i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Piccola premessa: questo racconto si compone di una parte completamente vera e di una parte in cui la fantasia prende il sopravvento.
Mi chiamo Roberto ho 30 anni e ho scoperto di essere bisessuale circa due anni fa, quando conobbi in discoteca Monica, era vestita con un mini abito di pelle che lasciava scoperta la parte superiore della schiena e copriva a malapena il sedere.
Si gira mi sorride e decido di avvicinarmi, un viso bellissimo con due occhi grandi e un nasino alla francese, perfetto, zigomi alti e labbra carnose, capelli lunghi fino alle spalle, un rosso accesso, chiaramente una tinta con i ciuffi che le pendevano ai lati del viso, con il ciuffo sinistro più lungo, labbra disegnate, tant’è che pensai subito che fossero rifatte.
Mi stavo avvicinando, ballava in modo sensuale e sinuoso, più mi avvicinavo e più il cuore batteva forte, andava a mille, una sensazione di ansia mi prese lo stomaco, mille pensieri, poi di nuovo il suo sorriso. Arrivo dinanzi a lei, alta più o meno come me(180 cm): salivazione azzerata, le sorrido ma non riesco a pronunciare niente, lei si mette a ridere e penso "ecco ho fatto la figura del fesso, tanti saluti", e invece mi stupisce dicendomi: “scommetto che vuoi offrirmi da bere?!” “Sì certo volentieri,” (ci risiamo ancora un’altra figura da fesso), scoppia di nuovo a ridere e mi prende sotto braccio e mi dice: “dai andiamo al bancone ho proprio voglia di bere qualcosa ho ballato come se non ci fosse un domani”. Quel suo modo di fare mi ha tranquillizzato e messo a mio agio, non avevo mai avuto problemi di approccio ma questa volta ero rimasto veramente impietrito di fronte a cotanta bellezza e sensualità veramente una gnocca da urlo. Le faccio i complimenti e mi presento, la musica era alta e per parlare spesso dovevamo avvicinarci con le bocche alle orecchie, il suo alito caldo sulle orecchie mi mandò completamente sulla luna l’eccitazione era già incontenibile.
Dal suo accento mi accorsi che non era italiana, le chiesi di dove era e mi disse che veniva dal Brasile, era in Italia da qualche anno, lavorava in un negozio di borse e valigie in centro, intanto il primo giro di cocktail era andato così ordinammo ancora da bere, poi ci buttammo in pista a ballare. Prese l’iniziativa lei avvicinandosi e strusciandosi, ero colpito tanta audacia, non mi era mai successo che una ragazza fosse così sciolta e disinibita sin da subito, ero un po teso e paralizzato, ma eccitatissimo, continuava a strusciare il culo sul pacco e avevo il cazzo duro come il marmo, si girò di scatto mi guardò negli occhi appoggiò la mano sul pacco e dice: “Wow come siamo eccitati, c’è da divertirsi stasera e mi infila la lingua in bocca, andiamo a prendere da bere?” “Ok”.
Mi prende per mano e mi trascina al bancone, ordiniamo due moscow mule, “di solito sei sempre così rigido con le fanciulle”, mi chiese, “in realtà sei te che mi paralizzi un po', di solito sono io che faccio la prima mossa, diciamo che sono molto più sciolto di così, sono veramente colpito dal tuo fascino e dalla tua audacia”, si avvicina fissandomi negli occhi e mi infila la lingua in bocca.
Sembravamo due adolescenti le mani andavano dappertutto, mi dà un morso sul collo, mi guarda e si lecca le labbra, poi prende i due bicchieri e me ne porge uno: “cin cin”.
Parliamo di tutto e di più, poi ordina ancora da bere due tequila, ancora cin cin e via, ritorniamo in pista a ballare e riprendiamo a strusciarci, mentre limoniamo mi mette una mano intorno sul collo quasi a strozzarmi, ma anziché darmi fastidio mi provoca un ulteriore piacere, lei se ne accorge e mi dà un pizzico al capezzolo, il locale era strapieno di gente, ma a noi sembrava non interessasse. Erano quasi le tre ritorniamo al bancone prendiamo ancora da bere, nel frattempo che aspettiamo i due cocktail mi chiede:
“Quanti hai?”
“28”.
"Io 35, bel ricciolino", mi dice,"sei piccolino"
“Te ne avrei dati meno sei uno schianto”, le sussurro all’orecchio.
“Però galante, grazie e tu baci molto bene e da quello che ho sentito hai un bel pacco, mi piacciono i ragazzi più giovani sempre disponibili a tutto” “ perché non andiamo via, andiamo a bere qualcosa da me” le chiedo.
“Senti Roberto adesso facciamo un ultimo giro e poi andiamo da me staremo più comodi”.
