i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Mia moglie e io siamo una coppia felicemente sposata da più di 3 anni. 33 anni io, castano con fisico snello e tonico, 27 lei, morettina tutto pepe alta 1.65, fisico rassodato dallo sport, seno stupendo e sodo di II taglia e culetto sporgente e perfettamente tondo.
Mia moglie, Paola (nome di fantasia), è la mia donna ideale, sia dal punto di vista mentale, sia fisico: mi ha sempre ispirato sesso, da quando la conosco, e il giorno in cui riuscii finalmente ad avere un appuntamento con lei ero al settimo cielo. L’intesa tra noi fu subito forte e già dal secondo appuntamento iniziammo a scopare come due animali. Avevo già capito di che pasta era fatta.
Ci siamo sposati e la nostra intesa continua, anche se dopo qualche tempo era venuta meno la gelosia che provavo nei suoi confronti: tutto era una garanzia ormai, non avevo più quella sana paura di perderla di un tempo.
Da fidanzati eravamo molto più trasgressivi… Chat erotiche, foto del suo corpo nudo su siti web, spogliarelli di lei in cam con sconosciuti… e Whatsapp con i suoi ex, a cui inviava foto del suo corpo seminudo… Ci divertivamo a leggere i commenti, mi facevano venire il cazzo durissimo e lei si bagnava tutta: finivamo sempre per farci delle grandi scopate.
Poi è diventata una mogliettina modello, facendo mancare quel lato della nostra vita di coppia così piccante… continuiamo a fare un gran sesso, ma quando la guardo mi dico: questa è troppo vacca, farebbe diventare il cazzo duro a chiunque… Sono fatto così, non ci posso fare niente.
Un pomeriggio le metto davanti agli occhi l’evidenza di volerla vedere fare la troia, di farmi una scopata a 3 con lei e qualche suo ex, ma lei si infuria con me… non tocco più l’argomento e continuo a fantasticare in separata sede sul suo corpo accarezzato da 2, 4, 6, 8 mani lussuriose… Faccio le fantasie più indicibili: la immagino a soddisfare dei ragazzi di colore, a farla incontrare con qualcuno conosciuto in chat, a rubare il numero dei suoi ex e ad organizzare incontri “casuali” che finiscono in orge da film… Sono sempre più arrapato, perché poi quando la scopo vedo quel bel culo tondo, quelle tette sode, vedo la sua faccia da femmina in calore mentre mi cavalca… E mi sta bene così, ho tutto quello che si può desiderare.
Andiamo però al mare e succede qualcosa di nuovo, che stravolge la nostra vita. Si compra un costume da urlo, che evidenzia le forme del suo corpo e mi accorgo in spiaggia degli sguardi dei ragazzi arrapati per lei da lontano un kilometro. Io glielo faccio notare e lei ridacchia… “Piaccio amore mio, devi stare attento…” Andiamo a fare il bagno e si tira giù una spallina del costume… “Copriti” le dico, ma lei ride e dice: “Chissà se i ragazzi qui vicino se ne sono già accorti….”. Io le tiro su la spallina, preso da un raptus di gelosia.
La sera andiamo fuori a cena e ci ubriachiamo. Stiamo finendo la sigaretta di fine pasto: la guardo, è bellissima. “Andiamo subito a scopare Paola, non resisto più”, “mmm si amore……” così ci dirigiamo verso il nostro appartamento, baciandoci come due fidanzatini. Ci spogliamo in meno di 1 minuto e inizio subito a scoparla, senza preliminari: io ho il cazzo già durissimo, lei è fradicia. Nel mentre accade qualcosa di insolito: mi prende le dita e se le infila in bocca, simulando un pompino… io sento un brivido e devo fermarmi un attimo, sto per sborrare. Lei se ne accorge, mi guarda e sorride. Ricomincio a pomparla, allontanandole le dita dalla bocca, ma lei le riprende. “mmm sto immaginando che questo sia il cazzo di Mario, sai amore? Mmm siiiii il suo bel cazzo tutto nella mia bocca……..”. Io esco immediatamente, sento lo sperma che pulsa. “Cavalcami tu adesso, zoccola!” “Mmm siiiii dice lei, e non tarda un secondo per salirmi a cavalcioni. Mi cavalca, mentre io le stringo le tette e gliele lecco tutte… ma lei riprende la mano e ricomincia a succhiare, dopo di che inizia il suo orgasmo... La faccio venire e la metto sdraiata, le vado sopra e mi prendo il cazzo in mano… mi sego sulla sua lingua e la schizzo tutta, mentre lei mugugna di piacere… “Sei una gran zoccola, siiiiiiiiiii” e le sborro copiosamente sulla faccia.
