i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Mi sono fatto tua moglie.

Le ho schiaffato la mia mazza da venticinque centimetri dentro la sua fica pulsante e grondante di umori e lei non ha fatto altro che gemere, gridare e agitarsi come una ossessa tutto il tempo.

Possibile che non ti sia accorto di nulla? Dei suoi cambiamenti negli ultimi tempi?

Come per esempio il fatto che alla mattina non si alzi più per prepararti la colazione, ma che se ne stia a letto dicendoti di sentirsi stanca e di aver bisogno ancora di qualche minuto?

Così il caffè lo prepari tu.

Dio, come mi piace la mattina quando entro a casa tua e trovo il profumo del tuo caffè (buono, devo riconoscere) e tua moglie nuda nel tuo letto. Non c’è niente di meglio di una buona tazza di caffè prima di scopare, non trovi?

Ti sei accorto poi che adesso si depila la passera?

Dovresti essertene accorto per forza, era già depilata l’ultima volta che si è lasciata scopare da te, due mesi fa.

Non ti sei mai chiesto perché tua moglie si farebbe leccare tutti i giorni? Hai notato com'è bagnata negli ultimi tempi? E come ti prende per i capelli e ti schiaccia la faccia contro la sua fica? E come gode?

Poveretto, magari credi che sia per via delle tue capacità nel cunilinguo… Sciocco! È il pensiero di cosa tu stia leccando via che la fa impazzire. Capisci ora? Non ancora?
Ti do un aiutino: non sono solo i suoi umori che stai assaporando, c’è anche qualcosa di mio…

E hai visto che, dopo che l’hai leccata, lei ti fa venire menandotelo con la mano e non si lascia più scopare? Devi farci l’abitudine, mio caro. Quella sua fichetta stretta ora è di mia esclusiva proprietà e al tuo inutile pisellino è proibito l’accesso. Meglio che ti rassegni a un futuro di solitudine e seghe…

Che poi, a ben guardare, non è stato neanche difficile farmi tua moglie. La prima volta che l’ho vista al supermercato ho deciso che me la sarei fatta. Ci siamo scambiati un’occhiata e posso dire che sia rimasta impressionata dal mio aspetto. Io lo curo, il mio aspetto, al contrario di te, con quella panza.

Le spalle larghe, il ventre piatto, i fianchi stretti, i capelli curati, io so come vestirmi per far colpo. Non si sa mai quando possa apparire una donna scopabile. Tu no, mio caro. Assomigli a un sacco di patate.

Ci siamo sorrisi e siamo andati ognuno per la nostra strada.

Ma la seconda volta al supermercato ci siamo trovati insieme “per caso” in fila alla cassa, e naturalmente abbiamo cominciato a scambiarci due parole. Da come mi guardava era chiaro che si stesse chiedendo come sarebbe stato con me a letto. L’ho accompagnata alla macchina per aiutarla a scaricare la spesa ed è parso naturale che accettasse un invito per un caffè.

Come la maggior parte delle donne sposate, lei non ha visto niente di male a prendere un caffè con me. Potevo quasi vedere le rotelle nella sua testa girare vorticosamente mentre accettava il mio invito e cercava di giustificare la sua decisione di fronte a sé stessa.
Bisogna sempre assicurarsi che abbiano una scusa per fare quello che fanno. Alla fine devono poter dire: “è successo così, all'improvviso e non me ne sono neanche accorta!”, per scaricare la loro coscienza. Le donne sono più trasparenti di quello che pensi e l’unica cosa che devi fare è non farle sentire colpevoli.

Quando abbiamo preso il caffè insieme, in piedi davanti ad un bancone affollato, la ressa è stata la prima scusa per stare vicini, a contatto… Avresti dovuto vedere come si inturgidivano i suoi capezzoli! Aveva slacciato un altro bottone della camicetta e stava con le spalle indietro ed il petto in fuori, cercando di far colpo su di me.
E rideva! Rideva ad ogni scemenza che le propinavo e, ridendo, a un certo punto ha appoggiato la testa sulla mia spalla, quasi che non riuscisse a restare in piedi. E rabbrividiva ogni volta che le sfioravo un braccio, le appoggiavo la mano sui fianchi, le strusciavo la mia erezione contro il sedere.

Dal momento in cui le ho parlato per la prima volta alla cassa del supermercato al momento in cui si è tolta gli slip in camera mia non è passata neanche un’ora e mezza.

Quel pomeriggio è stata una scoperta, per tutt'e due… Dietro quell'aria da buona madre di famiglia sono rimasto sorpreso di scoprire la più gran puttana, la più scatenata succhiacazzi che si potesse immaginare. La parola “troione” è riduttiva, nel suo caso.

E lei contemporaneamente ha scoperto cosa vuol dire farsi fottere come si deve, da uno che non solo sa come far felici le donne, ma che ha anche l’attrezzatura necessaria per assolvere questo compito, al contrario di te.

Da quel momento non ha più avuto scampo. Era mia.

Hai notato quanto tempo spende in palestra, adesso? Non è solo per farsi più desiderabile per me, è anche per via del fiato che si vuol fare il previsione delle nostre maratone mattutine. Appena te ne vai, la mattina, almeno tre volte alla settimana, lei mi aspetta seminuda sulla porta con una tazzina del tuo caffè in mano. Le sole cose che indossa sono capi di costosa biancheria intima che tu le hai comprato e che non le hai mai visto indossare. Ma io sì, tutto il tempo…
Appena prendo la tazza, lei si inginocchia a comincia a succhiarmi l’uccello per prepararmi a ciò che seguirà.

