i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Note dell'autore:
Questa è solo l'introduzione del racconto
Luca era disperato stava per cominciare la notte più orribile ed eccitante della sua vita.
Da circa tre mesi sua madre, Catia, era strana. Alternava momenti di euforia a momenti di quasi depressione. Oltretutto lei, che normalmente era sempre molto precisa negli orari, cambiava spesso programma. A volte la sera non tornava nemmeno a casa dal lavoro gli telefonava per dirgli di mangiare qualcosa di freddo o di ordinarsi una pizza rientrando poi dopo la mezzanotte senza dare spiegazioni.
Luca sapeva benissimo che, anche se mai in maniera così esagerata, questo era il modo di comportarsi di sua madre quando aveva una storia, ma in passato sua madre gli aveva presentato il fortunato due o tre settimane dopo che si erano messi assieme, questa volta tutto sembrava segreto, anche se il modo di vestire era chiaramente più sexy del solito.
Negli ultimi tre o quattro giorni sua madre era nervosissima. Le cose gli cadevano dalle mani e sembrava posseduta dalla rabbia ogni qualvolta gli accadeva qualcosa. Oggi, sabato, gli aveva detto che avrebbero pranzato fuori in un agriturismo di poco fuori città perché doveva parlargli. Luca pensò che era l’ora. Normalmente sua madre quando gli doveva parlare di un nuovo “papà” come scherzosamente dicevano tra di loro faceva sempre così. La novità era che nelle volte precedenti era sempre allegra e scherzosa mentre questa volta era seria e nervosa.
Tutto andava come previsto, come un film già visto. Passaggio veloce nel centro commerciale, poi pranzo nell’agriturismo e poi passeggiata nel lungo lago non molto distante dove lei di solito lo metteva al corrente della novità. Solo che stavolta il finale per Luca era stato tanto incredibile quanto drammatico. Il misterioso amico di mamma, il suo amante da oltre tre mesi non altri che Marco, il suo quasi amico Marco. Marco era un suo compagno di classe dell’ultimo anno appena concluso delle superiori. Aveva solo un anno più di lui in quanto ripetente. Non solo la cosa gli sembrava impossibile, ma Marco gli stava assai antipatico in quanto lo bullizzava spesso mettendolo spesso in ridicolo con Massimo, Roberto e Simone i soli amici con cui lui avesse legato in tanti anni. Anche loro suoi compagni di scuola, prima dell’arrivo di Marco lo trattavano da pari a pari ma dopo lo prendevano in giro anche loro a causa del suo carattere sottomesso facendogli a volte scherzi anche crudeli.
Luca la prese malissimo, non si dava pace, e non sapeva ancora l’aspetto più terribile.
Sua madre, tranquillamente, come se fosse normale parlare di queste cose tra madre e figlio, gli disse che il suo rapporto con Marco non era proprio normale, e non certo per la differenza d’età. Marco aveva gusti un po’ strani, gli piaceva dominarla e lei aveva scoperto con sua meraviglia, che la cosa le piaceva. Disse che gli aveva fatto conoscere quella parte di troia che c’era in lei.
Luca era sempre più sconvolto. Dopo aver collegato il fatto che in effetti Marco negli ultimi tre o quattro mesi era un po’ latitante nel gruppo, disse a sua madre che doveva immediatamente interrompere ogni tipo di rapporto con lui. La madre gli rise in faccia. Mai nella sua vita si era sentita così presa da un rapporto con un uomo, ne sentimentalmente ne sessualmente, lui la appagava completamente, era straordinariamente dotato e gli provocava orgasmi solo a guardarla. A Luca non sembrava vero che fosse sua madre a parlare così, sapeva che Marco era molto dotato perché dopo qualche partita a calcetto avevano fatto tutti gli amici la doccia assieme e lui aveva notato che Marco da moscio l’aveva più lungo di lui da duro. Sua madre gli disse che non solo non voleva lasciarlo ma che era disposta a fare qualsiasi cosa pur di tenerselo.
