i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Linda, Susy ed io eravamo un trio inseparabile: amiche dalle elementari eravamo cresciute insieme. Ci raccontavamo tutto, specialmente le nostre esperienze sessuali. Una sera eravamo a berci una birretta da Susy, che era l’unica che viveva da sola, e parlavamo dei nostri ragazzi precedenti, in quel periodo eravamo tutte e tre single. Chi era più bravo a letto, chi con la lingua, chi aveva le perversioni più strane. Ad un certo punto, non mi ricordo più bene come, siamo arrivate all’argomento “sesso di gruppo”. Scoprimmo che l’unica che era stata con due ragazzi a tempo era Linda, la più insospettabile delle tre. Dopo averci scherzato un po’ su, Susy esclamò: «Ragazze ne abbiamo fatte di cotte e di crude noi tre insieme, ma non abbiamo mai fatto sesso insieme!».
«Sei diventata lesbica, Susy?», le chiesi ridendo.
«Ma no, scema! Intendevo che non mi dispiacerebbe fare sesso con un ragazzo insieme a voi due!».
L’idea piacque subito anche a noi due, così iniziammo ad elaborare un piano. Una sera Susy chiese ad Andrea, un suo compagno di corso che io e Linda conoscevamo appena, di andare a casa sua perché aveva un problema con una dispensa per il loro prossimo esame. Quando le chiedemmo come mai aveva scelto proprio lui, le ci aveva risposto di fidarci e che lo avremmo scoperto. Ovviamente il ragazzo abboccò e quando suonò il campanello dell’appartamento di Susy, lei lo ricevette con una tuta veramente brutta, mentre noi due eravamo nascoste in bagno.
Lo fece accomodare in salotto ed iniziarono a parlare di qualcosa della loro università, ma ad un certo punto Susy disse che doveva andare in bagno, quando aprì la porta io e Linda eravamo già pronte: io vestita con una culotte grigio scuro a pois bianchi ed una fascia verde che i copriva i seni, mentre Linda indossava una sottoveste verde chiaro molto trasparente ed un perizoma ridottissimo. Susy, senza parlare, si tolse la tuta e rimase con una canottiera sexy bianca e un perizoma anch’esso bianco ridotto tanto quanto quello di Linda, tutte e tre eravamo scalze. Uscimmo dal bagno e…
*
Quando Susy mi prese da parte in università e mi chiese di andare a casa sua per un problema con una dispensa, subito pensai che aveva voglia di una seratina come quella che avevamo passato insieme qualche mese fa: due birrette e poi sesso fantastico per tutta la notte.
Quando mi aprì la porta con quella tuta orrenda, pensai che, invece, aveva davvero il problema con la dispensa. Infatti mi fece sedere in sul divano a elle del salotto e dopo aver parlato per un po’ di esami, corsi e cose così, mi disse che doveva andare in bagno.
Dopo poco uscì vestita solo con una canottiera e un perizoma, non c’è bisogno di dire che mi si drizzò subito.
Quando però vidi dietro di lei altre due ragazze, una rossa e una castana, anche loro non molto vestite, pensai che mi stessero prendendo in giro.
Le tre, io conoscevo solo Susy, si misero in piedi davanti a me ed iniziarono ad accarezzarsi, guardandomi negli occhi. La mia eccitazione ritornò alle stelle.
Notai che Susy e la ragazza rossa, erano entrambe occupate ad accarezzare la ragazza castana: la mia compagna di corso sulle tette abbastanza grandi, mentre l’altra ragazza sulla pancia e sulle mutande.
Mentre ero concentrato sul vedere dove andavano le mani della rossa, Susy tirò giù il pezzo di sopra alla sua amica, lasciando nude le sue tette molto belle e sode. Poi mi guardò e mi fece l’occhiolino, la maiala; iniziò a massaggiarle il capezzolo e a stringerlo fra le dita, mentre la rossa sfiorava l’altra tetta.
La ragazza aveva chiuso gli occhi e si godeva le effusioni delle sue amiche, quando l’attenzione delle tre ragazze si spostò su Susy, che si mise al centro. Le altre due iniziarono ad accarezzare il corpo più magro della padrona di casa, che quasi subito si alzò da sola canottiera mostrando le sue tettine dai capezzoli scuri. La rossa le palpava il culo sodo mentre la ragazza castana si chinò a sfiorare con la lingua uno di quei capezzoli; con una mano iniziò a tirare giù il perizoma di Susy, facendomi vedere che ce l’aveva rasata, poi la rossa lo abbassò anche dall’altra parte, facendolo scivolare fino a terra.