“Ok due tequila”, dissi al barista, bevemmo tutto d’un sorso come di consuetudine poi mi afferrò per la cravatta e mi infilo di nuovo la lingua in bocca, poi mi disse: “andiamo non resisto”, e sempre tirandomi per la cravatta mi trascina nel parcheggio. Arrivati vicino l’auto, le apro la portiera lei mi afferra per la cravatta e mi morde un labbro poi mi dà un leggero schiaffo sulla guancia si siede e mi ringrazia, chiudo lo sportello e penso, questa è strana forte, vabbè tanto devo solo farmi una scopata. Appena metto in moto mi mette una mano sulla patta, apre la cerniera, e mi tira fuori il cazzo: “Wow bel cazzo, casa mia è in via La Spezia”, e in un attimo se lo infila tutto in bocca, se lo faceva arrivare fino in gola, stavo facendo una fatica impressionante a guidare, succhiava in un modo divino, fino ad avere i conati di vomito, una pompa da ufo. Faccio per mettergli una mano sulla nuca, e come le tocco la testa si alza e mi dà uno schiaffo sulla mano, si fa una risata e riprende a succhiare, ogni tanto si ferma e mi dà qualche morso alla cappella, mi stringe i coglioni procurandomi un po di dolore, ma la cosa strana è che tutto ciò mi provocava ancora più eccitazione. Arriviamo sotto casa sua faccio per abbottonarmi il pantalone e lei mi dice: “non ci pensare neanche togliti il pantalone e seguimi” e si avvia verso il cancello
“Ok!!!!” “ o dio?!” penso, “ma che cazzo ho detto? Ok?! Cazzo ma devo scendere dalla macchina con il cazzo in tiro e farmi una parte di cortile mezzo nudo e magari anche qualche piano di scale?! se mi vedesse qualcuno?! ma che cazzo di umiliazione sarebbe?! Ma per una figa del genere farei questo ed altro, mica palle, vabbè chi se ne frega sono le 4 di un sabato notte chi cazzo vuoi che ci sia in giro nel condominio?!” Sarà l’alcool bevuto fino ad ora che annulla le inibizioni, mi tolgo il pantalone, lo afferro, esco dalla macchina, inserisco l’allarme e con il pantalone che mi copre il pacco mi dirigo in direzione del portone dove Monica mi aspetta ridendo di gusto. Mi schiocca un bacio e mi dice “abito al terzo piano e l’ascensore non funziona e scoppia a ridere” “ E che cazzo!!!” penso tra me e me, ma d’altra parte mi rendo conto che stare al suo gioco è divertente ed eccitante così le rispondo, con il sorriso sulle labbra che, “girare mezzo nudo per le scale è il mio sport preferito”, altra sonora risata da parte sua, tipica di chi ha alzato un po il gomito, si gira mi afferra per la cravatta e iniziamo a salire le scale, avevo quel culo davanti che ondulava a destra e sinistra, l’avrei scopata sulle scale. Raggiungiamo finalmente il terzo piano, gira a destra, una serie di porte blindate si presentano sul lato destro mentre sulla sinistra una serie di finestre che affacciano sul cortile interno dove si vedono parcheggiate pochissime auto. Molla la cravatta e inizia a frugare nella borsetta alla ricerca delle chiavi, arriviamo davanti ad una porta blindata, inserisce la chiave ed apre. Una luce soffusa illumina un piccolo soggiorno, un piccolo divano sulla destra posizionato difronte al televisore. Chiudo la porta, mi sento afferrare per la cravatta ancora una volta e trascinato in camera da letto, l’afferro per le natiche, mentre lei inizia a scogliere il nodo alla cravatta, poi si dà da fare con la camicia che vola via in un baleno, le tirò giù la parte di vestito che le copre il seno, fu solo in quel momento che mi accorsi che le tette erano rifatte, una quarta abbondante, ma rifatta veramente bene, afferrò quelle bocce che sfidavano la forza di gravità e lecco quei capezzoloni larghi come una piazza, il profumo di rose mi mandava in estasi mmmmm.
“Si leccami le tette, maiale, siiii mmmmm” mi afferra la testa e la preme contro i seni, quasi a soffocarmi, mi molla per farmi prendere il respiro poi di nuovo, poi mi mette una mano sul collo e mi dice: stasera sei mio, vedrai come ti faccio divertire poi mi molla uno schiaffo, l’ennesimo tirato senza forza come gli altri, ma che voleva far capire chi conduceva il gioco è io la lasciai fare.
