i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
GIUVANNE ‘O STUORT’: ‘O MASSIMO


Giuvanne ‘o stuort’: ‘o massimo, ‘o meglio de’ cliente,
mme fa sburra’ cu’ ‘l ‘anema e nun me ra mai niente!
Risente ma l’ ‘i a’ offennere, l’ ‘ia piglia’ a mmorz’ n’ faccia,
‘n ‘cia alluccà: si na chjaveca, ‘n ‘cia sturtigljà ‘nu vraccio.

Se ‘n foca, ma ll’ ia vattere, nc’ ia ‘nfezzà ‘e ddete n’ culo,
ll’ ia sfracassà. Ll’ ia cocere, ‘n ‘cia pognere ‘o cetrulo!
E’ masochisto, erotico, ‘na specie ‘e sessuato:
e pe’ pagjetta e ‘e miereche è nu’ ddio ‘e dipravato,

ma a mme’ ca so ‘na zoccola me piace, tale e quale:
pecche’ m’ appraca ll’ anema, me fa senti’ … riale!
Quanno senne va ‘n zuocolo, se fa ‘ncatena’ ‘a ‘o lietto,
e, allora, torno femmena e me pigljo a vennetta.

Comme si tutte l’ uommene stessero a ‘o pizzo sujo
ajzo ‘a mano e … nfranchete, dalle’ e nun so cchiu’ troja;
tutt’ e diece anne ‘e vasole, ‘na vita, scarpesata:
rinte a ‘sti mmane scoppieno … e so ‘e ddje ‘re mazzate!

Chesta , pe’ chillu piecoro ca me vasava ‘n fronte
e mme purtava a’ fottere, comme a ‘na vacca ‘e monta;
e chesta, pe’ zi’ preveto, ca’ pe’ ‘na scorza ‘e pane
cacciava, ‘nnanze a mammema, e mo’ metteva ‘mmano.

E chest’ auta e’ pe’ patemo, ca se sta ancora zitte,
pecche’ nce’ faccie comodo: curnuto si’, ma addritte.
E … tje’: sta’ chorta ‘e mmuozzeco e’ pe’ chillo ‘lla ffora
ch’ aspetta pe arrecoglìere, ‘o datore ‘e lavoro.

‘O cchju’ schifuso e lluommene, ma ormaie me tene ‘a faccia:
denare, oggette, machina … isso cummanna, e’ je caccio.
Giuvanne ‘o stuorto, ‘o massimo … arrizza s’ je ‘o struppeo,
e io, ciacco a’ isso, e ammereco tutt’ e fferite meje.

N’ ce’ allucco: Si ‘na chiaveca, nun vaje ‘miezo bottone:
‘mammeta se fa a soreta e pateto e’ ricchione!
Ma po’ ‘nciattento a svangola e cchju’ niente mme tene:
torno latrina e zoccola … e me ne veco bbene!

Tuosto ca’ pare ‘e marmolo! Liscio ca’ pare ‘e seta …
roce ca’ pare ‘e zucchero, mo spasso annaza e arreto.
Tant’ anne ‘ncopp’ a ‘o vasolo, stronze, ch’ avjte visto?
A lecca, a mecca? Chiacchiere: ‘o cazzo belle e’ cchisto!

Rinte a mezz’ ora ‘e spasemo, chello ca’ e’ stato e’ stato,
stevemo rjnte ‘e tribbole, e mmo’ stammo arrapate.
Je so’ na’ stronza, zoccola … e ‘o “stuorto” e’ masochisto:
simme ‘na razza sdobbola, simme povere criste,

Ma va’ trova chi fossero, qua ‘rre, quala riggina?
A nuje ‘ncianna jettà ‘o cantero, ncianna fa nu bucchino!
A te e’ piaciuto ‘o vvattere, e je nun vatteve a tte?
E mo ca e’ bello ‘o fottere, bello e’ pe’ te e pe’ me.

