i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Ci sono due domande che spesso mi vengono poste da chi mi contatta.

La prima, soprattutto dalle lettrici, è qual è il piacere da me provato nel sottomettere una donna.

A loro rispondo che a prescindere se mai incontrerò quella donna, il piacere nasce nel vedere una sconosciuta che giorno dopo giorno si affida a me solo per le caratteristiche della mia mente e per il mio saper leggere dentro di lei la capacità e la disponibilità ad andare oltre i suoi limiti senza mai forzarla.

Le donne che ho avuto non sono mai vittime, sono solo in cerca di se stesse e la prova che lascio in loro ricordi positivi sta nel fatto che molte di loro spesso tornano a scrivermi anche dopo la fine del rapporto. Il premio per loro è prima la mia mente, in seguito la mia voce ed infine eventualmente il mio corpo.

La seconda che invece mi viene posta soprattutto dai lettori maschi, è se non ottengo mai vantaggi economici o di altra natura non sessuale dal carattere sottomesso delle mie donne.

A loro rispondo sempre allo stesso modo e cioè MAI, in quanto sarebbe davvero un modo per svilire sia loro che il mio ruolo. Mai, tranne un'occasione che però come vedrete non fu richiesta da me e non andò come pensavo.

Mi riferisco ad un fatto, logicamente reale, avvenuto durante l'ultimo dei miei tre anni di rapporto con Lorena, la protagonista del mio penultimo racconto.

Nonostante avesse un ruolo lavorativo che la stimolava e le regalava grandi soddisfazioni, davvero meritate essendo tra l'altro molto in gamba, si eccitava all'inverosimile all'idea di lavorare per me.

La faceva impazzire l'idea che il suo Signore fosse anche il suo datore di lavoro. Visto che eravamo in contatto tutto il giorno (mail, telefono, incontri) e che tra di noi si parlava di tutto, capitava che ogni tanto si accennasse anche al lavoro.

Un giorno le confidai come mi rodesse il fatto che un mio cliente di Novara preferisse a noi un nostro concorrente solo per il fatto che il contatto commerciale che andava a visitarlo fosse una ragazza.
Ci estraniava nonostante fossimo più competitivi e con prodotti di qualità maggiore.

Durante una mattina tutta per noi, mentre le stavo leccando la figa alternandola con un cubetto di ghiaccio per aumentare le sue sensazioni erotiche, Lorena in preda ad una forte eccitazione mi disse con una voce rotta dal piacere:

"mmmm pensa.....se un giorno.... io venissi con te...da un cliente...."
Al momento non pensavo si riferisse al discorso fatto giorni addietro e continuai eccitato a leccarla

"mmmm potrei mettere....quella gonna a porta...foglio...che.. che ti piace tanto Pa..drone.... mmm mi fai morire... cosi"

Questa immagine seduttiva mi fece allora pensare che stava parlando proprio del cliente di Novara.

"sei proprio una troietta quando hai una lingua tra le cosce.... guarda che sembra lui sia un gran porco...."

"mmmmm continua ..ti prego..... al massimo.... mi ...farà una radio..grafia ...aaaaaggghhh alle..cosce....mmmm vengooo mmmmm"

Quella mattina ne parlammo, io ero contrario per vari motivi, ma lei sembrava pensasse solo a quello.

Ad un certo punto mi bacia con la lingua e con le sue mani scende a segare il mio cazzo scuro.... Ammetto che parlarne mi aveva eccitato, ma ugualmente non volevo saperne

"mmmm senti come è duro il mio capo...... lo sai che mmmm colo all'idea di essere la tua segretaria? .... senti mio SIgnore"

Nel pormi quella domanda apostrofandomi come suo capo, si mise a cavalcioni su una mia gamba strusciando una figa fradicia contro la mia coscia muscolosa e venendo ancora mentre le palpavo con forza le tette torcendole i capezzoli durissimi.

A quel punto non mi opposi più. La settimana dopo presi appuntamento con il cliente e Lorena si fece dare una mattina di permesso per vivere la sua fantasia più ricorrente.

Quando la andai a prendere, rimasi senza fiato.
Completo giacca e gonna a portafoglio che si apriva molto facilmente anche grazie alla sua fisicità, sotto canotta a bottoni con il primo slacciato che lasciava intravvedere la curvatura del seno.

Scarpe tacco a spillo nere verniciate. I capelli raccolti dietro e gli occhialini da intellettuale completavano l'immagine di una sexy e irreprensibile collaboratrice.

"mmmm lo sai capo che sono eccitata? stanotte non ho quasi dormito... ho dovuto toccarmi due volte..."

"dovrai solo seguire la discussione puttanella.... sono certo che già la tua presenza lo renderà più disponibile verso di noi"

"mmmmm e come devo comportarmi se ci prova capo....?"

mentre mi faceva quella domanda apriva e chiudeva lo spacco della gonna facendomi venire il cazzo durissimo.

"non oserà più di tanto davanti a me.... porca...ti stai eccitando. Ed io che mi facevo mille scrupoli"

Continua? chissà...

Di sicuro sono a conoscenza che Lorena mi legge e non oso pensare lo stato della sua figa mentre rivive con la mente quei momenti con me, come quelli in quel parcheggio vicino a dove lavora in pause pranzo in cui tornava al lavoro con la bocca che sapeva di me o come quei giochi erotici da me guidati con i suoi fornitori o clienti italiani e francesi...

mastermind1755@gmail.com