“Si non vedo l’ora”, poi mi spinge sul letto, mi metto seduto lei mi sale sopra e si siede, mi infila la lingua in bocca mi accarezza il petto, mi afferra un capezzolo lo lecca lo morde, apre la cinta, la sfila, la afferra dalle estremità e simula un balletto sexy muovendo sinuosamente il bacino sopra il mio cazzo che ormai non ne poteva più. Si fa passare la cinta prima sulla nuca agitando la testa da una parte all’altra, un immagine sexy da far perdere la testa a chiunque, mi sembrava di essere in un film, poi se la fa passare sulla schiena e ancora sulla testa, unisce i due lembi della cinta e mi dà una leggera frustata sul petto e con un sorriso malizioso mi dice: “stanotte sarai il mio schiavo”. Scende dal letto e sculettando si avvia verso la cassettiera, prende un foulard nero si avvicina al letto alza una gamba e con ancora i tacchi ai piedi mi preme il pacco, “ahi”, le dico e lei per tutta risposta strofina la pianta del piede avanti e indietro a destra e sinistra, sopporto il dolore ma non fa che aumentare la mia eccitazione, non conoscevo questo lato latente della mia sessualità comincia davvero a piacermi. Sale su letto e con movenze feline si mette ancora a cavalcioni su di me appoggia i gomiti ai lati della mia testa e mi porge i seni che lecco con cura: “chiudi gli occhi”, mi dice, eseguo e mi benda, continua a farmi leccare le tette poi si alza la sento scendere dal letto. “Non toglierti la benda altrimenti”, "ahi”, mi arriva una frustata con la cinghia, leggera, ma comunque dolorosa quanto basta, scoppia in una sonora risata, “bravo il mio ragazzino così ti voglio ubbidiente e arrapato”, “si non sai quanto mi stai facendo impazzire”, le dico. Sento i suoi passi allontanarsi fuori dalla stanza, la tentazione di togliermi il foulard è tanta, ma decido di resistere e stare al gioco, e questo gioco mi piace. Passa qualche minuto (interminabile), la benda e il silenzio di quei pochi minuti mi tengono sulle spine, ammetto di essermi preoccupato un po, insomma sono a casa di una perfetta sconosciuta, bendato e a quanto pare a lei piace dominare, poi sento i suoi passi, eccola è rientrata in stanza, “perdona l’attesa ma dovevo andare in bagno”, si avvicina ai piedi del letto si mette in mezzo alle gambe e con le ginocchia mi da due colpetti per farmi capire di allargare le gambe, appoggia le mani sulle cosce e risale, sento le sue mani che accarezzano, “mmmm hai proprio un bel cazzo”, sento un morso leggero lungo l’asta, poi un altro un po più deciso, poi un altro ancora, questo fa un po male, ma resisto. Sento la sua lingua leccarmi la punta, il mio respiro diventa affannoso, si infila la cappella in bocca e succhia roteando la testa su di essa, “o dioooooo sei magnifica”, le urlo. Poi un morso sulla cappella leggero ma il dolore si sente e come se si sente, “ahiiiiiii mi fai maleeee”, “hahahahahah” ride di gusto, “questo è niente”, la sento salire su di me, si siede sul mio ventre, mi strofina sulla faccia qualcosa di stoffa: “annusa, senti l’odore del tuo cazzo, annusa le tue mutande hahahaha” e me li infila in bocca. Una serie di schiaffi leggeri mi arrivano sul viso, “da adesso mi devi chiamare padrona”, e mi strizza i capezzoli, agita il bacino sul mio cazzo, “si padrona farò tutto quello che vuoi”, la risposta sorprende anche me, rimango un attimo interdetto, ma che cavolo mi succede, questa ninfa è riuscita a farmi dire una cosa che non avevo mai creduto potessi dire, ero stato sempre io ad avere le redini dei rapporti sessuali con altre donne, la sua spavalderia e il suo essere così deciso mi avevano sorpreso e annientato, ma l’eccitazione e l’istinto mi spingevano a continuare.
“Bravo il mio ragazzino, se sarai disponibile e ubbidiente forse potrei anche chiamarti schiavo”, la sento scendere dal letto, “sali più su, stenditi sul letto ho una sorpresa per te”.
“Ancora, pensavo avessimo finito”.
“Siamo solo all'inizio,Hahahahaahah” e ridendo si allontana ancora dalla stanza, sento dei rumori mettalici provenire da un altra stanza.
La sento ritornare , sale sul letto e si sedie sugli addominali, poggia qualcosa di fianco alla mia testa, mi toglie i miei boxer dalla bocca, mi poggia qualcosa sulla lebbra e dice:
“Leccale, mmmmm si bravo, così mmmm”, qualcosa di metallico freddo, nel frattempo percorre con le mani le mie braccia me le allunga sulla testa ed lì che mi sento ammanettare e poi agganciare alla spalliera del letto, sta di fatto che ora avevo le mani bloccate, provo a strattonare ma niente.
Si avvicina al mio orecchio e mi sussurra: “stai tranquillo non ti agitare, non ti farò del male voglio solo divertirmi, e vedrai ti divertirai anche tu”.
“Cosa stai facendo toglimele subito, non voglio, cazzoooo tiramele via, maledizione, chi diavolo sei? Che diavolo vuoi?”
Mi agito, provo a tirare con le braccia ma niente, mi afferra il viso con entrambe le mani, mi blocca, e mi molla uno schiaffo in pieno volto, la sento avvicinarsi all’orecchio e con voce calma e suadente mi dice: “Ehi stronzetto, adesso calmati, voglio solo divertirmi un po', non farò niente che tu non vuoi, se ciò che ti farò non ti piacerà allora ti toglierò le manette potrai andare a fanculo, ma prima taci e godi” mi lecca l’orecchio e mi infila di nuovo il boxer in bocca, la sua voce mi aveva tranquillizzato un po'.
