i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Note dell'autore:
Consiglio di partire dal racconto 01 - Diario segreto di un dirigente perbene per poter riconoscere i diversi personaggi delle storie.
La forte espansione all’estero che stavamo guidando aveva ora il suo fulcro in Germania, così da un po’ passavo settimane intere in una delle mie città preferite: Monaco di Baviera. Alloggiavo sempre all’ Hilton di Rosenheimer Platz, molto vicino al centro e al piccolo ufficio che stavo avviando insieme a due ottimi collaboratori locali.

Come successe per me con Patricia tempo addietro, passavo tantissimo tempo con Barbara e Stephan per definire il lavoro e i piani di sviluppo. Barbara era la persona che avevo scelto come referente locale, e non era infrequente che venisse in camera mia a lavorare fino a sera tardi. Bella ragazza, bionda, alta e leggermente in carne come piace a me, era sempre vestita in modo elegante, con quegli occhiali da maestrina che la rendevano particolarmente intrigante.
Chissà cosa pensavano in hotel... invece con lei il rapporto fu sempre ed unicamente lavorativo, anche se ovviamente diventammo anche amici.

Una delle volte in cui mi fermai anche per il fine settimana fu così gentile da invitarmi ad una cena a casa sua dove ci sarebbero state altre sue conoscenze: Ognuno avrebbe portato qualcosa da mangiare, così chiesi a Barbara di poterla raggiungere in anticipo per poter usare la sua cucina. Preparai una semplicissima insalata di pasta che ebbe un successone. Alla cena eravamo credo in 8, comunque un gruppetto molto piccolo.
Si sforzarono di parlare in inglese ma spesso si dimenticavano di me e si lanciavano sul tedesco, che io non parlavo molto bene... e comunque non era proprio tedesco ma bavarese, che è tutta un’altra storia.

La cosa positiva fu che accanto a me c’era seduta Ingrid, giovane ricercatrice universitaria, abbastanza carina ma niente di speciale, che insegnava italiano.
Penso che Barbara l’avesse invitata per farmi sentire più a mio agio perchè scoprii poi che nessuno in realtà la conosceva: Si era appena trasferita a Monaco e il cugino l’aveva messa in contatto con uno degli invitati per farle fare delle amicizie. Insomma, era lì quasi per caso.

Parlammo tutta sera.

Lei ne approfittò per esercitare la lingua, che tra l’altro parlava davvero perfettamente, e io ebbi una buona compagna di conversazione che mi rese la serata molto piacevole.
Scoprii che aveva appena vinto un posto all’università di Monaco, ma lei era di Berlino e non si era nemmeno ancora trasferita completamente. Alloggiava in un WG, che significa in pratica che condivideva un appartamento con altri, sistemazione abbastanza normale visti i prezzi di case ed affitti. A 27 anni, le andava ancora benissimo. Quando le dissi che io praticamente abitavo all’Hilton rise di gusto. Alla fine ci scambiammo i numeri di telefono.

La chiamai io, un paio di sere dopo. In realtà stavo cercando di organizzare una uscita con un piccolo gruppo di amici in città, ma accettò solo lei. La portai in un ristorante italiano, uno dei pochissimi che frequentavo all’estero perchè conoscevo i proprietari marchigiani.
Impazzì per la burrata con tartufo nero.
Fu una serata davvero bella. Il locale era fuori città e mi ofrii di riaccompagnarla a casa in auto: a quell’ora le corse delle S-bahn si facevano molto meno frequenti.
Accettò molto volentieri.

Continuammo a scherzare e rimanemmo fermi ancora a lungo sotto casa sua prima di salutarci. Stava scendendo dalla macchina quando si fermò di scatto.
Risalì e chiuse la portiera, poi si girò verso di me
- Tu mi piaci un casino

Mi spiazzò.
Seguì un attimo di silenzio imbarazzante. Le misi una mano dietro alla testa tirandola verso di me e la baciai. Rimanemmo sotto casa sua per altri 10 minuti, poi mi disse che le spiaceva non potermi invitare da lei.
- Ora devo davvero andare, domani ho lezione presto.... chiamami ancora.
E si incamminò verso la porta di casa. La guardai ondeggiare sui suoi stivali alti. Aveva un culo da favola.

Uscimmi ancora per alcune sere e poi ci mettemmo insieme ufficialmente.
Lei trovò un bilocale carino ed abbastanza comodo per i mezzi pubblici nella zona nord della città, dove gli affitti sono più abbordabili, e io vivevo quasi sempre da lei quando ero a Monaco, nonostante per me significasse beccarmi un sacco di traffico per andare in ufficio.

