i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Questa estate sono andato qualche volta al Neapolis Sporting Club, quando non potevo spostarmi per andare a mare. In una di queste occasioni noto una bionda spettacolare, aveva un costume intero fuxia molto sexy di quelli che hanno comunque un apertura sul davanti e si vede l'ombelico, due belle tette e un culo da infarto. Mi incanto a vederla, fino a quando non mi accoro che il marito mi stava guardando, mi aspettavo un'occhiataccia e invece di sorride. Dopo poco sono andato via, ma l'immagine di quella bella donna e del sorriso del marito mi si è stampata in mente e non ho potuto fare a meno di immaginare che lui potesse offrirmela ed ecco come nasce il racconto sotto.

Per chi volesse contattarmi sono su coppiacuckold.com oppure via email andrea.sperelli1979@gmail.com




Falso Massagiatore


Avevo conosciuto una coppia napoletana per caso o meglio avevo conosciuto lui su FB, la sua idea era concedere la moglie, liberare tutto il suo potenziale da Troia. Ci scambiamo qualche foto e qualche fantasia, lei era una bella bionda sui trentacique anni con tutte le forme al punto giusto, la bocca sensuale e un viso da Bocchinara che te lo faceva venire duro all'istante.


Alla fine decidiamo di incotraci io e lui in un bar per un caffè, il suo sogno era quello di vederla scopata in una Gang Bang, dalle foto io avrei detto che una così poteva soddisfarne anche 100. Gli dissi però, "Amici per una scopata di gruppo con una Troia come tua moglie ne trovo quanti ne vuoi, però qui dobbiamo prima sbloccarla".

E lui, "Ineffetti esperienze non ne abbiamo mai fatte".

A:" Pensi di riuscire a convincerla a farsi fare un massaggio di fronte a te, dicendole che vorresti vedere un altro uomo che perlomeno la tocca?"

Lui: "Si può tentare"

A: "Ok fammi sapere" e ci salutiamo


Qualche settimana dopo mi arriva il messaggio su FB, "Ce l'ho fatta ha detto che almeno un massaggio se lo fa fare" e io "Ok, facciamo così, tu mi porti a casa dopo il lavoro e mi presenti come un massaggiatore a domicilio dicendole che hai voluto farle una sorpresa e vediamo fino a che punto riusciamo ad arrivare. Anche solo se si fa massaggiare è un passo in avanti". Lui: "Ok, giovedì puoi alle 18.30?" ed io "D'accordo, scrivimi dove".


Arriva il giorno dell'appuntamento, io mi presento in jeans e camicia sportiva con un piccolo zainetto in cui tenevo il cambio da usare durante il massaggio, canottiera e pantaloncino nero aderente, il gel per il massaggio di quelli che non ungono e hanno un sapore dolce e qualche giocattolino da usare all'occorrenza.


Lui arriva, io avevo già parcheggiato e mi fa sengno di salire in macchina. Lo raggiungo in un attimo e in 5 minuti siamo a casa sua. Si vedeva che non vedeva l'ora e anche io.


Entriamo e Lui. "Tesoro, sono qui con la tua sorpresa", la moglie entra in soggiorno e mi guarda un po' interdetta. Aveva un leggins nero che sottolineava le sua game tornite e una maglietta bianca molto semplice dal quale si intuivano le sue belle tette. Non aveva trucco e aveva i capelli legati, ma era bellissima anche così.




Lei:" Che sorpresa sarebbe?" indicandomi

Lui:" Andrea, fa massaggi a domicilio, ho pensato che potesse farti piacere"

Non la vedevo molto convinta, però poi mi guarda e dice "Ok, mi trovi un po' così in disordine", ed io "Signora è bellissima e poi io sono un professionista, non bado a queste cose" (mai menzogna più grande fu proferita).

Lei:"Cosa devo fare?"

A:" Potrebbe stendersi sul letto di traverso vicino al bordo a pancia in giù, magari con una asciugamano sotto e uno per coprire i glutei"

Lei: "Quindi dovrei essere nuda"

A:" Signora non si preoccupi, se mette l'asciugamano io vedrò solo la schiena e le gambe e poi c'è suo marito presente"

Lui:"Dai Tesoro non fare la timida, Andrea è un professionista, l'ho scelto apposta per te"

Qui temo che il marito abbia un po' esagerato e ho l'impressione che lei cominci a mangiare la foglia, ma forse vuole stare al gioco.

Lei:"Va bene vi chiamo quando sono pronta", va 5 minuti in bagno e poi si chuide in camera da letto.

Io rivolto al marito:" Posso usare il bagno un attimo anche io?"

