i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Note:
Ringrazio Britease per l'idea.
- Fabri - Cominciai quando chiamai Fabrizio Ferri al telefono. - Mi piacerebbe scambiare due chiacchiere con te, se hai qualche minuto di tempo. Che programmi hai per pranzo?
- Per la verità sono un po’ preso. È urgente?
- Coraggio! Ci vediamo alla pizzeria all’angolo, ci sediamo tranquilli così ti spiego il mio problema. Offro io.
- Allora va bene. Alla una?
- Perfetto.
Fabrizio lavorava nella mia stessa ditta, in contabilità, mentre io mi occupavo delle vendite. Il suo ufficio era al secondo piano di quel palazzo vicino a corso Como che ormai cominciava a dimostrare tutti i suoi trentacinque anni. Il mio invece era al quinto piano.
Fabrizio era un bel ragazzo, alto, sveglio e spigliato, appena sopra la trentina. A me piaceva: era affidabile e sincero, sapeva prendersi le sue responsabilità e non aveva paura del confronto. Lavorare con lui era un piacere.
Con le ragazze ci sapeva fare, ma non era un cacciatore. Al contrario, era serio e corretto e nessuno lo aveva mai sentito fare commenti inappropriati sulle sua conquiste. Anzi, pareva che ormai fosse stabile con la sua ultima fiamma e che avesse deciso di fare dei passi per fidanzarsi ufficialmente con l’idea di sposarsi presto.

Speravo che fosse in grado di darmi una mano con il mio problema. Lo speravo davvero.

Qualche ora dopo, mentre io ero all'ultimo boccone della mia napoli e lui aveva appena terminato il suo calzone farcito, venimmo al dunque.
- Allora, Stefano, di che si tratta? Ti posso aiutare in qualche modo?
- Veramente è complicato. E anche imbarazzante. Per questo ho pensato che avremmo avuto bisogno di un po’ di privacy. Spero infatti che quanto ci diremo resti tra noi, ok?
- Naturalmente. Mi stai incuriosendo…
- Beh… Da dove comincio? Sappiamo tutti che con le donne te la cavi abbastanza bene, no?
- Troppo gentile… ma non è così difficile: sono single, ho una bella macchina, un buon lavoro e vivo in un grazioso appartamento in corso Garibaldi, in uno dei quartieri più "in" di Milano. Non devo sforzarmi eccessivamente. Comunque non credere a tutto quello che si dice.
- Il fatto poi che tuo zio sia il padrone dell’azienda aiuta, no?
- Stefano, questa è una notizia che non vorrei che circolasse troppo. E poi non è del tutto vero: lui ha solo il sessanta per cento delle azioni.
- Comunque ho bisogno di un consiglio. Un consiglio da qualcuno che ancora ci prova con le ragazze.
- Stefano, se stai pensando di mettere qualche corno a tua moglie, lascia stare. Non vale assolutamente la pena. - Mi lanciò uno sguardo di disapprovazione - Guarda, può sembrare che la vita del seduttore sia ricca di eccitanti avventure, lussuria e sesso selvaggio. Ma non è così. Per ogni notte di divertimento ce ne sono dieci di noia, pugnette davanti a filmati porno, solitudine e delusioni. Io non so cosa darei per sapere che la sera, al mio ritorno, ci sia una ragazza innamorata per me, magari anche solo per guardare insieme la partita del Milan mano nella mano. Il mio consiglio è di non distruggere la cosa preziosa che hai per il brivido di un momento, Stefano.
- E non c’è una ragazza innamorata che ti aspetta? Hai già una candidata?
- Mamma mia, non si riesce ad avere un po’ di privacy in quest’azienda! Come fai a saperlo?
- Ho sentito qualche pettegolezzo in ufficio.
- Vabbe'. Però questi sono fatti miei e non ne voglio parlare. Tornando al tuo problema, però, il mio consiglio è di non farti coinvolgere in nessuna sordida tresca extramatrimoniale. È degradante e umiliante.
- Il fatto è che non si tratta di me, Fabri.
- Non si tratta di te?
- No.
- Ma di chi stiamo parlando, allora?
- Di mia moglie.
- Cosa? Chi?
- Mia moglie. Mia moglie, lei. Ne ho solo una.
Si allungò sulla sedia, rimanendo in silenzio per un momento. Mi guardò con uno sguardo interrogativo e perplesso. Si mise a piegare il tovagliolo in quattro in attesa di trovare qualcosa da dire.
- Non capisco. Perché mi racconti queste cose? Io non saprei proprio come aiutarti. Tua mogie neanche la conosco.
- Già. All'ultima cena aziendale di dicembre lei non è venuta e non ho potuto presentartela.
- Stefano, non so cosa dire. Lo sai che io credo nella fedeltà nel matrimonio. Mio cugino ha avuto una terribile esperienza con una moglie che lo ha tradito che quasi lo ha portato al suicidio. Il tradimento matrimoniale l’ho sempre considerato una vigliaccata delle peggiori, una cosa che non si può perdonare.
- Non è stato facile neanche per me, da quando l’ho scoperto.
- Mi spiace, Stefano. Ammetto che con le donne ci so abbastanza fare, ma non vedo proprio come potrei aiutarti.

