i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
La cerimonia fu breve in Comune: Daniele e Nicole erano visibilmente emozionati e soddisfatti per quell'attimo formale che sanciva il riconoscimento del loro amore.
Del resto, guardando la "sposa", nessuno che non fosse a conoscenza della sua storia avrebbe avuto il minimo sospetto: alta 1,73 un bel viso incorniciato da una massa di capelli castani lunghi fino alle spalle, una terza piena non troppo nascosta alla vista da una maliziosa scollatura a cuore disegnavano l'immagine della sposa ideale; forse il culo, che si intravvedeva un po' troppo "perfetto" dentro all'abitino attillato avrebbe potuto far pensare che forse era un po' eccessivo quell'insieme di curve per una ragazza (non c'è n'erano molte così in paese, anzi ad esser sinceri Nicole le sbaragliava tutte e per questo non godeva della loro amicizia ma - tant'è - era ben conscia di rappresentare una sfida in un paesotto della provincia torinese).
Dopo la cerimonia, Daniele e Nicole vennero accompagnati a casa da cinque amici di Daniele, qualche bicchiere di troppo e ...
"Ma che fate ??????" esclamò Daniele, ormai poco convinto che si trattasse ancora di un classico scherzo post matrimoniale.
I quattro amici finirono di spogliarlo e quando fu completamente nudo lo legarono alla sedia di fronte al letto.
Gli legarono le caviglie alle gambe della sedia in modo che le cosce restassero allargate con i genitali in bella vista, poi i polsi in modo che non potesse liberarsi.
Daniele rimase così nudo e con il pisello di fuori, senza capire cosa stesse accadendo e con Nicole - ancora vestita da sposa - tenuta ferma sul letto da Renato.
Fu Mauro a fargli capire cosa volevano fare: "Caro Daniele, ti sei preso la più figa del paese, però sulla "figa" qualche dubbio ci sarebbe ..." esclamò con un sorriso malizioso ed ammiccando a Nicole, "quindi adesso andiamo a controllare un po' cosa c'è sotto il vestitino di questa bellissima sposina. ...".
Daniele intuì cosa stava per accadere ma pensò ad una sorta di spogliarello forzato della sua bella Nicola per metterle a nudo il pisello, mai avrebbe pensato che potessero andare oltre.
Nicole dal canto suo era completamente nel pallone, nel giro di pochi minuti era passata dai festeggiamenti all'essere trascinata in camera da letto con il marito spogliato nudo e legato ad una sedia ed i suoi cinque amici intenti a farle "qualcosa" di cui ancora non aveva idea: ma sarebbe stato uno scherzo - comunque di cattivo gusto - o sarebbe accaduto qualcosa di più?
In fondo, che le tirassero giù le mutandine per vederle il cazzo se lo aspettava come pessimo scherzo di matrimonio, ma la situazione pareva preludere a sviluppi ben più pesanti.
Legato Daniele alla sedia, i cinque ragazzotti si disposero tutti intorno al letto: Nicole li guardava sgomenta, preoccupatissima per le loro reali intenzioni.
"Dai Nicole, facci vedere cosa c'è sotto a quelle mutandine" esordì Mauro.
"Ora smettetela ragazzi, il gioco è durato fino troppo" si lamento' Daniele.
"Durato fin troppo ?????" replicarono Andrea e Stefano "ma se non è ancora iniziato !!!!" e scoppiarono a ridere tutti e cinque.
Afferrarono Nicole in quattro, due le presero le mani ed altri due i piedi, Mauro dirigeva l'azione.
Le tolsero il top e la gonna, Nicole rimase in reggiseno e mutandine nere e con le scarpe nere con il tacco che aveva indossato per la cerimonia e che la portavano intorno al metro e ottanta.
Via anche le scarpe, per sicurezza (un calcio nei coglioni non e' rischio da sottovalutare. ...) poi Mauro si incaricò di toglierle anche il reggiseno.