Per un attimo avevo temuto che volesse farmi del male, mi ero fatto prendere dal panico infatti il mio cazzo si era ammosciato, non ero del tutto calmo, sia chiaro.
La sento scivolare fino all’altezza del mio basso ventre, in mezzo alle mie gambe, la sento afferrarmi il cazzo e infilarselo in bocca, inizia a pompare prima lentamente poi più forte, poi ancora lentamente, con una mano tiene il cazzo e con l’altra mi massaggia le palle, il mio cazzo riprende vigore, l’eccitazione che aveva lasciato il posto alla paura piano piano sta scemando, riprende a succhiare a ritmi alternati, poi si infila l’uccello fino a farselo arrivare in gola, quasi a strozzarsi, fino a rimanere senza respiro, poi all’improvviso se lo sfila via, mi sento il cazzo completamente insalivato e zuppo della sua saliva. Mi dimeno, mi agito, sto letteralmente volando via, avrei una voglia di appoggiare le mani sulla sua nuca e scoparmi quella bocca ma non posso e questo stato di impotenza non fa altro che aumentare l’eccitazione.
Riprende a pompare questa volta senza mani, sento che mi sta accarezzando con le unghia le cosce poi dei pizzichi forti tanto da farmi sussultare.
“Ci agitiamo molto, ma ho la soluzione” mi dice.
Pronuncio qualcosa di incomprensibile, del resto con un boxer in bocca è difficile farsi capire, ma ho capito le sue intenzioni e di lì a poco sento afferrarmi prima una gamba, mi sta mettendo qualcosa alle caviglie, poi la immobilizza, fa la stessa anche con l’altra.
“Adesso va meglio così non corriamo pericoli”, e ride, la sento posizionarsi sul letto in mezzo alle mie gambe appoggia qualcosa sul letto ma non so cosa, riprende a succhiarmi l’uccello come non ha mai fatto nessuna, questo è sicuramente il miglior pompino mai ricevuto. Mi toglie il boxer dalla bocca: “allora ti sta piacendo? Ti stai divertendo vero?”
Le faccio di sì con la testa. Si alza la sento avvicinarsi, mi toglie il boxer, mi da un bacio, lungo e appassionato, si stacca e mi fa: “sentì il sapore del tuo uccello hhahahah”.
Poi torna sul cazzo lo afferra e
Sbaaaam uno schiaffo sul cazzo, “ahiaaaaa che dolore”, le urlo, mi stritola i coglioni e mi dice: “da ora in poi dovrai rispondere solo si padrona!!!! Ok?!”
“Si padrona, siiiii ahiaaaa che dolore padrona”.
Altri schiaffi sul cazzo e stritolamento di coglioni, una lacrima mi riga il volto, il dolore era veramente troppo.
Continua a schiaffeggiarmi il cazzo, poi se lo infila di nuovo in bocca, sento che la mano libera mi accarezza l’ano.
“Wow che bel buchino mmmmm”, e inizia a leccare, mette la punta del dito sull’ano “non resistere altrimenti è peggio”.
“Si padrona ma io sono vergine nessuno mi ha mai sfiorato il buco del culo”.
“Beh io posso farlo e lo farò quindi rilassa il tuo culo ORA”.
“Si padrona”, lentamente fa entrare un dito nel culo, piano piano riesce ad infilarlo tutto, devo dire che la sensazione di leggero fastidio provata all’inizio svanisce in un baleno lasciando il posto ad un piacere nuovo, un piacere divino, si riprende il cazzo in bocca e aumenta la velocità di penetrazione del dito poi si ferma e la sento massaggiare all’interno del mio ano, la cappella si gonfia, sto per venire, le riempio la bocca di sperma, “aaaaaaaaah dioooooo sborroooooooo!!!!” La cappella va a fuoco, i muscoli del corpo completamente contratti dallo spasmo, in attimo raggiungo vette di piacere mai provate, il suo dito è ancora nell’ano, il mio glande nella sua bocca, stringo le chiappe non voglio farlo uscire. Mi sfila il dito dal culo si avvicina alla mia faccia mi tappa il naso d’istinto apro la bocca e sento la sua bocca baciarmi, ma sento anche qualcosa di viscido entrarmi, capisco subito che si tratta del mio sperma, con l’altra mano mi tiene fermo il mento e mi lecca le labbra. Il sapore è acido, leggermente salato e molto molto caldo. Un conato di vomito, ma non riesco a sputarlo via una parte la ingoio, un po' mi rimane in bocca, un po cola fuori.