Purtroppo per Luca non era ancora finita. La mazzata doveva ancora arrivare. Marco gli aveva chiesto una prova d’amore, come se lei fosse ancora una ragazzina. Quella sera doveva uscire con lui assieme ai suoi soliti amici (Massimo, Simone e Roberto) ed essere molto gentile con loro, fino al punto, se si fosse creata l’atmosfera, di fare un’allegra orgetta. E’ non era ancora finita qui. Marco voleva che lei raccontasse tutto a Luca come aveva fatto e che poi Luca telefonasse personalmente a lui per chiedergli di far divertire sua madre, passare una bella serata tutti assieme, e che era d’accordo e felice per i suoi amici. Ovviamente Luca non era invitato. Luca disse che Marco era pazzo e che lei era pazza più di lui se pensava che avrebbe fatto una cosa del genere. Lei gli disse seria che se lui non avesse fatto questo, Marco l’avrebbe lasciata. Luca rispose che era meglio così, un motivo in più. Luca gli urlo che doveva fare la madre, che nessuna madre avrebbe chiesto al figlio di sputtanarsi così. Allora Catia veramente spazientita gli urlo ancora più forte che lui come figlio era altrettanto strano e porco visto che cercava sempre di sbirciarla quando si cambiava, che una volta l’aveva visto mentre la spiava da lontano nella pinetina in vacanza quando lei si era appartata per pisciare, che tutte le sere si masturbava annusando le sue mutandine e le sue calze sporche e che sul computer assieme a centinaia di foto porno aveva anche una cartella con foto di lei in costume per eccitarsi meglio. Luca non aveva parole anche perché sapeva che tutto era vero. Catia gli porse il cellulare e gli ordinò di telefonare, se non l’avesse fatto l’avrebbe sbattuto fuori di casa, mentre se l’avesse fatto non solo lei gli avrebbe voluto più bene, ma non avrebbe più dovuto nascondersi per masturbarsi con le sue mutandine ma gliele avrebbe date lei stessa ogni sera e l’avrebbe fatto assistere mentre lei si faceva la doccia di ritorno dai suoi incontri focosi appuntamenti così da vedere finalmente com’era fatta una donna. Luca con voce e con mano tremante telefono a Marco in vivavoce dicendogli che poteva passare quella sera a prendere sua madre, e che era felice per loro e gli augurava di divertirsi. Marco strafottente sottolineo il fatto che sarebbero stati presenti anche i suoi tre amici e che anche loro avrebbero voluto divertirsi. Luca disse che era felice anche per loro. Marco lo ringrazio anche a nome loro, e per umiliarlo ulteriormente gli disse che dal momento che sapeva che lui e sua madre erano stati a letto assieme e che avevano una storia da adesso in poi avrebbe frequentato più spesso casa loro, ci avrebbe passato anche qualche notte e pertanto pretendeva che si rivolgesse a lui chiamandolo papà Marco. Luca distrutto disse di si. Marco pretese che rispondesse “si papà Marco”. Luca fece come disse. E Marco sbellicandosi dalle risate rincarò la dose facendogli notare che forse da domani avrebbe avuto altri tre papà.
Quella sera Marco venne a prendere Catia in casa. Salutò Luca e come a prendere possesso definitivamente possesso di sua madre la limono con irruenza sotto gli occhi di Luca. Poi toccandogli il culo e alzandogli il vestitino per vedere se avesse messo i collant e le mutandine bianche che le aveva indicato lui, (voleva che apparisse quasi normale per la prima volta dei suoi amici) sempre il tutto davanti a Luca lo saluto e se la porto in discoteca dove l’aspettavano i tre che erano stati informati anche loro quel giorno, anche se Marco gli aveva rivelato della storia già due giorni prima.
Catia prima che arrivasse l’amante lo aveva rassicurato del fatto che Marco avrebbe vigilato e garantito sulla loro riservatezza e poi gli consegno le mutandine che aveva portato quel giorno augurandogli di divertirsi, poi gesto inaspettato si scopri una tetta e gli diede una carezza sui pantaloni dove si era eretto il cazzo dicendogli che così poteva ispirarsi.
Aveva inizio una lunga serata, Luca riceveva ogni dieci minuti un sms o una foto dell’andamento della serata sia da sua madre che dai suoi amici dove era chiaro che la serata procedeva secondo i piani dei ragazzi ma anche che sua madre sembrava godersela un mondo, non proprio come una preda sacrificale, ma come una che si voleva godere una bella gangbang con dei ragazzi che fino a ieri gli davano del lei e di cui era persino amica delle loro madri.
Note finali:
Scrivetemi per e-mail a writingcuck@mail.com per consigli e commenti, seguitemi su tumblr per materiale simile
https://slut-mom-cuckold-son.tumblr.com/