i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
‘O PIRETO

ChiammÓteme nu chiÓveco,
chiammÓteme fetente,
ma si faccio ‘nu pireto
ne godo overamente.

Si magno pasta e cicere
‘nzieme cu dduie fasule
e’ nu piacere a ssŔntere
comme scurreggia ‘o culo.

SarrÓ nu brutto vizio,
ma chi e’ can un ‘o tene?
Anze, e’ ‘o cchiu’ fesso ‘e ll’ uommene
chillo ca s’ ‘o mantene.

Ve sfido a cuntraddirmelo
ca, si nun fa rummore
ve fa piacere ‘e sentere
‘o pucurillo ‘e addore.

E tutte quante, in genere,
ne fanno grande abuso;
sulo ‘e signure nobbele
s’ appilano ‘o purtuso.

Si uno, per esempio
tene ‘e rulure ‘e panza
facenno quatto pŔrete,
fernesce ogne lagnanza.

Appena ‘o culo scarreca
te passa tutto ‘o mmale,
e puose cu nu pireto
‘o piso ‘e nu quintale.

Si chesto nun succede
‘a panza cchiu’ s’ abboffa
e faje na puzza seria …
se scÓrreca ‘na loffa.

Percio’, chi affoca ‘o pireto
e’ proprio ‘o rre d’’e fess’
perche’ ‘a puzza, e’ logico,
se sente sempe ‘o stesso.

E’ vizio ereditario
ca tengo da guaglione,
papÓ faceva ‘o pireto
cchiu’ forte ‘e nu cannone.

V’’o ggiuro, nun esagero,
ca ‘na vota, cacanno,
papÓ schiattaje nu cÓntero
e s’ abbuccaje nu scanno.

E me diceva: E’ inutile,
‘o pireto vo ‘o sfoco,
‘a puzza e’ cchiu’ teribbele
si ‘o caccie a poco a poco.

Te ponno pure ricere
ch’ e’ pireto malato,
ch’ e’ gghiuto int’ ‘a milizia
e ll’ hanno rifurmato.

Ma quanne tu lle scÓrreche
nu pireto che vale,
allora lle pu˛’ dicere:
Chisto e’ nu generale!



Traduzione:

Ditemi pure: porco
Ditemi: sei fetente!
ma io, quando scorreggio,
ne godo veramente.

Se mangio pasta e ceci
e di fagioli un po’
e un piacere ascoltare
come canta il popo’.

Magari Ŕ un brutto vizio,
ma, al fin, chi non lo tiene?
Anzi, povero sciocco,
chi il peto si trattiene.

Vi sfido, contradditemi,
anche senza rumore
diventa divertente
sentirne un po’ l’ odore.

E’ questa un’ abitudine
diffusa in ogni ceto;
solo i signori, i nobili,
si trattengono il peto.

Se uno, per esempio,
ha un forte mal di pancia,
gli passa tutto e subito
se due scorregge sgancia.

Scaricare dal culo
guarisce tutti i mali:
e un peto, certe volte
ti mette su: le ali.

Se questo non lo fai
la pancia, grossa e goffa,
appesterÓ l’ ambiente
scaricando una loffa.

E questo, Ŕ quel motivo,
chi lo trattiene Ŕ fesso:
tanto Ŕ lampante e logico,
che al fin puzza lo stesso.

E’ un vizio ereditario,
di far col culo tromba,
papÓ faceva un peto
pi¨ forte di una bomba.

Lo giuro e non esagero
che una volta, ricordo come adesso,
abbattette la tavola
e spacc˛ pure il cesso.

Poi, mi diceva: Ŕ inutile,
la scorreggia Ŕ fetente:
la puzza Ŕ micidiale,
se sganci lentamente.

C’ Ŕ chi fa la battuta,
che il peto tuo Ŕ appestato,
che Ŕ andato militare
e che l’ hanno cacciato …

allora tu ne scarichi
uno “fenomenale” …
e allora puoi gridargli:
- Tie’!
Questo Ŕ un generale! -
Note finali:
Angelo Manna, con meticolosa ricerca, ritrov˛ e mise insieme, questo inestimabile patrimonio dialettale in una raccolta intitolata: L’ inferno della Poesia Napoletana.