Ci laviamo e ci baciamo, augurandoci la buonanotte con un gran sorriso: decido di ignorare la storia delle dita e di Mario.
Il giorno dopo torniamo in spiaggia e mette ancora un bikini da urlo, ma poi... “Amore l’abbronzatura del bikini è brutta, io mi metto in topless” dice lei; io fingo di essere contrariato, ma in realtà sono eccitatissimo… e mette fuori le tette. Vicino a noi ci sono dei ragazzi che giocano a pallavolo, che iniziano a guardarla. “Amore, mi volevi vedere fare un po’ la troietta? Potrei unirmi alla partita di pallavolo così, mostrando da vicino le mie tette a quei ragazzi…….” “Assolutamente no, dico io, è già troppo che stai qui con le tette al vento!”. Lei ride. Passano 5 minuti e arriva la palla verso di noi… Paola la raccoglie e ne approfitta per andare verso i ragazzi a riportargliela. Io sono lì che guardo, guardo come i loro occhi si posano sulle sue tette. Vedo che parlano, ma non sento cosa dicono e dopo pochi istanti… le fanno spazio: sta iniziando a giocare insieme a loro 4, con il seno al vento. Ho la gelosia alle stelle, non so cosa fare… ma sono tremendamente eccitato e continuo a guardare. Giocano per circa un’oretta, poi lei torna da me. “Paola, tu e io poi facciamo i conti”… “Ma dai amore, non ho fatto niente… Volevi che facessi un po’ la troietta e ti ho accontentato… Erano molto gentili quei ragazzi… e due di loro sono anche molto carini”. “Paola, adesso tu vieni con me nelle cabine e mi succhi il cazzo… ti insegno che sei mia hai capito?”… Lei ride e dice ok: ci chiudiamo nella cabina della spiaggia e mia moglie si mette in ginocchio davanti a me e inizia a succhiarmelo… io la voglio, è una zoccola e mi fa arrapare, ma lei smette di succhiare. “Amore basta, voglio tornare a prendere il sole”, si alza e torna in spiaggia… Sono senza parole. Una donna così ti lascia senza parole e ti manda giù di testa…
Il bello doveva però ancora venire: i ragazzi sono andati via e tiro un sospiro di sollievo. Ci sdraiamo, lei resta in topless e ad un certo punto arriva un vu cumprà che prova a venderci dei braccialetti. La spiaggia è quasi deserta, sono le 19 inoltrate. Io sono tranquillo perché non sento quel ragazzo come una minaccia: Paola mi ha sempre detto di non essere attratta dal cazzo nero. Arrivano però le 19.30 e il ragazzo è ancora lì: ci ha venduto due braccialetti e Paola continua a fare la cretina con lui, fingendo di coprirsi le tette. Io allora dico che è ora di andare, ma mia moglie pensa di dover comprare un altro braccialetto per sua sorella: peccato che nessuno tra me e lei abbia più moneta. A quel punto non so cosa passi per la mente di mia moglie: invita il ragazzo ad accompagnarci alla macchina, perché lì abbiamo ancora qualche Euro con noi. Si riveste, ci incamminiamo insieme continuando a chiacchierare del più e del meno e arriviamo al parcheggio della spiaggia, ormai deserto e sito tra numerosi alberi. Apro allora la macchina per prendere la moneta e Paola entra, sedendosi sul suo sedile: non cerca però nulla sulla macchina, anzi, mantiene lo sguardo fisso sul ragazzo… e si abbassa una spallina del costume, ma stavolta lascia il seno per bene in vista… lui è immobile, io ho il respiro che si blocca in gola. Paola a questo punto fa il gesto con la mano di avvicinarsi, ma non a me… “ragazzo, vieni qui che ti do quello che ti spetta…”, lui mi guarda, io gli faccio un segno di consenso con la testa… e lui si avvicina alla macchina, sapendo anche lui che non lo fa per prendere la moneta… perché la vacca di mia moglie inizia a toccargli il cazzo.