Lui:" Certo, vai"


Entro in bagno mi spoglio e mi metto solo la canottiera aderente e il pantaloncino, senza boxer, appena mi fosse venuto duro (ed era già sulla buona strada) si sarebbe visto subito.

Poco dopo che sono uscito dal bagno la mogle ci chiama: "Sono pronta"

Lui:"Prego, vieni di qua" e mi guida in camera da letto, per un attimo ho avuto l'impressione che fosse un somelier che mi offriva un vino prelibato

Lei si era messa come le avevo suggerito, appoggiava la testa sulle braccia incrociate e guardava fuori dal letto, le gambe sporgevano un po', i capelli sempre legati. Aveva una bella schiena e le gambe tornite e lisce erano molto sensuali. I'asciugamano purtoppo copriva il pezzo forte.



Mi posiziono sul fianco del letto dalla parte della testa, prendo il gel e comincio dalla zona collo, delicatamente. Era un po' tesa, ma aveva una pelle liscia e vellutata e le mie mani scorrevano sulla sua schiena grazie al gel.

Lui:"Amore come sei tesa, rilassati un po', Andrea è qui per farti stare bene". Altra allusione pesante, tanto che lei lo guarda per un attimo attonita.

Io intanto scendo piano piano sempre più giù, le massaggio i fianchi e poi risalgo in un ciclo continuo che comincia a scioglierla.

Appena la sento rilassarsi e godersi il massaggio oso un po' di più, con le mani arrivo sotto le ascelle e le lambisco i contorni del seno e poi scendo giù verso i fianchi e, mentre li massaggio, i pollici si insinuano sotto l'asciugamano.

Lei sembra godersela ad occhi chiusi, il marito in piedi a fianco a me mi lancia uno sguardo complice.

Lui:"Vedi Tesoro, come è rilassante e piacevole"

Lei:"Sì, hai ragione, mi sto proprio lasciando andare" risponde quasi provocatoria


Passo quindi alle gambe, parto dai piedi, poi salgo piano piano sui polpacci ed esploro gradualmente le cosce, per ora solo dall'esterno.

Le mie mani la accarezzano e le lambiscono le natiche, senza però toccarle e intanto il marito comincia a toccarsi il cazzo nei pantaloni.

Riparto di nuovo dal collo e scendo piano, insinuando sempre di più le mani sui fianchi attorno ai seni, arrivato vicino alle natiche posiziono entrambe le mani sui fianchi e comincio a salire piano fino ad insinuarmi sotto l'asciugamano. Lei apre gli occhi e guarda il marito, lui restituisce uno sguardo complice ed io vedo una certa luce di sfida nei suoi occhi. Continuo a salire sempre di più, sempre di più spostando l'asciugamano fino a scoprire un culo spettacolare, tondo, accogliente morbido che palpo con avidità.

Mi giro e lei se la sta godendo:" Signora, lei ha un corpo fantastico"e lei con sguardo malizioso :"Vedo che apprezzi soprattutto alcune parti".

Lui:"Ero sicuro che Andrea ti avrebbe apprezzato" e lei lo guarda maliziosa

Allora supero il culo e scendo di nuovo sulle cosce e le gambe godendomele per bene, quando risalgo questa volta passo per l'interno cosce, ma prima prendo un'altra bella dose di gel, la zona deve essere lubrificata bene!

Le mie mani salgono fino ad arrivare nel solco dei glutei e lei non oppone resistenza anzi allarga un po' le gambe, comincio a passarle piano dal buchino fino a lambire le grandi labbra, la sento contrarre le natiche e vedo che guarda di nuovo il marito, forse aspetta un intervento, ma lui:"Vedi Amore come ti stai lasciando andare, dai Andrea vai avanti così"

Decido allora di osare ancora un po', ritorno sulle cosce e le metto la gamba destra a 90° per massaggiarla meglio, passo dalla coscia al gluteo in un massaggio ciclico senza fine in cui il taglio della mano le passa in mezzo alla fica, non la sto masturbando, ma quasi. Ha una bella fica, pelosa ma ben curata, proprio come piace a me ed è già bagnatissima.

In questa posizione è quasi su un fianco, quindi il seno destro è quasi scoperto, prendo un altro po' di gel e dalla coscia passo al fianco e su su fino al seno. Glielo prendo in mano e comincio a palparlo, avrà avuto una quarta bella soda, una goduria fra le mani. Lei si sposta definitivamente sul fianco per agevolarmi, aveva dei grossi capezzoli rosa, cominco a stuzzicare quello destro con la punta delle dita. Quasi subito diventa duro come un chiodo.