“All’inizio non piace a nessuno ma poi vedrai che non potrai più farne a meno dello sciroppo di cazzo hahhahahahahahah, ingoia ragazzino”, con un dito mi raccoglie lo sperma dai lati della bocca e me lo infila dentro. Eseguo senza fare tante storie, comincio a stupirmi sempre più di quanto sia stato sottomesso da questa dea. Questo trattamento mi fa tornare il cazzo semi duro. La sento avvicinarsi al cazzo e riprenderselo in bocca, poi sento una sostanza fresca e viscida appoggiarsi sull’ano e anziché un dito questa volta ne infila due, questa volta la pompa è lenta mentre le dita vanno veloci in un attimo il cazzo torna duro. Nel momento migliore sfila le dita dal culo e smette di fare la pompa, sento qualcosa di morbido, ma consistente, non troppo grosso penetrarmi l’ano, poco alla volta entra tutto, non è molto lungo ma molto piacevole.
“Ti piace?”
“Si padrona è divino”.
“Lo sapevo che ti sarebbe piaciuto è un plug anale e tu sei un porco e forse anche una puttanella”
“Si padrona tutto quello che vuoi”.
“Sai ne ho uno anche io nel culo o meglio, adesso lo tolgo e mi infilo il tuo bel cazzo nel culo”.
“Si padrona non vedo l’ora, aspetto questo momento dal primo minuto che ti ho visto”
“Ti sei comportato bene, te lo sei meritato ti sei fidato”, mi mette un preservativo.
La sento mettersi in piedi poi si inginocchia, con una mano afferra il mio cazzo e lentamente se lo fa entrare nel culo.
“Spingi ragazzino, daiiii, ooooo siiiii mmmmm che bello oooo siiiii dai eè quasi entrato tuttoooo oooo Wow, hai davvero un bel cazzo mm come lo sento”.
“Si padrona è bellissimo è così caldoooo o siiii fantastico”, ho capito che si è seduta sopra di me dandomi le spalle. I movimenti sono lenti, su e giù, quando scende si siede fino a farselo entrare tutto dentro poi rotea il bacino, e geme di piacere. La velocità aumenta sempre di più, prima si appoggia con le mani alle mie ginocchia poi si appoggia con le mani sul petto si ferma e mi dice: “dai porco datti da fare scopamiiiii”. È così faccio, aumento la velocità, e poi mantengo un bel ritmo, su e giù senza sosta, lei geme: “mmmmm siiiii daiiii non ti fermareeeee”. Andiamo avanti un bel po' non so dire quanto, ad un certo punto si ferma scende fino a giu e fa roteare il bacino.
“Sei bravo, lo sai? Mmmm era da tanto che non trovavo qualcuno che scopasse così bene, anche col le manette a piedi riesci a spingere”
“Grazie padrona, lei è brava e straordinaria sto vivendo un’esperienza nuova e terribilmente eccitante”.
“Lo vedo che ti stai divertendo, ma il bello deve ancora arrivare”. Lentamente si sfila il cazzo dal culo e si siede sul mio petto afferra la benda e mi dice: “quello che troverai davanti ai tuoi occhi ti stupirà in tutti i sensi”, mi sfila la benda e apro gli occhi ma faccio fatica ad abituarmi alla luce, anche se soffusa, davanti ai miei occhi si va delineando piano piano una sagoma dalle forme familiari, lo schock è immediato, lo stupore è tanto, ho davanti un cazzo notevole, cerco di tirarmi su, ma i piedi sono bloccati, lei ride di gusto.
“Cazzo! Cazzo! cazzo succede?, porca puttana!!! Sei un trans?!”
“Si hai detto bene un cazzo e si sono un trans, sei sorpreso? Hai ragione avrei dovuto dirtelo da subito ma ho preferito farti divertire un po e poi metterti di fronte al fatto o al cazzo compiuto, hihihi”, (nel frattempo con una mano lo striscia sul mio petto), “non mi dire che non ti sei divertito perché a me è sembrato altro”.
“Cazzo c'entra questo? Avresti dovuto dirmelo”.
“Non credo, saresti venuto lo stesso con me questa notte? Insomma non ti sei accorto che ero una transessuale”.
“Non lo so può darsi di no, o si, e poi non me ne sono accorto perché sei perfetta,hai un gran bel fisico”.
Nel frattempo l’occhio cade su quel cazzo, mezzo duro con la cappella che usciva a metà, lucida, non ero mai stato così vicino ad un cazzo e la situazione mi turbava parecchio ma altre sensazioni si mescolavano ai pensieri, come il mio cazzo che manteneva il suo vigore.
“Non lo sai?! Grazie per i complimenti allora ho fatto bene a non dirtelo, hai goduto come un riccio e da quello che vedo sei ancora eccitato scommetto che non vedi l’ora di succhiarlo un po, e magari di farti sbattere come si deve”.
“Assolutamente no Padrona!!!” Ops continuavo a chiamarla padrona, ok ero davvero sottomesso e a dirla tutta ero affascinato da quel cazzo e poi era vero finora avevo goduto tantissimo.
“Padrona hahahahah continui a chiamarmi padrona secondo me sei attratto da tutto ciò, insomma ti sei lasciato immobilizzare, ti sei lasciato infilare due dita nel culo, hai dimenticato di avere un plug nel sedere? Forse conosco più io la tua sessualità di quanto immagini”.
