i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
…mi prese violentemente e mi fece sbattere contro il muro. La guancia destra sfregava contro la parete fredda, le lacrime scendevano leggere sul mio viso, fino a morire sul collo, oggetto di ripetuti morsi innocenti.
La sua lingua percorreva senza pudore il mio collo, brividi di piacere, passione e paura accompagnavano il suo tocco caldo e umido. Le sue mani lottavano contro i mille bottoni della camicia, che sembravano non finire mai.
I tentativi di liberarmi dalla sua presa furono vani. Il suo respiro si fece sempre più pesante sulle mie scapole, mi fece voltare, e per la prima volta da quella sera potei guardarlo in faccia. Sul suo viso era dipinto uno sguardo famelico, aveva fame di me. Era come una tigre impazzita con la sua preda salda fra le zampe. Incominciò a muoversi violentemente contro il mio basso ventre, il suo bacino compiva movimenti alternati, che agevolarono il crescere della sua eccitazione in mezzo alle gambe.
“Sai che non dovremmo farlo” biascicai, sentendo che qualcosa di tremendamente duro stava prendendo forma sotto i suoi jeans.
“Ti desidero da una vita, non me ne frega un cazzo di quello che dovremmo o non dovremmo fare” mi disse.
Gli presi il viso fra le mani, costringendolo a guardarmi.
“Fermati Matt, ti prego” implorai. “Non ti riconosco più, non sei più tu. E guardami, cazzo, guardami in faccia!”
Una lacrima sgorgò sulla sua guancia destra. La raccolsi con le dita, impedendole di vivere un secondo di più.
“Ma non capisci?” sbraitò, dando un pugno al muro. “Non capisci che tu sei mia? Non possiamo continuare così, non possiamo fingere di essere amici se ogni volta che ti vedo con qualsiasi cosa tu abbia addosso mi si rizza. Io sono attratto da te, sei come una calamita per me, sei come miele, vedila come vuoi, ma non riesco a non toccarti per più di un secondo, ho bisogno di sentirmi dentro te, ho bisogno di vederti gemere dal piacere, di farti venire, di sentirti sudata, di sentire il tuo respiro sotto me. Mi ubriaca anche solo vederti fare la spesa, comprare un giornale, mangiare un gelato, portare a spasso il cane. Le più perfide fantasie si liberano dentro di me ogni volta che ti vedo compiere un'azione giornaliera. Perciò ti prego, fammi essere tuo e sii mia per una notte. Soltanto una notte.”
Le sue parole risuonarono dentro me, la testa cominciò a girare, la vista ad annebbiarsi. Come avevo potuto non notarlo prima? Era ovvio. Prestava troppo attenzioni al mio corpo, ogni volta che ci salutavamo, che ci abbracciavamo, la sua presa su di me non era da semplice amico, era troppo… troppo. Improvvisamente mi avvinghiai contro di lui e lo baciai con tutta la forza mi era rimasta in corpo. Le mie mani percorsero ogni centimetro del suo collo, della sua nuca, gli presi i capelli e glieli tirai, da quanta eccitazione e adrenalina aveva iniziato a scorrermi dentro. Per la prima volta mi sentivo completamente desiderata ed abbandonata a una persona.
Mi strappò la camicetta di dosso, i bottoncini da slacciare erano decisamente troppi. Ci svestimmo alla svelta, e in un batter d'occhio finimmo con l'avere addosso solo un piccolo slip e un paio di boxer neri. I miei seni brillavano alla luce della luna, umidi della sua saliva, e i capezzoli mi si inturgidirono dentro alla sua bocca, che li mordicchiava leggermente. In mezzo alle gambe sentii un umore umidiccio percorrermi sino alle cosce, segno della mia evidente eccitazione.
Mi inginocchiai davanti a lui, e gli baciai i boxer, che contenevano a stento il suo enorme membro ormai eretto. Glieli tolsi in fretta e gli presi il cazzo in erezione fra le mani, massaggiandolo lentamente dalla cappella, fino ai testicoli. Timidi gemiti di piacere gli uscirono dalla bocca, mentre la mia lingua iniziava a bagnarlo. In men che non si dica riuscii a prenderglielo quasi tutto in bocca, e resistetti più di una volta ai conati di vomito. Le sue mani mi tenevano stretta la nuca, e mi guidavano prima piano, poi più velocemente su di lui. Dopo essermi saziata, mi alzai in piedi e lo condussi nella mia camera, testimone timida di quell'improvviso piacere.