Il ristorante non accennava a svuotarsi. Appena si liberava un tavolo veniva subito occupato da qualcun altro. Il vociare continuo copriva il nostro silenzio.
- Veramente ci sarebbe qualcosa che potresti fare per me. - dissi alla fine, pieno di speranza.
- Cioè? Qualsiasi cosa, Stefano.
- Potresti smetterla di trombarti mia moglie.

Per un momento sembrò non aver capito. Poi aprì la bocca come per dire qualcosa, ma alla fine rimase con la bocca aperta per mezzo minuto, senza parole, cercando di metabolizzare quello che gli avevo appena detto.
- Smettere di trombare tua moglie?
- Per favore, Fabrizio.
- Tua moglie?
- Già.
- Ma… ma… In questi ultimi tempi solo mi vedo con una ragazza, Monica!
- Monica Giusti, infatti. Mia moglie.
- Monica Giusti. - Ripeté con gli occhi fuori dalla testa, annuendo.
- Proprio lei, temo.
- Tua moglie!
- Da sette anni, ormai.
- Ma non me l’ha mai detto!
- Lo sospettavo.
- Mi ha detto che era in attesa di divorzio! Che suo marito era scappato in Ucraina con una fidanzata!
- Mai stato in Ucraina, temo. E del divorzio non ne so nulla.
- Quindi non state divorziando?
- A meno che lo stia facendo a mia insaputa, no.
- E vivete ancora insieme?
- Già.
- E dormite ancora insieme?
- Sì, ieri sera infatti c’è stato un po’ di movimento tra le lenzuola.
- Cosa!? Ti sei scopato… Monica?!
- Ho paura di sì, Fabrizio.
- Ma… Ma… Ma…
- Mi spiace di averti trombato la fidanzata, Fabrizio.
- A me invece spiace di aver scopato tua moglie. Ma non capisco come sia potuto succedere!
- Per via dell’uccello.
- Come?
- Sembra che il tuo uccello sia cinque centimetri più lungo del mio, almeno a giudicare dai commenti durante una telefonata tra Monica e sua sorella che ho ascoltato per caso.
- Mi spiace…
- Non è colpa tua.

Ordinammo un’altra birra e continuammo a consolarci a vicenda, indifferenti al fatto che la pausa pranzo fosse già finita. Per la verità lui sembrava più sconvolto di me. Pare infatti che avessero parlato di matrimonio e che Monica avesse acconsentito. Forse l’ipotesi del divorzio era più imminente di quanto immaginassi.
- Cosa facciamo, Stefano? Un’ora fa ero innamorato e felice ed ora la vorrei ammazzare…
- Benvenuto al club! Io un’idea ce l’avrei…
- Cioè?
- Tu le farai credere di volerla sposare e deciderete una data. Io fisserò condizioni molto sfavorevoli nel divorzio, che lei accetterà nella fretta con la prospettiva dei tuoi soldi e dei tuoi cinque centimetri extra. E quando saremo divorziati tu la lascerai senza sposarla.
- Non so… Sembra una buona idea, ma come farò a far finta di nulla nel frattempo, con lei?
- Perché ti preoccupi. Non scopa bene?
- Come una regina.
- Non fa degli ottimi pompini?
- I migliori in assoluto.
- E allora? qual è il problema?
- Se la metti così, infatti… Ma il punto è che ormai io ho finito di scopare in giro. Ho bisogno di qualcosa di stabile e di definitivo, di un legame sentimentale, di qualcuno su cui possa fare affidamento.
- Stavo pensando alla nuova ragazza del Marketing. Potrebbe essere una soluzione. - dissi quasi casualmente, come se non avessi passato le ultime settimane tastando il terreno nelle lunghe pause caffè.
- Quale? Quella bionda con le grosse tette o l’altra, la rossa con le gambe lunghe? - rispose, facendomi capire che la storia seria con mia moglie non gli aveva tolto del tutto il gusto dell’avventura.
- Cosa ne dici di tutt'e due?
- Tutt'e due?
- Sì, una per me e l’altra per te. Quale vuoi?
- Magari opto per le tette, questa volta.
- Ottimo. Io vado matto per le rosse con le gambe lunghe.
- Salute! - disse, alzando il calice per l’ultimo sorso di birra.
- Salute! Ai nostri progetti e al nostro futuro!

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Tutto andò come previsto. Fabrizio finì per sposarsi con Beatrice, la bionda con le grosse tette che si rivelò una donna intelligente, appassionata e dedicata. Io, dopo il divorzio (nel quale ottenni quasi tutto), mi misi con Martina, non la rossa con le gambe lunghe, ma la sorella, di due anni maggiore e molto più affidabile. Stiamo pensando di sposarci, ma con calma.
Monica? Non so. Non è più un problema mio.