Quello che stava dicendo era vero, no devo andare via non può essere non può avere ragione lei.
“Avanti slegami!!!”
“Non ci penso proprio, e poi lo sappiamo tutti e due che non lo vuoi davvero, e poi che sarà mai?! Abbiamo più o meno il cazzo delle stesse dimensioni, vedrai che ti piacerà”. In effetti era vero più o meno il mio cazzo si aggirava sui 17 cm. Così facendo si sollevò un po dal mio petto e fece per avvicinare il cazzo alla mia bocca, mi spostavo da una parte all’altra, mi mette una mano sul collo quasi a strozzarmi e mi dice: “piantala o ti soffoco”. Serro la bocca, mi chiude il naso con due dita e sono costretto per respirare ad aprire la bocca, fa per avvicinare il cazzo e serrò nuovamente la bocca decido di trattenere il respiro, dopo neanche un minuto apro la bocca per prendere aria e lei riesce ad appoggiare la cappella sulla lebbra semi aperte.
“Dai ragazzino apri la bocca non perdiamo tempo vedrai che ti piace, poi non ne potrai più fare a meno”, ma il suo cazzo è già duro e spinge sempre di più, fin quando la cappella entra.
“Wow finalmente, era ora, adesso assapora, lecca la cappella, su da bravo”.
Faccio di no con la testa, molla la presa sul collo e mi dà uno schiaffo in pieno viso.
“Muoviti lecca!!!” Ancora faccio di no con la testa, mi afferra un capezzolo e lo strizza, lo tira, il dolore era troppo allora do la prima leccata.
“O si dà bravo continua, fai ruotare la lingua intorno alla cappella”. Ancora un no e per risposta ancora uno schiaffone. Faccio come dice, inizio a far roteare la lingua sulla cappella, e lei inizia a spingere lentamente avanti e indietro la cappella.
“Un po di allenamento e saprai fare dei grandi pompini, siiii ooooo, succhia dai, cosiii, non mi sbaglio mai sulle persone hai visto?!” Si alza dal mio petto e si spinge un po in avanti, adesso il cazzo in bocca quasi a metà, non riuscivo a farmene una ragione ma mi stava piacendo e il sapore di quel cazzo era davvero buono, profumato come il suo profumo alle rose, ci stavo prendendo gusto.
“Hai visto che ti piace!!! Guarda com’è duro il tuo cazzo, sei una troietta, e da quello che vedo ti piace essere trattato da tale, dai succhia come ti piacerebbe che facessero a te, dai suuuu o siiiiiii da bravoooo mmmmm se continui così ti esplodo in bocca”. Era vero, stavo godendo, avere un plug nel culo e il suo cazzo in bocca mi facevano sentire sottomesso, vulnerabile e umiliato e ciò mi mandava in confusione ma in uno stato di eccitazione da non capire più niente. Iniziai a pompare quella mazza come se fosse l’ultima cosa che facessi mi faceva male la mascella ma continuavo, volevo soddisfarla e procurarle piacere. Mi prese dalla nuca e mi infilo tutto l’uccello in bocca, lo sentivo nella gola, tre, quattro secondi e poi mollava la presa, lo fece una decina di volte, il tutto mentre mi insultava e mi riempiva di parole come puttana e troia, che da oggi in poi le avrei potuto solo succhiare il cazzo. Mi veniva da vomitare, tanto arrivava in fondo quel cazzo.
“Adesso con la bocca toglimi il plug e poi leccami il culo”. Si posizionò con il culo sulla mia faccia, afferrai con i denti il plug e lentamente lo estrassi mentre lei gemeva e poi iniziai a leccare, c’era sapore di fragola sul quel culo.
“Mmmm come lecchi bene, ho messo il gel alla fragola, buono vero?”
“Si padrona, buonissimo, sei buona tutta”.
“Hahahahahah che lurida puttana”.
Si piegò in avanti e si infilò il cazzo in bocca, iniziammo un 69 da ufo.
Si alzò di scatto, mi sganciò i fermi che mi tenevano ferme le caviglie e tornò nella posizione precedente. Fu un vero sollievo poter muovere nuovamente le gambe, ripresi a succhiare il cazzo poi mi dedicai al suo ano, mi stupii come ero completamente assoggettato al suo volere, non avevo nemmeno accennato a ribellarmi. Lei mi succhiava l’uccello e con una mano faceva entrare e uscire il plug dal mio culo, era troppo stavo per venire, la supplicai di fermarsi, così si fermò e mi fece succhiare ancora il suo cazzo, era durissimo, si alzò prese un preservativo lo indossò, prese il gel me ne spalmo un po sull’ano. Si avvicina con la bocca al mio orecchio e mi dice:
“Ragazzino lo so che lo vuoi nel culo ma se lo farai dopo non tornerai più indietro, possiamo continuare o fermarci e riprendere quello che stavamo facendo, lo vuoi? È una cosa delicata e personale, è l’unica volta in cui mi sentirai chiederti qualcosa dopodiché continuerò a prendermi quello che voglio come ho sempre fatto”.