Restavano solo le mutandine di pizzo nere a perizoma a difendere la povera Nicole che, nel frattempo, era passata dagli insulti più feroci (bastardi,, figli di troia, vi ammazzo ...) alle suppliche di smettere subito quel gioco osceno.
Mauro le afferrò i bordi delle mutandine e con lentezza incredibile cominciò a sfilargliele: millimetro dopo millimetro scendevano inserosabilmente lasciando man mano scoperto il pube di Nicole.
"Cazzo, come si è depilata bene !" constato' Mauro di fronte al vellutato candore della pelle di Nicole mentre le mutandine venivano fatte sfilare sempre più giù finché non venne scoperto il pisello della ragazza.
"Eccolo !" fecero in coro tutti e cinque.
Nicole arrossi' per la rabbia e la vergogna, Daniele si lasciò scappare uno "Stronzi ve la faccio pagare".
Le sfilarono le mutandine dai piedi lasciandola completamente nuda: era una meraviglia, una ragazza bellissima con la carnagione bianca, tutte le curve al posto giusto ed un pisellino in mezzo alle cosce.
I ragazzi erano ormai eccitatissimi: lo spogliarello di Mauro gli aveva fato rizzare i cazzi e quella meraviglia stesa sul letto faceva venir voglia solo di una cosa, scoparla !
Ma fu ancora Mauro che, vista l'eccitazione degli altri e constatato che si erano spogliati nudi anche loro, riprese la regia del momento.
"Calma ragazzi, niente stronzate" esclamò autorevole, "Dobbiamo fare le cose per bene, voglio che Nicole ricordi con piacere questo momento, quindi faremo piano e con calma, la faremo eccitare e voglio sentirla godere. Il suo orgasmo sarà la prova che siamo stati bravi".
"Nooooohhhh !!!!!" urlò la ragazza "Disgraziati, cosa volete farmi ? Non davanti a Daniele, vi prego, non fatelo guardare !!!".
"Eh no, carina" replicò Mauro "Se non l'hai ancora capito questa è una parte importante del gioco: Daniele vedrà nei minimi dettagli tutto quello che ti faremo e ..... sorpresa !!!!".
Ciò detto Stefano le afferrò i polsi e le tenne le braccia bloccate sopra la testa, gli altri cominciarono ad accarezzarla in ogni parte del corpo.
Le leccavano le cosce ed i piedi, le palpavano le tette, Andrea la costrinse anche ad un lungo bacio in bocca.
Fu Mauro ad avvicinarsi alla "zona proibita" ma lo fece con delicatezza, palpeggiando delicatamente i testicoli di Nicole.
Poi con l'altra mano, mentre continuava ad accarezzarle le palle, le prese delicatamente il pisellino: era morbido e roseo, pian piano tenendolo tra il pollice e l'indice lo insalivo' ed arretro' il prepuzio scoprendo la cappella.
Rifece la stessa manovra altre quattro, cinque volte, poi ancora ed ancora avendo cura di tenere sempre ben lubrificato il cazzo di Nicole.
Tante mani che la toccavano ed accarezzavano delicatamente, cinque ragazzi nudi e con i membri eretti intorno a lei, Mauro che la masturbava con una delicatezza bastarda: insomma, il pisello di Nicole cominciò a prendere consistenza e ad allungarsi.
In pochi secondi, da morbido e rilassato qual'era, il cazzo della ragazza diventò duro e lungo sfoggiando i quasi 18 centimetri che Nicole portava in dotazione.
Mauro era eccitato e soddisfatto, il suo perverso piano cominciava a funzionare.
Tenendo in mano l'asta, avvicinò la bocca al membro di Nicole e lo prese tra le labbra, poi se lo fece scivolare in bocca.
Per la ragazza la situazione diventava sempre più incontrollabile: alle carezze su tutto il corpo si era aggiunto il pompino e - come se non bastasse - qualcuno (difficile capire chi fosse in quella selva di mani e di cazzi) le aveva spalmato del lubrificanti sul buco del culo e le aveva infilato una mano sotto al sedere, spingendo con il dito sull'orifizio e penetrandola leggermente.