A questo punto lei si gira a pancia in su, che spettacolo di femmina! Comincio a palpalre tutte e due le tette, i capezzoli svettavano quasi stessero per staccarsi, poi scendo giù e le passo la mano destra in mezzo alle cosce e sulla fica, ero eccitatissimo. Non ce la faccio più, mi abbasso ed inizio a succhiarle i capezzoli, prima il sinistro e poi il destro in alternanza mentre le palpo le tette. La mano destra scende fino alla fica, le metto un dito dentro, nessuna resistenza, allora due, poi tre, aveva la fica talmente allargata che avrei potuto metterci il braccio, così comincio a masturbarla praticamente con tutta la mano. Lei comincia ad ansimare, il marito si sta godendo la scena quasi ipnotizzato, lei si gira e lo guarda, ma il suo sguardo è vuoto, allora lei si riquote, si ferma si mette seduta, lo guarda e dice:"Ancora non ti basta, mi sono fatta mettere le mani dappertutto, sto godendo come una Troia, ma ancora non ti basta?" e lui :"Amore mi fai impazzire così, ti voglio Zoccola, lo vedi come hai eccitato Andrea" e lei:" Ah sì devo essee Zoccola? devo farmi scopare dal tuo "Massagiatore"? e va bene, ora vedrai quanto sono Zoccola, uscite fuori, vi chiamo io".

Noi ci guardiamo interdetti, ma usciamo dalla camera da letto, dopo qualche minuto ci sentiamo chiamare,


La moglie aveva indossato una vestaglietta trasparente nera con i ricami in pizzo che arrivava a mezza coscia, chiusa da una cinturina di seta, delle mutandine nere di seta e delle autoreggenti nere super sexy con un fiocco di seta sul bordo e un disegno a strisce bianco. Non portava il reggiseno, le aureole si intravedevano sotto la vestaglietta ed i capezzoli erano così duri che sembravano volerla bucare . Ora aveva i capelli sclioti, un bel rossetto fuxia che evidenziava ancora di più le sue labbra sensuali e dello smalto coordinato. Era una bomba ed io stavo impazzendo dalla voglia di scoparla.

Lei:"Sono abbastanza Troia adesso"

Il marito:" Sì Amore, così ti voglio, una vera Puttana da offrire a mio piacimento"

Io mi tolgo la canottiera e vado verso di lei che mi guarda con desiderio, finalmente la bacio, le mie mani possono ripercorrere il suo corpo senza indugi: le sue cosce tornite ed invitanti, il suo culo tondo ed accogliemte, la sua schiena liscia, le sue splendide poppe. Il mio cazzo era duro da far male e premeva su di lei attraverso i pantaloncini.

Mi sposto verso il lettone la porto verso di me, mi siedo e le sfilo piano le mutandine, la sua fica era uno spettacolo, un bosco da esplorare ed io comincio ad esplorarlo con la lingua. Saggio il clitoride e le grandi labbra, poi porto le mie mani sul suo culo generoso e affondo la faccia in mezzo alle sue cosce.

La mia lingua si fa strada dentro di lei ed io premo sempre più il viso sul suo corpo palpandole lo splendido culo. I suoi gemiti mi incitano a continuare:"Sì sono una Puttana, leccamela, così, mi fai impazzire." e rivolto al marito "E tu Porco, ti ecciti mentre mi leccano la fica eh", lui rispose solo annuendo, ma si vedeva che era super eccitato.



Dopo essermi gustato il sapore di quella fica stupenda, alzo il viso, mi tolgo i pantaloncini liberando finalmente il mio cazzo e le dico:" Una vera Zoccola lo prende anche in bocca, succhiamelo". Lei non se lo fa ripetere due volte si inginocchia in mezzo alla mie gambe e comincia un superbo pompino.

Io:"Ah sì come sei brava, che Bucchinara che sei, una vera Troia". Era davvero fantastica, me lo leccava fino a farmi impazzire e poi lo metteva tutto in bocca, una professionista del pompino.

A:"Oh si che Zoccola, mi fai venire così, sei troppo arrapante", stavo per esploderle in bocca, così lei si ferma, ma io le abbasso di nuovo la testa "Voglio venirti in bocca, Puttana", lei esita un po' poi ricomincia con più foga di prima e dopo qualche pompata le esplodo in bocca, sta per sputare, ma poi cambia idea e ingoia tutto.

