzi, povero sciocco,
chi il peto si trattiene.

Vi sfido, contradditemi,
anche senza rumore
diventa divertente
sentirne un po l odore.

E questa un abitudine
diffusa in ogni ceto;
solo i signori, i nobili,
si trattengono il peto.

Se uno, per esempio,
ha un forte mal di pancia,
gli passa tutto e subito
se due scorregge sgancia.

Scaricare dal culo
guarisce tutti i mali:
e un peto, certe volte
ti mette su: le ali.

Se questo non lo fai
la pancia, grossa e goffa,
appesterà l ambiente
scaricando una loffa.

E questo, è quel motivo,
chi lo trattiene è fesso:
tanto è lampante e logico,
che al fin puzza lo stesso.

E un vizio ereditario,
di far col culo tromba,
papà faceva un peto
più forte di una bomba.

Lo giuro e non esagero
che una volta, ricordo come adesso,
abbattette la tavola
e spaccò pure il cesso.

Poi, mi diceva: è inutile,
la scorreggia è fetente:
la puzza è micidiale,
se sganci lentamente.

C è chi fa la battuta,
che il peto tuo è appestato,
che è andato militare
e che l hanno cacciato

allora tu ne scarichi
uno fenomenale
e allora puoi gridargli:
- Tie!
Questo è un generale! -
Note Finali: Angelo Manna, con meticolosa ricerca, ritrovò e mise insieme, questo inestimabile patrimonio dialettale in una raccolta intitolata: L’ inferno della Poesia Napoletana.

In Evidenza

Racconti erotici recenti

Alessandra, moglie di un cuckold by mikimark Erotico
Continua l'iniziazione della bella giovane moglie da parte mia, uomo cuckold
Il Sicario - Collana il Dravor Vol. IV by Koss Erotico
Koss è un avventuriero privo di scrupoli, ma giusto, affascinante e leale...
Il ricatto by Apogeo Vietato ai minori
La bella e brillante Stefania è disposta a tutto perché non si sappia in giro...

Uno a caso!

Punita by Rupescissa Vietato ai minori
esibizione pubblica e punizione di una sorellina... intraprendente