Purtroppo odiava fare sesso orale, credo mi fece un paio di pompini in tutto, ma le piaceva molto riceverlo. E le piaceva molto fare sesso e farlo spesso. Mi capitava regolarmente di arrivare a casa dall’ufficio e trovarla ad accogliermi con un abbraccio ed un sorriso.

Iniziavamo a baciarci e finivamo diritti in camera da letto. Era bello vederla godere, quando si avvicinava all’orgasmo e allargava gli occhi digrignando i denti, per poi cominciare a parlare in tedesco.
- Jaaaa... Jaaa.... Flick mich!!!
Non so perchè ma mi ha sempre eccitato molto sentire una donna godere ed urlare in una lingua diversa, anche se le mie preferite rimangono il francese e lo spagnolo.
Stranamente non avevo nemmeno mai provato a fare sesso anale, nonostante mi piaccia molto. Mentre la scopavo era capitato che le stimolassi l’ano e che ci infilassi un dito, cosa che mi sembrava avesse gradito, ma non eravamo mai andati oltre.

Una sera tonai a casa e non era lì ad accogliermi come al solito, ma mi chiamò dalla camera da letto.
Aprii la porta.

La stanza era illuminata solo da due candele e lei era sdraiata sul letto, a pancia in sotto, con il suo sedere meraviglioso che svettava davanti a me parzialmente coperto da un grosso fiocco rosso.
- Ho pensato di farti un regalo stasera
disse guardandomi con i suoi occhi da cerbiatta, cercando di celare un po’ di imbarazzo e sembrare ancora più provocante succhiandosi un dito.
Non ce n’era davvero bisogno.

Mi spogliai lentamente, anche se in realtà non vedevo l’ora di scartare il mio regalo.
Mi misi dietro di lei che nel frattempo aveva allargato ancora di più le gambe e sollevato un po’ il bacino. Iniziai a strusciarglielo sulla figa decisamente bagnata, non volevo darglielo subito.
Vedevo come la tensione dell’attesa stava eccitando entrambi.
Entrai nella sua fighetta con solo la punta del mio uccello, lentamente, strappandole un gemito.
Respirava velocemente.
Affondai sempre di più. Una, due, tre volte.
Poi mi ritrassi.
Aveva la gambe spalancate, una vista davvero eccitante.
Iniziai a massaggiarle l’ano con due dita ben insalivate, poi mi sdraiai su di lei iniziando a violare quel buchetto stretto e caldo.

Era evidente che non l'aveva mai fatto prima.
- Piano amore.... così, proprio così... aspetta...
Il suo viso era segnato da una smorfia di dolore mentre con una mano mi teneva a distanza, ma mi incitava a continuare.
Mi feci strada dentro di lei.
Le mie gambe erano intrecciate con le sue e gliele tenevano ancora più allargate mentre iniziavo a muovermi dentro di lei.
Le presi le mani e lei iniziò a strngermele forte.
- Ti piace il mio culo, amore?
La sua voce tremava
- E’ bellissimo tesoro, un bellissimo regalo

Mi misi a pomparla sempre più forte mentre iniziò ad urlare e godere a voce molto alta, come non aveva mai fatto. Sentivo il suo sfintere contrarsi sul mio uccello mentre lei continuava a gemere con la voce che tradiva un misto di dolore e piacere.

Venni copiosamente, con un orgasmo intenso che mi fece avere degli spasmi. Uscii da lei, la girai verso di me, ci abbracciammo ed iniziammo a baciarci.
- Ora è tuo. Puoi usarlo quando vuoi. Ichi liebe dich....
La strinsi forte.

Ci frequentammo per circa un anno. I primi mesi furono intensi e meravigliosi ma poi il mio lavoro aveva iniziato a portarmi sempre più via da Monaco, dove ero costretto ad andare a volte solo per vederla e solo per i fine settimana.

Un giorno mi contattò sulla chat di Skype, che ormai usavo costantemente sia per lavoro che per comunicare con gli amici. Mi scrisse che non funzionava più e che si era innamorata di un suo collega.
Fui scaricato telematicamente.
Mi incazzai da brutto, non tanto perchè mi aveva lasciato ma per il come. Capivo le difficoltà ed all’epoca la mia priorità era ancora fortemente la mia carriera, ma essere mollato con un messaggio... lo trovavo umiliante dopo tutto quello che c’era stato tra noi.

Ci sentimmo al telefono e ci accordammo per rivederci nuovamente a Monaco. La raggiunsi nel suo appartamento, parlammo un po’, poi ci lasciammo trascinare e facemmo l’amore tutto il pomeriggio.
-Vuoi fermarti a dormire?
- No... ho una camera all’Hilton
Sorrise e mi abbracciò forte, poi rimase nuda sul letto a guardarmi mentre mi rivestivo e me ne andavo.
Da quella sera non la vidi mai più e non ebbi più sue notizie.
Note finali:
m.amorini@email.it