Cominciò ad ansimare, eccitata.
Era il momento che Mauro attendeva, la fece rigirare a pancia in giù: vista davanti Nicole era stupenda, con le forme perfette e la carnagione di marmo, ma il culo della ragazza era davvero uno spettacolo, sodo, rotondo e non certo piccolo.
Il ragazzo si soffermo' qualche istante a contemplare, lo accarezzò soffermandosi nel solco tra i glutei, poi si distese sulla ragazza e le puntò il suo cazzo dritto sull'ano.
Nicole ebbe un attimo di ravvedimento, guardò Daniele che assisteva inebetito alla scena, capì che stava per essere sodomizzata ed accenno' una reazione ma Mauro e gli altri la tennero ferma e con le gambe allargate: fu facile per Mauro violare quel meraviglioso buchetto indifeso.
Come per il resto, affondò piano piano il cazzo tra le chiappe della ragazza, non voleva farle male ma, al contrario, farla partecipare al piacere.
Le entro' dentro piano e con delicatezza, mentre con le mani le teneva stretto il cazzo durissimo e le palle, anch'esse nel frattempo divenute dure e gonfie.
Nicole cedette al piacere e cominciò a godere, non le importava più nulla di essere in balia di cinque amici di suo marito e che lo stesso Daniele fosse li davanti, legato nudo a guardare tutto quelle che le facevano: in quel momento voleva solo godere e che il piacere non smettesse.
Ma il piano di Mauro era più complesso e perverso: infatti dopo pochi minuti, temendo che la ragazza raggiungesse troppo velocemente l'orgasmo, le tirò fuori il cazzo dal culo e smise di masturbarla.
Toccava ora agli altri divertirsi con quella meraviglia e Mauro era un capo giusto: a turno si fecero spompinare da Nicole che, ormai infoiata, passava da un cazzo all'altro succhiandoli e masturbandoli, desiderosa di continuare a provare piacere.
Non si oppose nemmeno quando gli altri ragazzi vollero imitare Mauro inculandola: ormai l'ano era ben dilatato ed i cazzi scivolavano dentro facilmente, tutti quanti le vennero nel culo che si riempi di sperma.
Fu in quel momento che Mauro iniziò la seconda parte del suo piano, quella forse più perversa.
Si avvicinò a Daniele, gli guardo' il cazzo che, indifeso, era in bella mostra in mezzo alle cosce tenute ben larghe dalle corde: l'inevitabile era accaduto, a vedere tante oscenità davanti a lui che se ne stava lì, nudo e con il cazzo esposto alla vista di tutti, Daniele aveva avuto un'erezione.
Il cazzo gli era diventato lungo, la cappella pulsava, Daniele voleva una sola cosa, poter sfogare l'eccitazione che quei maiali gli avevano provocato, fanculo se si stavano scopando Nicole in tutti i modi e se lei stava godendo come una troia in calore, la voglia era troppa.
Ebbe partita facile Mauro: chiamo' Andrea e Stefano, slegarono Daniele e, tenendolo ben fermo (ma non ce n'era bisogno ...) lo misero sul letto di fianco alla bella Nicole.
Lo fecero stendere a pancia in giù, Mauro gli lubrifico' per bene il buchino del culo e glielo allargo' con un dito, poi presero Nicole, la fecero stendere sul marito e, con il cazzo della ragazza puntato tra le chiappe di Daniele, in un attimo Nicole inchiappetto' il suo maritino.
Se lo scopo' a lungo, mentre gli altri stavano intorno a guardare e a masturbarsi e Daniele a sua volta godeva come un maiale con il cazzo della sua ragazza infilato nel culo e la mano di Mauro infilata sotto la pancia a masturbarlo.
Nicole gli venne nel culo con un orgasmo liberatorio, quasi nello stesso momento Daniele riempi' di sborra calda la mano di Mauro.
Il piano, ora, era compiuto.