E ne ho bisogno, nelle tre ore di sesso selvaggio che seguono! Mi sorprende, tua moglie. Di solito le donne hanno problemi a prendere il mio uccello in bocca: è troppo grosso, non ci entra… Ma lei lo inghiotte tutto, fino alla radice, facendoselo scendere lungo la gola e ignorando il riflesso che produce il conato di vomito. E non si ferma fino a che il suo naso non tocca i miei peli pubici e la sua lingua non riesce a leccarmi le palle.
Incredibile l’impegno che ci mette. Veramente una donna da rispettare.

Quindi, dopo che le ho propinato la “colazione” col mio primo schizzo del mattino direttamente in gola, la prendo, la carico su una spalla come se fosse un sacco di sabbia e la porto nella tua camera. Pensa, anche se sa benissimo che lo faccio sempre e sa altrettanto bene cosa stia per succedere, non riesce a trattenere uno strillo di eccitazione e di sorpresa.
Mi accusa sorridendo di essere “brutale”, ma poi aggiunge di non riuscire a spiegarsi come abbia fatto a rimanere quindici anni insieme a una mezza sega come te.

La butto sul letto. Le apro le gambe e comincio a infilarle un dito. Poi due. Poi tre, per prepararla alla chiavata.
Lei smania, si agita, mi afferra per I capelli, mi attira a sé. Sbrodola dalla passera, letteralmente.

Comincio a leccarla, a baciarla. Lei impazzisce. “Chiavami, scopami, voglio sentire il tuo cazzo nella mia fica, subito…” .
È sempre così, con la prima chiavata del mattino. La faccio smaniare, pregare, supplicare di scoparla. Fa bene al mio ego.
E le chiedo, con aria innocente, ma con animo diabolico:
- Perché continui a scopare con me quando hai un marito a cui puoi fare riferimento? Cos'ha il mio cazzo di diverso dal suo? - e mentre mi risponde le strofino gentilmente il clitoride.

E mi beo della sua risposta, sempre la stessa:
- Non c’è paragone!
- In che senso? - insisto malignamente.
- In tutti i sensi! Il suo pistolino è piccolo e si smolla subito. Io non ho mai saputo cosa volesse dire avere un cazzo che ti riempie tutta e ti fa godere fino a quando non ho provato il tuo! Lui è una mezza sega di uomo, debole, fifone, inutile! Ma adesso trombami! Mi sento vuota senza il tuo cazzo…

Ed è proprio quello che faccio, per le due ore successive.

Lei geme, grida, rantola, mi strige con le sue gambe intorno ai miei fianchi, attirandomi con i talloni il più possibile contro di sé. Sento la sua passera pulsare e stringersi intorno al cazzo. Io martello senza pietà, spingendo fino in fondo, fino a toccare la cervice con la cappella.

A quel punto comincia a tremare e il suo corpo si irrigidisce nell'orgasmo sotto di me. Io la guardo, mentre le ondate di piacere la travolgono.

Paradossalmente, più gode, più le viene voglia. Fino a impazzire, fino e prendermi per i capelli e tirarmi a sé per baciarmi in bocca, mordermi, mangiarmi vivo, mentre il suo corpo cerca ancora di aderire completamente al mio.
Io non smetto di spingere. Non le do tregua, la faccio morire.

Come lei, nemmeno io ne ho mai abbastanza del suo piccolo corpo apparentemente così fragile, ma capace di sopportare orgasmi infiniti. Né delle sue tette, così piene e ballonzolanti, con quei suoi capezzoli rosa, grossi come l’ultima falange del mio mignolo, che non mi stanco mai di strizzare, mordere e succhiare.
Come le piace! Come rovescia la testa all'indietro emettendo quel suo suono roco, di gola, che sembra uscirle direttamente dalle viscere.

Le ho comunicato che non dovrà più prendere la pillola.
È tempo, ormai, per lei di mettere al mondo un paio di marmocchi.

Sai quanto ci tiene.
Peccato però, non saranno tuoi…

D’altra parte, guardiamo in faccia alla realtà: tu non vali un cazzo. Quelle due o tre gocce di sperma che produci non metterebbero incinta nemmeno la più prolifica delle donne.
Tu sei un’ape operaia. Devi lavorare per la tua ape regina e per i suoi figli, pagare le bollette, non farle mancare niente e rinunciare per sempre al sesso, che non è cosa per te.

Se può consolarti, non sei il primo marito cornuto e senza spina dorsale che incontro. E non sarai neanche l’ultimo.
Andiamo, una donna come lei non può essere tua moglie: ti è troppo superiore. Non te la meriti, non sei alla sua altezza.

Quando avrò finito con te sarai felice di portarci la colazione a letto e, anzi, mi ringrazierai per il privilegio…

Come immaginerai, lei non è l’unica cavalla della mia stalla. In questo momento ne ho tre e, pensa, una me l’ha presentata proprio lei!
Si tratta di Giuliana, la sua amica, che quando ha sentito i racconti di tua moglie a proposito del mio cazzo le ha chiesto se poteva partecipare. Tua moglie era così orgogliosa di me che ha acconsentito.
E ora me le scopo entrambe, spesso insieme…

Anzi, tua moglie ha sviluppato il gusto per la passera e ora, con mio gran diletto, alle volte si danno piacere tra loro. L’avresti mai pensato?

Ma ora basta. Per oggi ho finito con te. Ma non con tua moglie. Le darò un altro paio di colpi, qui in casa tua, sul tuo letto, prima di tornare a casa a vedere la partita del Milan.

Chissà che oggi non sia il giorno buono che ci rimanga incinta…