Io continuo ad incitarla "Ti è piaciuto eh, continua a succhiare Puttana, continua", la sua maestria mi tiene il cazzo duro, quando ormai era chiaro che non si sarebbe ammosciato le sollevo il viso e: "Dai Porcona, mettiti sul letto che ho voglia di chiavarti"




Lei si alza e rivolta al marito "Sei contento ora, ho ingoiato anche la sua sborra. Non ti basta? Vuoi che mi faccia scopare?" e lui "Sì Tesoro, non fermarti ora, fatti scopare, voglio offrirti a lui come la più maiala delle Troie"

Io la raggiungo da dientro, le sciolgo la cinturina e le sfilo la vestaglia. La abbraccio da dietro, il mio cazzo premeva sul suo culo accogliente e le mie mani le palpavano avidamente le tette.

Lei si lascia andare al mio abbraccio per qualche minuto, poi si gira e va verso il letto chiededomi di seguirla con lo sguardo. Si sdraia a pancia in su con le ginocchia raccolte, le spalanca piano fino a offrimi lo spettacolo del suo caldo bosco e rivolto a me "Scopami, voglio il tuo cazzo"

Mi avvicino piano, eploro le sue cosce voluttuose con le labbra, salgo su su fino alla fica. La lecco con vigore e poi salgo ancora, sulla pancia e poi i capezzoli che succhio con avidità. Mi tiro su, appoggio il cazzo sulle grandi labbra e finalmente la penetro, era calda come un forno e fradicia di umori. Comincio a pomparla prima piano, poi sempre più veloce, lei comincia ad ansimare."Sì scopami così, così". Le sua mani attravresano il mio corpo, mi esplora il petto, la schiena, sono in visibilio.

Io:"Sì quanto sei Bona, quanto sei Porca, il tuo corpo mi fa impazzire: le tue cosce, le tue tette" e nel mentre le mie mani la percorrevano in lungo e in largo mentre la pompavo.

Stavo quasi per venire, allora esco da lei e le scivolo accanto, lei si mette sul fianco con il viso verso il marito. Il suo culo e i suoi fianchi erano irresistibili, le accarezzo la coscia sinistra sentendo la seta delle calze e poi passo alle natiche. Le allargo e mi avvicino con il cazzo cercando la sua fica, la trovo quasi subito, lei alza la gamba sinistra per agevolarmi la penetrazione, io mi incollo alla sua schiena e comincio a scoparla mentre con la mano sinistra le palpo le tette. "Sei Fantastica, sei una vera Maiala, una Porca vogliosa di cazzo" le dicevo godendomi i suoi gemiti mentre la scopavo.

Lei rivolta al marito:"Sei contento ora Porco, vedi come mi scopa per bene?" e poi rivolta a me"Sì chiavami, sono una Porcona, chiavami per bene".


Io avevo in mente un bel finale per farla godere a dovere, così la spingo a sdrairsi a pancia in giù, riprendo il gel e dallo zainetto prendo un Plug Anale rosso e un Cazzo di gomma, il marito mi guarda come a dire "E ora che vuoi fare?" e io con lo sguardo "Stai tranquillo".

Comincio a massaggiarle il culo con il gel, era così tondo e invitante, irresistibile! Lei non aveva ancora notato i miei giocattoli

Dapprima le massaggio le natiche, poi prendo una bella manciata di gel e comincio a stimolare il suo buchino:"Hai proprio un bel culo, adesso giochiamo un po'", lei si gira vede il Plug e chiede "Che vuoi fare?" ed io "Farti godere"

Il Plug è fatto con una punta adatta a stimolare il buchino e una pallina che entra tutta dentro appena il culo cede. Comincio a stuzzicarla e sento che geme di piacere, così mi faccio strada piano piano, lei fa un piccolo sussulto, allora lubrifico ancora di più il Plug e ricomincio.

La stimolo con calma e lei dopo poco si rilassa cosicché il Plug entra completamente. Io prendo il cazzo di gomma e lo ungo per bene con il gel, che ha un sapore dolce e gradevole al palato.

Comincio a stendermi su di lei e le sussurro "Ti sembra di avere un cazzo nel culo eh?", lei annuisce e io le passo il cazzo di gomma "Allora succhia questo così immaginerai di averne uno in culo e uno in bocca", lei lo prende e comincia piano a succhiarlo, io intanto mi faccio strada fra le sue natiche con il cazzo cercando la sua fica, lei si inarca quel tanto che basta per farmi entrare e io "Alla tua fica invece ci penso di persona" e comincio a pomparla.

Da quella posizione il mio corpo preme sul Plug spingendolo dentro ad ogni mia pompata, in pratica era come se la stessi scopando in culo e in fica contemporaneamente.

Lei."Oh, oh sì, sì" ed io:" Ti piace immaginare di avere un cazzo in fica, uno in culo e uno in bocca eh? Tre bei cazzi tutti per te, li vorresti?"