Io non ci posso credere, non so cosa fare… ma sono arrapato, è da quando la conosco che faccio queste fantasie su di lei. Il neretto mi guarda di nuovo spaesato, impaurito, ma dalla mia faccia capisce che può lasciar correre… Paola mi guarda: “volevi che facessi la troia? Ti accontento, schifoso” e abbassa i pantaloni al ragazzo, che esibisce un cazzo notevole anche se non ancora in piena erezione. Paola inizia a leccare, mostrando una faccia schifata all’inizio… ma la sua saliva bagna completamente quella lunga asta e l’espressione di disappunto lascia spazio all’avidità di cazzo di mia moglie, che inizia a mugugnare e a godere per quella grossa cappella nella sua bocca. “Ti piace come succhio questo bel cazzo? Ti piace come faccio la troia per te, eh schifoso?” mi dice lei, tra una pompata e l’altra. Lui gode, quel ragazzo fortunato, gode perché mia moglie ha il suo cazzo in bocca… gode perché mia moglie è una troia e lo sega, assapora la sua cappella, lo ingoia finché può, gli fa toccare le sue tette, e poi di nuovo gli lecca la cappella guardandolo negli occhi, lo ingoia, mugugna come una vacca……… il cazzo del ragazzo è ormai enorme e mia moglie capisce tutto: lo sega forte guardandomi negli occhi… ecco che inizia l’orgasmo… “mmm siiii troia vengo…. vengooooo” e la vacca non toglie lo sguardo da me, mentre il ragazzo le ricopre il seno di sborra calda. Lei lo lecca ancora un po’, mentre con le mani si cosparge per bene il seno con quello sperma tanto desiderato….
“Ora vattene”, dico io al ragazzo: adesso me la scopo io!!! Porto mia moglie a casa in fretta e furia… “Paola ti voglio scopare!!! Mi mandi fuori di testa!!!” lei mi tocca il cazzo, ce l’ho durissimo, e inizia a succhiarmelo in macchina… “Basta Paola, così sborro…!” Finalmente arriviamo al nostro appartamento, apro la porta e la butto sul letto… le tolgo il pezzo sotto del bikini e inizio a scoparla ad un ritmo incredibile… la bacio, le lecco il collo, glielo faccio sentire tutto e nel mentre le chiedo “ti è piaciuto quel cazzone nero, è???” e lei “aaaa siiiiii e lo voglio ancora, lo voglio ancora tutto per me……….” Io mi eccito che quasi sborro, e lei continua “domani mi faccio scopare hai capito? Sarò ancora più troia, sarò la vacca di tutti… e tu sei contento vero, maiale, vero?!?!”. Eccome se lo sono. Mi butta giù, mi cavalca e ha un orgasmo fortissimo dopo pochi secondi. E io pure.
Che donna…
Il racconto continua…
Se volete scambiare qualche impressione, o se siete anche voi mariti intrigati da questo genere di esperienze, o coppie curiose, scrivetemi a m_exib@libero.it...
Note finali:
Se volete scambiare qualche impressione, o se siete anche voi mariti intrigati da questo genere di esperienze, o coppie curiose, scrivetemi a m_exib@libero.it...