i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Lezione serale

Ecco, ci siamo, devo entrare in classe, proprio in quella, l’ultimo anno. Non mi piace quella classe, ci sono cinque o sei ripetenti che fanno i gradassi, disturbano gli altri che poi si lasciano trascinare.
Poi mi capita sempre il venerdì sera, quando la settimana lavorativa finisce e mi sento sempre molto stanca. Per fortuna l’ora di lezione è di cinquanta minuti e quindi durerà molto di meno.
Sono davanti alla porta, vorrei non entrare, ma il dovere mi chiama. Sento i ragazzi in classe che parlano ad alta voce, praticamente tutti insieme. Il risultato è un chiasso infernale.
Forza Marina, fai un gran respiro e apri quella porta. Coraggio, è l’ultimo sforzo settimanale.
Così metto la mano sulla maniglia e apro. Ovviamente solo pochi smettono di parlare, gli altri continuano, incitati dai ripetenti. Qualcuno mi guarda, qualcun altro parla al cellulare, altri giocano col cellulare, altri parlano tra di loro.
L’unica è fare finta di nulla e sedermi alla cattedra come se fosse una normale lezione. Poggio la borsa sulla scrivania col libro di trigonometria accanto e mi seggo.
Ma che stupida, mi dico ancora, proprio oggi ho messo la gonna, anche un po’ corta. Ma sono proprio rimbecillita. La scrivania è aperta davanti e devo fare molta attenzione a non dare spettacolo. L’unica sarebbe restare in piedi, ma ormai sono seduta e non voglio che mi credano imbarazzata.
Comunque, stranamente, appena mi siedo la classe si zittisce. Mi guardo intorno stupita. Cosa è successo? In genere non smettono mai di ciarlare. Vedo i loro sguardi su di me. Li vedo alzare e abbassare lo sguardo, guardano me e … e sotto la cattedra. Certo, avrei dovuto immaginarlo, ora sono intenti a guardare le mie gambe. L’imbarazzo si fa terribilmente pesante. Dovrei alzarmi e fermare lo spettacolo, ma avrei dato il via ad una nuova caciara. Sono indecisa. Certo se non avessi messo la gonna non mi sarei sentita così. Cosa devo fare.
Resto parecchio tempo in uno stato di incertezza, immobile, con mille e mille pensieri che mi passavano per la testa. Quei ragazzi terribili che stavano sempre dietro alle ragazzine ora guardavano le mie gambe. Non che fossero scoperte del tutto, ma certamente non poco.
I due più terribili erano anche seduti al primo banco. Non smettevano di guardare sotto la cattedra e non facevano nulla per nascondere quel loro interesse, tant’è vero che si davano anche piccole gomitate sorridendo maliziosamente.
Oddio, cosa faccio? Certo non potevo restare immobile e in silenzio. Non potevo nemmeno dire loro qualcosa. In effetti la colpa era mia di tutto questo. Forse l’unica soluzione sarebbe stata quella di far finta di nulla. Di fare lezione come se non stesse succedendo nulla.
Così presi il libro e dettai il primo problema che avrebbero dovuto risolvere.
Tutti scrissero, anche quei due al primo banco, ma non avevano nessuna intenzione di svolgere il compito. Continuavano a fissarmi.
Cosa avrei dovuto fare? Continuare a far finta di niente? Riprenderli?
Gli sguardi si facevano più insistenti e, assurdo, una strana sensazione mi stava prendendo. Quegli sguardi così penetranti stavano iniziando a piacermi. Mi appoggiai allo schienale della sedia e mi spinsi un tantino più avanti, come se volessi trovare una posizione di riposo. La conseguenza fu di sollevare la gonna ancora un po’ destando sempre più l’attenzione dei ragazzi. Sentivo il cuore che mi batteva più forte. Quegli sguardi mi provocavano dei brividi, una sensazione che non avevo ancora provato.
Accavallai le gambe e gli occhi erano ancora più decisi e attenti, così anche le gomitate si facevano più frequenti.
Scavallai le gambe lentamente, provocando maggiore attenzione. Sentii che il mio basso ventre rispondeva a questa manovra. L’eccitazione compariva improvvisa e sconvolgente.
Lentamente sollevai una gamba portando la punta di un piede sul tallone dell’altro, mostrando di conseguenza una generosa porzione di gambe. Restai qualche secondo in quella posizione cogliendo sul viso dei ragazzi della prima fila un sorriso ammirato. Sentii lo stupore dentro di me e l’eccitazione che mi prendeva.
Diavolo, mi piaceva dare spettacolo, mi piaceva che qualcuno sbavasse per i miei piccoli e semplici movimenti. Da un lato una vocina mi diceva di smettere, di fermarmi prima che succedesse l’inevitabile, dall’altra un’altra vocina mi incitava a proseguire.
“Falli sbavare quei due ragazzi, falli arrapare, lo vedi che piace anche a te.”
Col cuore che batteva forte ripetei lo stesso movimento con l’altro piede, facendo salire la gonna ancora di più.
Lentamente e maliziosamente ripetei altre volte questo movimento, facendo aumentare di molto l’attenzione dei due ragazzi. Ma anche altri se ne accorsero e presero a guardarmi, forse anche increduli. La loro professoressa tanto temuta e autoritaria in quel momento stava dando spettacolo.
E la cosa mi piaceva sempre più.
Stavo arrivando a un momento di eccitazione incredibile, a un punto di non ritorno.
“Professoressa … professoressa – una voce al mio fianco mi fece sobbalzare – il mio compito.”
Uno dei ragazzi più bravi aveva finito di fare il compito e me lo stava consegnando.
Lo presi con le mani tremanti e lo misi alla mia destra. Piano piano arrivarono anche gli altri e, sempre tremando, misi un compito sull’altro, cercando di mantenere un certo contegno.
Guardai i ragazzi e dai loro sguardi capii che erano consapevoli del mio stato d’animo e quasi ridevano della situazione.
Il campanello di fine lezione e il bidello che aprì la porta arrivarono in mio soccorso.
Con la testa piena di mille pensieri, mi ricomposi mettendo la gonna al suo posto, mi alzai e uscii dirigendomi di corsa alla macchina.
Vidi i due ragazzi venire dalla mia parte, nervosamente riuscii ad aprire lo sportello, entrare in macchina, mettere in moto e partire.
Andai a casa distrutta, con la speranza che questo episodio fosse finito lì, senza avere delle conseguenze future.
Ma lo speravo davvero?
Note finali:
Dedicato alla mia cara amica E.
Per suggerimenti e commenti: marinadeangel@libero.it