Circa Guastho2

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
Finora Guastho2 ha creato 9 post nel blog.

La vicina parte 2

Sentii i due litigare. Le urla arrivavano fino al mio appartamento. Massimo la offendeva pesantemente, lei urlava e piangeva. Rumore di cocci, oggetti che sbattevano. Infilai in doccia sperando che si calmassero, ma soprattutto che il marito non venisse a cercare anche me. Ero appena uscito di doccia quando sentii il vibro del telefono in salotto. Era Dominique. “Si è calmato, puoi salire un attimo da noi?” Pensai ad una trappola e cercai una scusa per defilarmi. Ci tenevo troppo al mio naso per lasciarmelo rompere. E il naso non era la mia unica preoccupazione. Il silenzio al piano di [...]

Di |2022-04-11T13:18:56+02:0013 Aprile 2022|Racconti Cuckold, Tradimento, Trio|

La vicina

Da circa sei mesi si erano trasferiti al piano di sopra della mia abitazione una coppia fresca di nozze. Lei, Dominique era una ragazza mulatta di Santo Domingo di 26 anni, lui, Massimo, un signore di mezz’età già alle seconde nozze. La ragazza, sin dal primo momento, sarà per il fisico tipico delle mulatte (sedere alto e tondo, pancia piatta, seno generoso ma non eccessivo oltre a delle labbra carnose e invitanti) sarà per l’accento esotico che mi faceva fantasticare, costituì sin da subito uno sfogo ai miei pensieri peccaminosi. Inizialmente cercai di non pensare al fatto che il marito [...]

Di |2022-04-11T13:17:30+02:0012 Aprile 2022|Racconti Cuckold, Tradimento|

Il commesso parte 2

Iniziai a sistemare l’abbigliamento del negozio in maniera metodica, concentrato sul mio compito. “Alex!” la voce di Sara mi fece rabbrividire, temendo di essere stato scoperto sbiancai. “Prendi le chiavi, è il momento di chiudere…” Con un sospiro di sollievo mi diressi verso la porta. Neppure il tempo di dare l’ultima mandata che una massa di capelli corvini mi investì, come un uragano. Sara iniziò a tempestarmi il petto di pugni con io incapace di indietreggiare. Nonostante fosse di piccola statura si allenava costantemente e quel corpo tonico lo sentivo adesso sbattere la sua rabbia sul mio. “Maledetto...puttaniere…idiota…” Sussurrava tra [...]

Il commesso

Lavoravo in quel negozio di articoli sportivi da un paio di mesi. La clientela era poca ma con Sara, la mia responsabile, cercavamo di tirare avanti. Quella sera eravamo quasi in chiusura, affaccendati ognuno nel proprio compito. Il suono della porta di ingresso richiamò la nostra attenzione. “Fai tu” mi disse Sara, impegnata nelle operazioni di chiusura. Mi diressi verso l’ingresso, svogliato. Volevo andare a casa e Dio solo sa quanto siano pretenziosi i clienti dell’ultimo minuto. “Posso dare un’occhiata?” Una voce cristallina. Un cespuglio di capelli riccioli, due occhi color ambra, un sorriso di circostanza ma naturale. La cliente [...]

Di |2022-04-02T00:51:50+02:004 Aprile 2022|Erotici Racconti, Racconti 69, Racconti Erotici|

L’allenatore

La squadra si era allenata bene, nonostante fossero solo bambini dopo un anno di lavoro erano migliorati molto. Fischiai la fine, i genitori sugli spalti applaudirono i loro figli con entusiasmo mentre entravamo negli spogliatoi. Entrai con loro, feci i complimenti di rito e mi diressi verso lo spogliatoio degli arbitri per la meritata doccia. Aprii l’acqua calda mentre mi toglievo la felpa e la maglietta della società. Qualcuno bussò alla porta, pensai che fosse Anselmo, il vecchio custode, sempre pronto a qualche lamentela. Tolsi il chiavistello, aprii. “Marika?” Marika era la mamma di Gabriele, uno degli ultimi ad aggregarsi [...]

La studentessa

L’aula era quasi piena, la cercai con lo sguardo e incontrai i suoi occhi accesi come carboni ardenti. Mi aveva tenuto il posto, mi sedetti accanto a lei e incrociai il suo sorriso. Indossava un vestito corto e delle calze che le lasciavano scoperto qualche centimetro di coscia, sentii un vuoto nello stomaco, come se avessi affrontato improvvisamente un giro infernale sulle montagne russe. La Professoressa entrò, prese posto, lei impugnò la penna e assunse un’aria concentrata. Adoravo il modo in cui la sua fronte si corrugava quando stimolava i suoi pensieri. Per me era diverso, non prendevo appunti. Aspettai [...]

La cugina parte 2

Era tarda notte quando sentii la porta di camera mia. Lottavo col sonno pensando a quel pomeriggio carico di erotismo. Sentii i passi avvicinarsi al letto. Nella penombra il corpo modellato mi sembrò simile al marmo puro. Finsi di dormire, si infilò sotto le coperte, il seno prosperoso mi si appoggiò sul petto. ‘Dormi?’ ‘mmm.’ Mugolai. Sentii la sua mano allargare l’elastico dei pantaloni del mio pigiama, cercando il pene già eretto. ‘Ulalà, qualcuno qui non dorme però.’ Iniziò a muovere la mano su e giù, lentamente. Quando lo sentiva irrigidirsi e il mio fiato bloccarsi si fermava. Ad un [...]

Le due amiche

Le due ragazze stavano chiacchierando davanti ad un drink. Io con la mia doppio malto le osservavo dal bancone, indeciso se provarci o meno. La bionda aveva un bel corpo, curve sinuose e occhi da cerbiatta. La mora sembrava un vulcano. Un’arma di seduzione intrappolata in un corpo mediterraneo, giunonica, elettrizzante. Buttai giù un altro sorso alzandomi dallo sgabello. Mi avvicinai accendendomi una sigaretta. Mi presentai, sperando di non risultare invadente. Dai loro sorrisi capii di non esserlo. Parlammo e bevemmo altri drink. La mora aveva delle labbra così carnose da farmi venire voglia di mangiarle. Erano studentesse, coinquiline. Si [...]

Di |2022-03-16T20:54:16+01:0024 Marzo 2022|Erotici Racconti, Racconti Erotici Lesbo, Trio|

La cugina

Mi descrivo: Mi chiamo Daniele, ho 28 anni, e lavoro in un negozio sportivo. Sono”bassino” e di fisico atletico, ben dotato. Cosa che le tipe apprezzano. I racconti che seguono sono in gran parte reali, tratti da esperienze personali. Quel pomeriggio faceva caldo, il sole allo zenith di giugno mi soffocava. Decisi di fare un bagno nella piscina che i miei avevano costruito nel piccolo giardinetto privato. Mentre l’acqua mitigava i miei calori il campanello della porta principale mi strappò dal paradiso. Andai ad aprire, ancora bagnato e grondante. “Ehi cuginastro te la godi eh!” Davanti a me mia cugina [...]

Torna in cima