i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +



Ero abbastanza ubriaco quella sera: compleanno di un amico, cena e molto vino.
Ad un certo punto della serata, dopo che la cena era finita da un bel po’, al tavolo si rideva e scherzava, mi ero alzato ed ero andato in bagno; dopo aver svuotato la vescica, mi diedi una rinfrescata, poi sentii delle voci femminili che si avvicinavano, le riconobbi erano S. e F., non so perché, probabilmente l’alcol, mi venne voglia di vederle sedute sulla tazza, quindi mi nascosi in modo che quando aprirono la porta, io ci rimanessi dietro.
Ovviamente non pensai minimamente che mi avrebbero visto nello specchio.
«Ehi! Cosa ci fai lì?», mi chiese S., io preso alla sprovvista, aiutato anche dal vino, le misi la lingua in bocca.
La ragazza si scostò con una piccola esitazione e mi disse: «A. lo sai che non si può, sono stata con tuo fratello!»; infatti erano stati insieme qualche anno prima, ma io era già da un bel po’ che ci provavo con lei.
L’unica cosa che riuscii a dire fu: «Adesso non mi interessa» e la baciai di nuovo. Sentivo che anche lei aveva bevuto abbastanza dal gusto di vino che aveva in bocca, infatti non si scostò più, incoraggiato da questo le misi le mani sul sedere, non si oppose.
«Fate pure con comodo voi due!» esclamò F. «Io intanto faccio quello che devo fare», si abbassò i pantaloni e si sedette sulla tazza.
Io non feci caso a quello che aveva detto F. e feci sedere S. sul pianale del lavandino e le misi una mano sotto la gonna nera, sentii la vagina calda attraverso i collant, la ragazza si lasciò scappare un gemito, capii che si stava eccitando.
F. aveva finito, ma ci guardava sbalordita e non si era ancora alzata dal W.C.
Inutile dire che il mio pene era esageratamente duro, ma sapevo che non era ancora il momento di tirarlo fuori; continuando a baciarla le sbottonai la camicia a righe, poi passai a baciarle il collo e fino a scendere sulla parte delle sue tette belle sode non coperta dal reggiseno.
Sentii una mano sul mio pacco molto sporgente, mi guardai a fianco e vidi F. ancora con i pantaloni e le mutandine abbassate e con l’altra mano tra i peli della sua vagina e i faccia un’espressione molto eccitata.
«Che c’è? Volete divertirvi solo voi?» disse con la voce un po’ strascicata, aveva bevuto anche lei.
«Chiudi la porta a chiave prima», disse S. e F. la guardò un po’ male, ma si mosse verso la porta, ma i pantaloni le davano fastidio e così se li tolse del tutto, non me lo sarei mai aspettato da lei, solitamente così timida.
Slacciai il reggiseno di S. ed iniziai a leccarle i capezzoli già duri, F. intanto dopo aver chiuso la porta a chiave, si riavvicinò a noi, mi sbottonò i pantaloni, la punta del pene faceva capolino dai boxer, la ragazza la accarezzò, facendomi provare un piacere che non mi sarei mai aspettato da un tocco così lieve, poi abbassò anche le mutande lasciandolo fuoriuscire come una molla.
«Wow! Non pensavo che ce l’avessi così grosso!», esclamò F., poi lo prese in mano e iniziò a segarmi lentamente.
S. scese dal piano del lavandino e disse: «Guarda come si fa, F.!», si inginocchio davanti a me ed iniziò a leccarmi sotto la cappella, per poi prenderlo in bocca, facendomi uno dei pompini migliori della mia vita.
«Fai provare anche me!», esclamò F. e S. le fece spazio. Lei era un po’ più impacciata, ma non era male. Andarono avanti così per un po’, alterandosi e lavorando in coppia, non lasciarono a secco neanche i testicoli.
A me sembrava di essere in paradiso, però, anche a causa dell’alcol, non ero neanche lontanamente vicino all’orgasmo.
Feci alzare S., la rimisi sul lavandino, le tolsi le scarpe col tacco, le sfilai i collant e le mutandine ed iniziai a leccarle con vigore la vagina ben depilata. La ragazza non se lo aspettava e le uscì un gridolino abbastanza forte di piacere.
Era già molto bagnata, i suoi umori avevano un gusto molto gradevole.
F. non aveva smesso di lavorarmelo con la bocca, ma ad un certo punto le dissi: «Mettiti li», indicando a fianco all’altra ragazza, lei si sedette, io le misi un dito sul clitoride ed iniziai a massaggiarglielo, facendola gemere da subito.
Diressi il mio pene verso S. che iniziò: «Non so se sia il… ahh» la interruppi penetrandola fino in fondo, poi iniziai a muovermi lentamente continuando a masturbare F.
Le due ragazze gemevano abbastanza forte, disinibite dall’alcol, per fortuna che dall’altra stanza arrivava la musica ad alto volume. Iniziai a penetrare F. con le dita e lei dicendo: «Non avete caldo voi?», si tolse la maglietta, non aveva un fisico asciutto, ma comunque faceva la sua figura, si slacciò il reggiseno rimanendo anche lei completamente nuda, mostrando le sue tette un po’ più gradi di quelle della sua amica.
«F. dovresti provare anche tu! È fantastico!», esclamò S.
«Molto volentieri!», rispose F. scendendo dal lavandino e mettendosi a pecorina, io uscii da S. e penetrai l’altra ragazza: il mio pene scivolò dentro facilmente grazie all’abbondante lubrificazione di entrambi.
S. si mise vicino a me e con una mano mi massaggiava le palle mentre mi baciava molto intensamente.
Dopo un po’ di tempo sentii F., che gemeva forte, iniziare a fremere sotto i miei colpi che avevano acquistato in intensità e frequenza, allora aumentai ancora e la ragazza tratteneva a stento i gridolini di piacere.
«Fai venire anche me?», chiese S. con un finto broncio di gelosia, mettendosi a pecorina a fianco a F. che disse con il fiato corto: «Wow! Fantastico, è tutto tuo adesso!».
Ripresi, allora, a penetrare con vigore S. che non ci mise molto a raggiungere l’orgasmo: probabilmente la sentì metà degli invitati alla festa.
«Adesso tocca a te!», e si misero in ginocchio davanti a me e iniziarono a lavorami con le lingue, io però non davo cenno di venire e dopo qualche minuto S. mi chiese lievemente spazientita: «Ci vuole ancora molto?».
«Non so… un po’ sì».
La ragazza per tutta risposta si succhiò il dito medio, spinse la testa di F. facendole prendere quasi tutto il mio pene in bocca, iniziò a leccarmi le palle e mi infilò il medio nell’ano stimolandomi la prostata.
Fece tutto molto velocemente e quasi non me ne accorsi, ma il piacere aumento di molto. Poco dopo gemetti: «Ci sono!», F. fece uscire il pene dalla bocca e subito io venni copiosamente sulla sua faccia provando uno degli orgasmi migliori della mia vita.

Note finali:
Per commenti, critiche e suggerimenti antom93@libero.it