“Si padrona lo voglio, grazie per avermelo chiesto, voglio dare a te lo stesso piacere che tu hai donato a me”.
Rimasi colpito dalla sua sensibilità non me lo aspettavo, non vedevo l’ora di essere scopato e completamente sottomesso a lei.
Mi diede un bacio pieno di passione, un po' come quelli che c’eravamo scambiati in discoteca, si posizionò tra le mie gambe mise un cuscino sotto il mio culo, appoggio la punta del suo cazzo al mio ano e iniziò a spingere molto delicatamente.
“Rilassati, stai tranquillo, farà un po male all’inizio, ma poi sarà un crescendo di piacere, prova a spingere come se stessi cagando, faciliterai l’ingresso”. Così feci, la cappella entrava un po alla volta, il dolore era tanto, ma lo volevo.
“Dai ci siamo quasi, la cappella sta per entrare, ancora un po, si così, ecco ci siamo, è entrata”
“Aiaaaaaaa che male, piano piano, mio dio che dolore”. Mai provato tanto dolore in vita mia, sembravano mi stessero prendendo a calci il retto, forse peggio. Resistevo, volevo essere suo.
Lentamente infila un po di cazzo alla volta, e inizia ad andare avanti e indietro, lentamente, il dolore è troppo ma ogni volta che spinge in avanti ne entra un po di più. Il dolore cominciava a diminuire, ma non passava mai del tutto. Negli ultimi 15 minuti era stata dolcissima, mi incitava, mi baciava con tenerezza, mi accarezzava.
“Amore sei stupendo c’è la stai facendo, sei splendido”.
Mi accarezzava il cazzo che dal dolore si era ammosciato, ero molto colpito dal suo atteggiamento, questo lato del suo carattere non era mai uscito in tutta la serata avevo scoperto una parte bellissima di lei. Il mio ano cominciava ad abituarsi e il ritmo delle sue spinte aumentava, al dolore cominciava a subentrare il piacere, e che piacere, mi sentivo in paradiso.
“Allora troietta comincia a piacerti? Mmmmm hai culetto così stretto che è un piacere scopartelo, stanotte te lo spacco, si sì ah ah ah”.
“Si padrona non vedo l’ora, è bellissimoooooo aaaaaa si continua continua”. Piano piano il suo cazzo entrava sempre di più e ogni volta che andava un po più giù il dolore si faceva sentire ma il piacere che ne scaturiva ne valeva sicuramente la pena. Il mio cazzo stava riprendendo vigore, tanto dolore ma anche piacere. Sento che sta aumentando il ritmo, affonda dentro il culo sempre di più. Dopo qualche minuto mi dice di voler cambiare posizione, mi toglie le manette e si sfila dal mio culo, una senSazione nuova e di vuoto.
Si stende e mi dice: “dai salta su, fatti un giro sul cavallo”
“Si padrona, ai tuoi ordini”
Lentamente mi infilo il cazzo nel culo fino a farlo entrare tutto, il dolore è maggiore rispetto alla posizione di prima per questo mantengo un ritmo basso, devo abituarmi penso. Lei geme: “mmm si dai così, una volta abituato sarà una festa per il tuo culo”, è in effetti ha ragione. Mi afferra per i fianchi e comincia a spingere sempre più veloce, un ritmo alto, il suo cazzo arriva in fondo è il mio ora è duro come il marmo.
Sto godendo come non mai, felice, eccitato, emozionato, un piacere nuovo.
“Oooo siiii, te lo apro in due questo culo, troietta da quattro soldi”
“Siiii che bello è fantastico sto impazzendo di piacere”
Sento la cappella che pulsa, non capisco più nulla, l’eccitazione alle stelle, sto per venire.
“Padrona, sto per venire, non riescoooo aaaaahh, siiiiiii sborooooo” sborro senza neanche toccarmi, tre quatto fiotti di sperma raggiungo il suo seno, altre piccole gocce si fermano sul suo ombelico.
“Si sborra troia, senza toccarti, una squallida puttana”
Mi accascio su di lei, ansimando, con il respiro corto, lei rallenta il ritmo ma non si ferma.
Una bellissima sensazione di gioia mi assale, improvvisa, inaspettata, mi viene da piangere, rimango steso su di lei, mi vergogno a farmi vedere da lei mentre piango come una ragazzina, ma il mio tremare è evidente.
Si ferma mi afferra il viso e mi guarda: “stai piangendo amore?”
Le faccio di sì con il capo, non riuscivo a parlare.
“Come sei dolce tesoro, è bellissimo che tu pianga di gioia, mi ricordi la prima volta che è successo a me, ho pianto come una ragazzina” sempre con il cazzo piantato nel culo mi accarezza e mi riempie di bacini e coccole.
“Padrona sei dolcissima”
“Si amore, è il piacere anale e tu lo hai provato, è stupendo vero?!”