Susy, praticamente nuda, e la ragazza castana si misero una davanti e una dietro alla rossa. Susy le palpava le tette più grosse di tutte le altre, ma sembravano non molto sode, mentre l’altra aveva le mani sul bel culo pallido. Inutile dire che i miei pantaloni stentavano a tenerlo dentro da quanto ce l’avevo duro.
Ad un certo punto la ragazza rossa, guardandomi negli occhi, si passò la lingua sulle labbra e si avvicinò a me…
*
Appena iniziammo ad accarezzare il corpo di Vicky, iniziai a percepire nella stanza l’eccitazione che cresceva, ma soprattutto in me.
Quando Susy fu praticamente nuda io avevo il cuore a mille. Volevo il ragazzo, non riuscivo a resistere, in più con le mani delle due ragazze che lambivano il mio corpo, mi sentivo tutta un fuoco.
Cedetti alla tentazione prima del tempo stabilito, secondo il programma che avevamo stabilito io dovevo rimanere senza mutandine, e mi avvicinai al ragazzo che mi guardava come se stesse vivendo uno splendido sogno.
Lo guardai negli occhi e, inginocchiatami davanti a lui, gli accarezzai il membro durissimo attraverso i pantaloni, poi aprii la cerniera e il bottone e abbassai i boxer. Era abbastanza grande. Lo guardai, poi lo annusai voluttuosamente assaporandone il profumo di maschio. Il ragazzo era tutto un fremito, desideroso di vedere le mie labbra attorno al suo membro, ma io volevo godermi appieno il momento. Accarezzai i testicoli depilati di fresco, dischiusi le labbra e diedi un bacio al glande, poi con la punta della lingua percorsi tutta l’asta e lo presi fra le labbra, iniziando a muovermi lentamente. Aveva un gusto gradevole ed io lo assaporai con piacere.
Le mie amiche si avvicinarono: Vicky si mise a fianco a me ed iniziò a leccare i testicoli di Andrea, che gemeva abbastanza forte, mentre Susy si mise dietro di noi e tolse la culotte a Vicky e non so cosa fece a lei, ma appena mi tolse il perizoma sentii un suo dito che mi accarezzava fra le gambe, subito mi ritrassi d’istinto, non ero mai stata toccata da una donna, ma lei insistette delicatamente e non mi dispiacque, anzi.
Guardai Andrea e vidi che aveva gli occhi chiusi e si godeva il momento, Vicky mi fece capire che lo voleva anche lei in bocca, io la accontentai e inizia a leccare i testicoli. La mia amica era più vigorosa di me, si muoveva più velocemente e faceva colare la saliva lungo l’asta inumidendo ancora di più i testicoli già bagnati della sua saliva.
Ad un certo punto Susy si insinuò tra noi due ed esclamò volgarmente come era solita fare: «Fatemi succhiare anche a me questo bel cazzo!», noi glielo lasciammo prendere in bocca e lei iniziò a lavorarlo come se fosse una pornostar: lo ingoiava tutto e lo faceva uscire lasciandolo collegato alla sua bocca solo attraverso fili di saliva.
Io e Vicky gli togliemmo completamente i pantaloni, poi ci mettemmo sull’altra parte del divano a elle, Andrea si alzò facendo mettere Susy tra di noi, poi tolse con sicurezza il top a Vicky e la sottoveste a me. Susy lo invitò con un dito a leccarla…
*
Sapevo che se le avessi toccato la figa, Linda non avrebbe gradito e fu così, ma bastò poco per persuaderla e non sembrava neanche che le dispiacesse.
Io avevo voglia di far vedere alle mie amiche come si succhia un cazzo, così diedi spettacolo: come una pornostar d’esperienza lo prendevo fino in gola e lo lasciavo pieno di saliva. Avevamo deciso, di testare Andrea sulla sua abilità di leccatore di fighe, così ci mettemmo sul divano una a fianco dell’altra, con me al centro, con le gambe aperte, il ragazzo mise la testa fra le mie ed iniziò a leccarmela: cazzo se ci sapeva fare! Io ero già tutta bagnata, ma lui mi fece diventare proprio un lago!
A fianco a me Vicky si stava facendo un bel ditalino, mentre quella timidona di Linda guardava Andrea che mi leccava con gli occhi sgranati.