Lei:"Sì che bello, che bello" e rivolta al marito."Guarda ora, guarda come sono Troia, mi sta facendo anche il culo" e lui:"Sì Amore, devi essere sempre più Troia"

Io:"Puttana, succhia il cazzo mentre ti scopo" lei ricomincia subito e mentre la pompo da dietro i suoi gemiti arrivano strozzati dal cazzo di gomma.

La chiavo in quella posizione, sempre con più foga e ho davvero voglia di venire :"Oh sì Troia, quanto sei Troia, mi fai godere da pazzi" e così dicendo le esplodo dentro.


Le do qualche altro colpo, ma sono stremato. So però che lei non è ancora venuta, mi sposto, la faccio girare a pancia in su e mi faccio dare il cazzo di gomma.

Io: "Ecco così, appoggiati sul culo, lo senti il Plug che preme?", lei annuisce "Ora immagina di impalarti con il culo su un bel cazzo, mentre un altro ti sfonda la fica" Così dicendo le infilo il cazzo di gomma nella fica. Il cazzo era così lubrificato e lei così bagnata che entra in un attimo. Comincio a masturbarla, premendo il suo corpo verso il letto affinchè sentisse anche il Plug dietro.

Lei geme da pazzi ed io:"Ti piace così eh Puttana, stai godendo" e lei :"Oh sì, che Troia che sono. Porco guarda cosa mi faccio fare, guarda che moglie Troia che hai" e spalanca le cosce ancora di più puntandosi sul bacino, metre si tocca le tette con gli occhi chiusi, in estasi. Io le infilo il cazzo di gomma dentro sempre di più e sempre più veloce, quasi mi fa male il braccio, ma in quel momento non sento niente, sono in estasi anch'io. Questa mogliettina quasi riluttante era una Porcona come se ne trovano poche.

Il marito alla visione della moglie completamente disinibita non regge più e tira fuori il cazzo.

Si avvicina alla sua bocca e lo infila dentro:"Ti mancava un cazzo in bocca eh, Puttana. Devi ingoiare anche la mia sborra adesso"

Lei lo succhia avidamente, mentre io la masturbo con il cazzo di gomma e lui:"Sì, sei ancora più brava del solito, Bucchinara, fammi venire così, così" e le viene in bocca dicendo:"Brava non perdere neanche una goccia, ingoia tutto, Troia" e la guarda orgoglioso.


Ora bisogna far venire lei e io faccio del mo meglio per portarla all'apice stimolandola con il cazzo di gomma e finalmente dopo qualche minuto "Ah, ah, sì così bravo, vengo vengooooo" e si rilassa.

Mi rilasso anch'io, ora sì che il braccio mi fa male, siamo stesi tutti e due sul letto esausti, lei ha ancora il Plug nel culo e il Cazzo di gomma nella fica e respira ansante con gli ochi chiusi.

Dopo un paio di minuti, mi guarda con una strana dolcezza, si libera dei giocattoli e si alza dal letto presumibilmente per andare in bagno a darsi una sistemata, devo dire che anche se stremato apprezzo ancora il suo corpo nudo, in particolare il suo bel culo che mena con grazia mentre cammina.

Ritorna dopo qualche minuto, ha ancora il rossetto e i capelli sciolti, ma è vestita come quando sono arrivato, io raccolgo le mie cose e vado in bagno anch'io a darmi una pulita e a rivestirmi.

Quando esco trovo molglie e marito che parlano in salone, lei stava dicendo:"Ma come ti è venuto in mente..." poi mi vede e si rivolge a me con un sorrisino:"Mi ha raccontato che è un po' che siete in contatto e pianificavate questo scherzetto" ed io:"Sì ma non immaginavamo andasse così bene" ricambiando il sorriso malizioso.

Lei:"Siete due Porci, però non mi posso davvero lamentare" e guarda maliziosa il marito

Io:"Magari la prossima volta, possiamo vedere di averli in carne e ossa un altro paio di cazzi per soddisfarti, di sicuro li trovo un paio di amici che hanno voglia di scopare una bella donna come te"

Risponde Il marito:"Sarebbe fantastico poterti offrire a 3 stalloni!"


Lei:"Ma sei matto, non ti è bastato ancora? Devo essere la Puttana di un gruppo di sconosciuti?"

Io:"Io vi saluto, vi lascio alla vostra discussione" e così vado via, ma penso che lei non mi sembrava poi così arrabbiata e scandalizzata dall'idea di farsi chiavare da tre uomini contemporaneamente, era una protesta deboluccia. Mi sa che la mogliettina ci ha preso gusto a fare laTroia..........