Mi sdraiai sul letto mettendomi sotto di lui, ci baciammo a lungo mentre con le mani finivo di saziarmi del suo cazzo. La sua bocca scivolò fra le mie costole, baciandole una ad una e solleticò l'ombelico facendomi sussultare. Mi diede piccoli morsi nell'interno coscia fino a togliermi gli slip e farsi spazio in mezzo alle mie gambe. Il cuore mi batteva a mille, il clitoride mi pulsava, stuzzicato dalla sua bocca. Lo baciò a lungo, e raggiunse il mio piccolo buchetto, che riempì facilmente della sua lingua.
Essendosi nutrito dei miei umori, tornò sul clitoride, una bomba ad orologeria, ed entrò dentro di me con le sue lunghe dita affusolate. Gemetti, in piena eccitazione, e i suoi espliciti consensi mi fecero rilassare sempre di più.
“Non farmi… venire… adesso…” cercai di dirgli.
Appena capì smise di penetrarmi, e mi baciò a lungo, facendomi assaggiare ciò che gli era rimasto di me sulle dita. Cambiammo posizione, e mi sistemai a cavalcioni sopra di lui, muovendomi avanti e indietro e facendolo impazzire di voglia. Certamente, anche il mio clitoride mi stava ringraziando.
Non potendo più aspettare lo presi in mano e lo spinsi piano dentro di me, urlando dal piacere che la sua presenza mi regalava. Le contrazioni della mia vagina lo inghiottivano sempre più ad ogni spinta e, in preda all'eccitazione, mi afferrò per i fianchi e mi mosse a modo suo. I miei movimenti si fecero sempre più veloci, e mi accorsi di volerlo dentro me sempre più a fondo.
Dopo pochi minuti mi spinse sul letto di fianco a lui e, sempre con il suo cazzo dentro, iniziò a muoversi velocemente, con gli occhi socchiusi e i gemiti sempre più frequenti. Improvvisamente sentii qualcosa dentro me che divampò, chiusi gli occhi e, con una spinta più forte, un liquido caldo uscì e mi fece gridare per l'orgasmo violento.
Matt si fermò un attimo, giusto il tempo di dirmi “fammi venire dentro di te.”
Non avevo la forza di parlare, perciò annuii.
Matt riprese a spingere, ogni volta arrivando sul fondo. Sentivo la punta del suo membro colpirmi la cervice, facendomi gemere di dolore e di eccitazione.
Subito dopo avvertii Matt irrigidirsi tra le mie gambe. Mi teneva stretta con forza mentre sentivo il suo seme che mi riempiva la vagina.
Immediatamente riprese di nuovo a spingere quel suo grosso membro dentro di me, intanto che lui singhiozzava ancora gli ultimi spruzzi. Sentivo il suo membro ancora rigido che mi voleva ancora. Le spinte divennero di nuovo frenetiche.
Andò avanti ancora forse per dieci minuti. Io avevo la testa tra le nuvole e la vagina in fiamme tra dolore e desiderio.
Questa volta l'orgasmo ci raggiunse simultaneamente. Lui inondandomi la vagina col suo seme ed io comprimendo in una morsa il suo bel cazzo.
Matt uscì da me, ansimando. Si girò sulla schiena e mi sorrise, dicendo “voglio entrare anche dietro.”
Ero impaurita, nessuno mai aveva osato toccare il mio culetto vergine, io stessa avevo paura del male che potesse farmi, e per un secondo esitai.
“Non ti farò male, farò piano…” mi rassicurò Matt.
“Io non… Non l'ho mai fatto…” balbettai.
“Proviamoci.” disse lui, baciandomi in modo rassicurante. Lentamente mi baciò il culetto, e mi leccò a fondo, bagnandomi.
“Ti prego, fai piano…” implorai, mentre mi puntava la cappella e cominciava a spingere, per dilatarmi.
Inizialmente il male fu lancinante ma, dilatatomi il buco, tutto si fece più facile e iniziai a massaggiarmi il clitoride con le mani, mentre lui spingeva sempre più energicamente, urlando. Non ci volle molto perché la sua sborra invase ogni centimetro del mio buco, facendolo tremare per l'orgasmo.
Eravamo stremati, ma completamente appagati. Mi accovacciai accanto a lui e, nudi e sudati, ci sorridemmo.
“Scusami, se l'ho capito troppo tardi…” dissi.
“No, non lo hai capito troppo tardi.” mi sorrise, baciandomi.
“E ti prometto che non sarà solo per questa notte.”

Dopo quella notte, non ne passò una senza di lui. Ogni volta era come se fosse la prima volta. Frenesia di possederci a vicenda e la dolcezza infinita di due persone che all'improvviso scoprono di amarsi.
Un giorno, dopo aver passato la notte insieme a casa sua.
“Vieni a vivere qui con me…”
Non so. È un grande impegno quello che mi propone. Ma sicuramente siamo fatti l'uno per l'altra.
“Ci penserò… davvero. Ti prometto che ci penserò”