M’ apposo ‘ncoppa a ‘o stommaco, nce’ spasso ‘o culo ‘mpietto:
- Sbavame, sfurria e spanteca! - … me faccio fa ‘a minetta.
E quanne tutt’ e’ museca jsso, che sta sperenno,
mmocca m’ affonna ‘o fravolo e mme fa fa marenna.

Ah, chella ‘rroba cavera, qua’ zucchero e cannella,
n’ cuorpo me scenne: bbarzamo: - Stuort’, sfaccimma bella! -
Giuvanne ‘o stuorto, ‘o massimo; se sose e se ne va …
e je torno, stronza e’ zoccola, a me fa scarpesa’.



Traduzione:

Giovanni, detto “lo storto”: il massimo … il migliore cliente
mi fa sborrar con l’ anima, ma senza darmi niente.
Se vuoi che ti dia il massimo, offendilo, dagli dei morsi in faccia,
strillagli: -sei una chiavica!- poi storcigli le braccia.

Di sicuro si eccita, ma lo devi picchiare, mettergli in culo un dito,
glielo devi sfondare.
Lo devi scottare, tormentare con spilli il suo cazzo ferito.
E’ un vero masochista, del sesso un disgraziato,
per avvocati e medici, è un grande depravato

ma io sono una zoccola e mi piace la manfrina,
perché mi placa l ‘anima, mi rende una regina!
Quando perde le staffe, al letto si fa legare:
allora torno femmina, mi posso vendicare.

Contro agli uomini di sempre o di questa settimana,
alzo la mano e zacchete, picchio … non son più: puttana.
dieci anni al marciapiede, come un povero straccio,
mi esplodon tra le mani, colpisco, e so che faccio!

Questa, la dedico a quello che, illudendomi (era una vera cacca)
mi portava a fottere, alla monta, come una vacca;
e questo è per il parroco, che per farci mangiare,
anche davanti a mamma, si facea masturbare.

Quest’ altro va a mio padre, che sorride e sta zitto,
perché gli faccio comodo: cornuto, ma è un gran dritto.
E … prendi, adesso beccati questo: un forte morso in faccia,
lo dedico a chi vive del denaro che valgo: il mio magnaccia.

Il più schifoso di tutti, ma ora gli appartengo
soldi, regali, macchina … lui comanda, e io spendo.
Giovanni, detto “lo storto”: il massimo … si eccita, solo se lo colpite,
ed io lo faccio, e coi colpi medico tutte le mie ferite.

Gli grido: Sei una chiavica, vali meno di un bottone:
tua madre fotte con tua sorella e tuo padre e ricchione.
Ma poi gli prendo la mazza e niente mi trattiene:
torno latrina e zoccola … e me ne vedo bene!


Duro come il marmo, liscio come la seta, è il suo cazzo,
dolce come lo zucchero, lo prendo anche nel mazzo.
Tanti anni per la strada, stronze, non fate testo,
tutte sciocchezze e chiacchiere, il vero cazzo è questo.

E per mezz’ ora: spasimo, non importa il passato,
eravamo nel fondo ed ora mi ha arrapato.
Non sono che una zoccola, lo “storto” è un masochista,
siamo gentaglia scomoda, siamo poveri cristi,

eppure, chi ci supera? Anche i regnanti, infino
non sanno che si perdono. Ci fanno un bel pompino!
Ti è piaciuto prenderle? E quante te ne ho date …
ed ora noi godiamoci le migliori chiavate.

M’ accovaccio sulla pancia, gli striscio il culo addosso
- Succhiami … sfogati, godimi e leccami la fessa. –
E quando poi, sfiniti noi veniamo, con una mossa sola …
il glande, rosso fragola, mi affonda tutto in gola.

Ah, quella roba calda, con niente di più dolce il paragone faccio,
mentre mi scende in corpo, mi godo a modo mio, tutto il suo spaccio.
Gianni … “lo storto” … il massimo: si alza e lascia il letto,
e io torno stronza e zoccola; indegna di rispetto.
Note finali:
Angelo Manna, con meticolosa ricerca, ritrovò e mise insieme, questo inestimabile patrimonio dialettale in una raccolta intitolata: L’ inferno della Poesia Napoletana.