“Si, devastante”
“Amore vedrai quante volte succederà, ma non ti abituare alla mia dolcezza” e mi molla uno schiaffo sul culo. “Su lecca tutta questa sborra e ingoia, avanti alla svelta” ne raccoglie un po' con le dita e me le infila in bocca, poi mi sputa due o tre volta sul viso, me lo spalma sulla faccia e mi fa qualche schiaffo.
“Adesso mettiti a pecora voglio farti arrivare l’uccello in gola”.
Mi metto a pecora, con qualche lacrima che ancora mi solca il viso, punta la cappella sull’ano e lentamente entra fino in fondo, poi lo estrae completamente. Continua con questo gioco 5/6 volte, sento il cazzo che mi torna duro. Poi riprende a pompare come una forsennata, avanti e indietro, come un toro, dolore e piacere mi facevano gemere di piacere, mi stava spaccando in due.
“Troia ti spacco in due”, mi diceva, “ti farà male il culo per una settimana, sei la mia troia stanotte”.
“Si padrona, sono la tua troia, sfondami ti pregooooo”.
Continuò a scoparmi a pecora, credo per 10 minuti ancora, durante i quali, continuava ad insultarmi e schiaffeggiarmi le natiche, era infoiata.
“Sto per venire, troia girati voglio sborrarti sul petto”.
“Si padrona, dammi la tua sborra”.
Tirò fuori l’uccello dal culo, si tolse il preservativo, mi girai, lei posizionata in mezzo alle mie gambe, diede due colpi con la mano e sborrò ovunque, i primi due schizzi mi raggiunsero il petto, un terzo ed un quarto mi arrivarono sul viso e sui capelli, un quinto sul collo, poi altre piccole goccioline pendevano dal suo magnifico uccello duro e venoso. Si sedette sul petto e mi disse: “puliscimelo troia succhiacazzi”. Me lo infilò in bocca e iniziai a succhiare quella bella cappella, continuavano a venire fuori ancora piccole gocce di sborra, un po' salato, viscido, ma non riuscivo a smettere di leccare, roteavo la testa sul glande e la guardavo, si teneva le tette, il capo rivolto verso l’alto, gli occhi chiusi, e le sue parole: “hoooooo siii che bravooo, mio dio era una settimana che non sborravo, mmmmmm”.
Finito di pulirgli il cazzo si accasciò sopra di me, i nostri cazzi erano a stretto contatto, si strusciava e io risposi allo stesso modo, con una mano mi accarezzava un lato del viso fino ad arrivare ai capelli, mi baciava sulle guance, sulla bocca sussurrandomi parole dolci: “sei stupendo, sei stato bravissimo, non mi divertivo così da tanto tempo, e il tuo culo poi, che meraviglia”.
Ancora una volta mi aveva mostrato un suo lato dolcissimo e tenero dopo essere stata “un po' sadica”.
“Grazie, anche per me è stato bello, eccitante, sensuale, e poi tu sei uno schianto in tutti i sensi, sarebbe bello se dopo stasera non ci perdessimo di vista, le dissi”.
Si fermò di baciarmi, di strusciarsi, si stese al mio fianco ma lasciando una gamba sulle mie tirò su le lenzuola mi sorrise e mi disse: “spero proprio di no, mi piacerebbe continuare a vederti, ma sai, oltre a fare la commessa faccio anche la escort e non credo che ciò possa farti molto piacere”.
Mi girai di fianco con lo sguardo fisso nei suoi occhi: “a me non interessa che tu faccia anche la escort, certo “non è un lavoro come un altro” ma non posso vietarti di farlo per ora mi va bene così un domani si vedrà e poi non ci dobbiamo mica fidanzare”. Lei scoppio a ridere di gusto mi diede un lungo bacio al quale ricambiai con la stessa passione.
“Ora mettiamoci a dormire sono un po' stanca, prima però vai in bagno a pulirti, hai un po' di sperma sul petto”.
Le diedi un bacio e mi alzai per andare in bagno, mi pulii, tornai in camera da letto, e la trovai che già dormiva, mi misi nel letto e caddi in un sonno profondo. L’ indomani mattina mi svegliai per primo guardai l’orologio sullo smartphone che segnava le 12:00 spaccate, lei era ancora sdraiata accanto me, dormiva beatamente, mi alzai andai in cucina e apri tutti i mobili alla ricerca di qualcosa da mangiare, mi faceva male il buco del culo, avevo l’impressione di camminare un po' storto, mi sentivo il buco del culo largo come se dentro ci fosse passato un treno, preparai fette biscottate con la marmellata e il caffè, misi tutto su un vassoio e andai in camera da letto, è la trovai sveglia che mi guardava, sorridendomi disse: “mi hai preparato la colazione?! Non ci posso credere, nessuno lo avevo mai fatto!!! Sei un amore!!! Ti fa male?”
“Mi hai praticamente aperto in due, io ero vergine stanotte”.
“Ah già è vero”.
Scoppiammo a ridere entrambi.
Questa fu la prima volta che presi un uccello nel culo, posso solo dire che fu l’inizio di una gran bella amicizia sia di letto che fuori dal letto.

.