i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Osservavo mia sorella
una donna molto bella.
Superati avea i quaranta
ma era bona tutta quanta.
Una mora assai formosa
e una faccia deliziosa,
folti ricci a incorniciarla,
una gioia era fissarla.
Ci trovavamo ogni domenica da lei a banchettare
per il dì di festa, con le famiglie, insieme passare.
E quella volta dopo il lauto pranzo
si stava tutti a digerir la costa di manzo.
Sul divano ora oziavo
e curioso la sbirciavo.
Lei si sporse dal balcone
io fissai il suo bel culone,
più era stretto nella gonna
più mi arrapava quella donna.
Dopo un po' mi ritrovai
eccitato più che mai.
Stavo lì come un pazzo,
a tastare il mio gran cazzo.
La mia patta s'era gonfiata
per una sorella desiderata.
Poi d'un tratto si voltò,
in quella posa mi pescò.
In un attimo sbiancai,
la sua reazione m'aspettai.
Temetti mi guardasse inorridita
o disgustata e inviperita.
Un istante, l'ammetto, si fece sorpresa
si accigliò come se fosse offesa
ma subito poi arrossì lei nel viso
ed accennò un malizioso sorriso.
Si guardò un po' in giro
per veder chi era a tiro,
quando fu certa che nessuno vi era
mi si avvicinò con movenze da pantera.
Si parò a me dinnanzi, con sui fianchi le dita
fissandomi la patta alquanto ingolosita.
Eran venticinquanni che cullavo quel pensiero,
ma che si realizzasse non pensavo davvero;
da che era fresca tredicenne io su lei fantasticavo
ed ecco che incredibilmente il sogno ora avveravo.
Il cazzo mio era duro, un po' all'insù arcuato,
sussultai sospirando, appena lei me l'ebbe toccato.
Si chinò golosa infilandomi una mano nelle mutande
e quando tastò quel duro vigore la sorpresa sua fu grande.
''Il cazzo tuo a banana ho spesso desiderato''
mi confessò mia sorella, con tono sussurrato.
''Così il mio bel cazzo, ti ha sempre incuriosita...
perché allor, solo ora, ti fai così ardita?''
Fece cenno di tacere piazzando sulle labbra un dito,
e dalla voglia di scoparla ero ormai impazzito.
Mentre mio cognato era intontito dal gran bere
alla moglie affondavo le mani sul sedere.
Pensar che quella moglie che si lasciava palpeggiare
era mia sorella, mi fece ancor più eccitare.
Le mutande si sfilò e a cavalcioni mi si sedette
e il mio cazzo si infilò mentre goloso le strizzavo le tette.
Iniziò a dondolare liberando un sommesso mugolio,
a scopare mia sorella mi sentivo come un dio.
E più il mio cazzo duro l'ha penetrava
più mio cognato avvinazzato ronfava.
A dare stantuffate deciso continuai
finché di sborra calda l'interno le inondai,
appena venuto la guardai desolato
temendo d'aver la mia sorella ingravidato,
con un sorriso da troia più che da malandrina
mi disse di star tranquillo che avrebbe preso la pillolina.
Per finir ci slinguammo, rilasciati ma soddisfatti
poi si alzò dalle mie cosce e andò a lavare i piatti.
Mia moglie con la suocera tornò dalla passeggiata
e io mi chiesi se dal mio viso si capisse della fresca scopata.
Ma loro in verità non si accorsero di niente
ed io di ripetere l'incesto ero già molto impaziente.
Io e mia moglie a quel punto tutti quanti salutammo
e tranquilli verso casa pian piano ci avviammo.
Lei si disse soddisfatta della domenica passata
io subito annuii pensando a mia sorella e alla scopata.

Per commenti scrivetemi a: pensieriosceni@yahoo.it