Andrea mi aveva infilato anche due dita, non ci misi molto a venire, quasi urlavo!
«Bravo! Mi hai fatto venire! Adesso lecca anche un po’ loro!», gli dissi. Il ragazzo mi sorrise e mise la testa fra le gambe di Vicky: appena la sua lingua toccò la figa iniziò subito a gemere forte.
Io misi una mano sul clitoride di Linda che subito chiuse le gambe, ma io le dissi: «Dai che ti piace, hai visto prima, no?», nonostante le sue gambe strette intorno alla mia mano, riuscivo a muovere il dito e la sentivo pian piano bagnarsi più di quello che era già. Dopo poco cedette e si lasciò fare un ditalino da me, mentre, un po’ impacciata, me lo faceva a me che avevo la figa molto più sensibile visto che ero appena venuta.
Andrea ci dava con la lingua e riuscì a far venire anche Vicky, che si lasciò travolgere dall’orgasmo stringendo i capelli del ragazzo. A quel punto Andrea tolse la mia mano dalla figa di Linda ed iniziò a leccarla. Io avevo fatto il mio dovere, infatti la mia amica raggiunse l’orgasmo dopo poco, Vicky era ancora tremante ed ansante al mio fianco, lasciandosi scappare un urletto abbastanza forte.
«Beh abbiamo capito che le fighe le sai leccare! Vediamo come te la cavi a scopare!», dissi io come al solito senza peli sulla lingua.
«Allora iniziamo da te che sei la padrona di casa!», mi rispose lui, mettendosi davanti a me…
*
Avevo iniziato a capire come mai Susy aveva scelto Andrea: nessuno mi aveva mai fatto raggiungere un orgasmo così intenso leccandomi.
Anche Linda era stata veloce a venire, anche perché Susy l’aveva toccata un bel po’; quando sentii che la prima ad essere penetrata sarebbe stata Susy, provai un po’ di delusione, ne avevo proprio voglia io.
Quando il ragazzo si mise davanti a lei, io mi alzai e mi misi dietro di lui, gli sfilai la maglietta lasciando in mostra il suo torace muscoloso ed iniziai ad accarezzargli i pettorali.
Susy gemeva esageratamente e non smetteva di toccare la vagina a Linda che li guardava imbambolata gemendo piano.
Gli stavo baciando il collo e Andrea sembrava gradire, ansimava, si muoveva con forza ed io passando la mano sui suoi addominali li sentivo contrarsi. Il suo fisico mi stava facendo eccitare ancora di più.
Quando non ce la feci più esclamai: «Adesso pendo sia il mio turno!», mi misi sul divano a pecorina, facendo bella mostra della mia vagina bagnata.
Il ragazzo smise di penetrare Susy e cominciò a muoversi dentro di me. Era fantastico!
In più Susy iniziò a toccarmi facendomi godere ancora di più, mentre Linda aspettava pazientemente il suo turno masturbandosi con calma.
Io avrei lasciato volentieri che Andrea fosse andato avanti per tutto il tempo che avesse voluto, ma quando Susy si accorse che ero venuta più di una volta, disse: «Linda vuoi anche tu la tua parte di cazzo?». Dovetti lasciare che il ragazzo uscisse da me ed iniziasse a penetrare Linda. Sicuramente anche lei venne più volte, sentendo il volume dei suoi gemiti.
Dopo un po’ Andrea disse come se non sapesse cosa fare: «Ragazze sto per venire!» …
*
Linda era delicata sul mio pene, mentre Vicky più decisa, Susy era una porca. Leccarle era stato fantastico, ma quando le penetrai fu la cosa più bella che mi sia mai capitata.
Purtroppo però, stava per finire e io sapevo che una cosa del genere non mi sarebbe capitata mai più. Sarei voluto durare all’infinito, ma il mio amico aveva deciso che era stanco.
Dissi che stavo per venire e le tre ragazze si inginocchiarono davanti a me, Susy lo prese in mano ed iniziò a segarmi.
In pochissimo venni come non ero mai venuto, coprendo le loro tre belle facce con la mia crema calda. Anche loro furono stupite dalla quantità.
Susy, avidamente, leccò la sborra dalle facce delle sue amiche; io speravo che facesse come nei porno, baciando le sue compagne e facendola passare di bocca in bocca, ma, invece, la ingoiò tutta lei.
Note finali:
Per commenti, critiche, suggerimenti e richieste antom93@libero.it