;

Cartomanzia – 10a parte – La festa in villa

8 0

Lei sentì un brivido di vergogna, pensando a quello che avrebbe dovuto fare lì a poco… ma anche una certa, vaga eccitazione. Cosa le stava succedendo???

Le conversazioni, le risate ed i richiami si spensero, mentre Giacomo si avvicinava a loro, tenendo Paola per la mano, ma alzata come una coppia ad un ballo di corte; arrivarono fino ad una poltroncina di plastica bianca e il nipote l’aiutò a salire in piedi sulla seduta, come fosse un palco e poi la presentò: «Ragazzi, ecco la regina della nostra festa, la protagonista della “Festa alla Milf”!
Presentati, troia!»
Paola inghiottì la saliva che aveva in bocca e gettò un’occhiata circolare sulla ventina di giovani facce, che la guardavano ansiosi e -forse- leggermente impauriti per quello che si sarebbero trovati a fare davanti agli occhi critici degli amici: tutti sapevano che le gesta di tutti loro, in quella memorabile giornata, sarebbero state a lungo ricordate e rievocate ed anche le gaffes, gli errori, gli inciampi vari… Tra loro vide anche due ragazze -probabilmente compagne di scuola di tutti loro- ed ingoiò ancora a vuoto, prima di parlare: «Ehmmm… Ciao a tutti… io sono Paola, la zia di Giacomo e devo… devo rendervi indimenticabile questa festa, per il diciottesimo compleanno di Paolo…» Fece una pausa ed indicò il festeggiato con un gesto della mano, sorridendo complice «… il più giovane della vostra compagnia… io… beh… io sono qui per… per voi… Giacomo mi ha detto… ordinato che devo fare ogni cosa che mi direte di fare…»
«Anche spogliarti nuda????»urlò una giovane voce divertita, con tono quasi di sfida.
«Sì, certo, ovviamente… qua-lun-que cosa!» scandì la donna, mentre sentiva i leggings che cominciavano ad inumidirsi.
«Ma anche… palparti? Anche… fartelo mettere dentro?» Chiese un altro, un po’ esitante, forse incredulo per tanta manna piovuta dal cielo.
«Sì, sì: qualunque cosa: potrete toccarmi le gambe, il culo, le tette, la fica e mettermi i vostri giovani cazzi dove volete… in bocca, nella fica, nel culo…. come vi va!»
A sentire queste parole, questi termini espliciti, brutali, seppur così colloquiali tra loro, detti da quella donna così “grande” -dell’età delle loro mamme e zie!-, tutti si convinsero che non era una spacconata di Giacomo, ma che quello che aveva preannunciato lui e poi telefonicamente anche lei, era tutto vero ed i ragazzi si sentirono sferzati da scariche di adrenalina e cominciarono tutti ad avvicinarsi, con le mani già pronte ad impossessarsi della parte del corpo della donna che più sognavano di poter toccare… e per davvero, stavolta!!!
Anche Paola ormai sentiva l’eccitazione travolgerla ed era sicura che gli attillatissimi leggings bianchi -quasi una seconda pelle!- che Giacomo gli aveva imposto di indossare, adesso avessero un nitido alone umido nel cavallo, visibilissimo -stando lì sopra- se solo non avesse avuto i lembi della camicia a velarlo.
«No, fermi! Aspettate! Fermatevi o la mando via, subito!»
Solo questa terribile minaccia riuscì a fermare la marea di giovani ormoni e tutti si bloccarono, pur sembrando zombie pronti da impadronirsi di una donna viva, come nei film del genere mortiviventi.
Giacomo, quando fu sicuro di godere dell’attenzione generale, proseguì con un tono di voce più colloquiale: «Chiariamo subito una cosa: questa troia di mia zia è qui per farci divertire tutti e tutti, quindi, potremo divertirci come vorremo…
Però, se non vi dispiace… -gettò uno sguardo di sfida agli amici-… sarò io a decidere cosa e come farà le cose.
Fidatevi: ho elaborato un… programma, una scaletta che vi piacerà senz’altro e che lascerà tutti assolutamente soddisfatti… Anche voi due, Marzia e Sammy che già ridacchiate…» Sorrise alle due ragazze e poi a tutto il gruppo, rassicurante.
Era entusiasta del programma che continuava a ripassarsi in mente, sperando di non dimenticare nulla di tutto quello che quel tipo -un “grande”, con la voce roca da fumatore- telefonandogli tre giorni prima, gli aveva suggerito di far fare a quella vacca di sua zia. «Prima di tutto, brindiamo a Paolino, il nostro amico, dai!»
Giacomo, dopo che tutti avevano capito che «la troia»era lì per merito suo, prese facilmente la regia della festa e tutti, quindi, si affidavano fiduciosi ai suoi -vagamente imperiosi- suggerimenti.
Lui si rendeva conto che quella festa era una specie di consacrazione, per lui, anche grazie alla favolosa location che aveva trovato per la festa, invece del pur bell’appartamento cittadino dei genitori di Paolo, che era stato il luogo deputato ai festeggiamenti fino a pochi giorni prima.
Sempre con la zia vicina, secondo dettagliate istruzioni impartitele, si avvicinò al frigorifero dov’erano mantenute in fresco diverse bottiglie di spumante, che sistemò rapidamente sul tavolo, mentre gli amici, armati di bicchiere, gli si assiepavano attorno e cominciò a levare la gabbietta metallica e poi il turacciolo a quella contrassegnata da un “casuale” sbaffo di pennarello.
Quando sentì che il tappo stava per saltare, si girò di pochissimo, il giusto perché il getto del vino frizzante partisse violentissimo dalla bottiglia, che era stata lungamente agitata appena prima che arrivassero i suoi amici, andando ad inzuppare la leggera camicia bianca che quella troia di sua zia indossava, secondo le sue rigide istruzioni.
Inutile dire che il getto freddo fece ancor di più inturgidire i capezzoli, che risaltavano nitidamente, dietro al tessuto inzuppato e scatenando l’entusiasmo dei ragazzi che subito si gettarono sulle bottiglie di spumante, stappandole e che usarono per spruzzarsi tra loro a vicenda, giocosi, ma sopratutto lei, la milf!.
I ragazzi erano come ipnotizzati dalla visione delle tette gonfie che si vedevano chiaramente, appena velate dal leggero tessuto inzuppato e sagomato dallo spumante ad aderire perfettamente ai capezzoli eretti, mostrandone nitidamente ogni dettaglio.
Qualcuno, più audace, allungò la mano per sfiorarle, ma poi si fermò, esitante, gettando un’occhiata interrogativa a Giacomo che, con un lieve sorriso ed un cenno del capo, concesse il suo regale consenso.
Dopo pochi istanti, le tette di Paola divennero proprietà del gruppo: chi le sfiorava appena, chi le palpava, chi le soppesava come per valutarne il peso, chi le stringeva o pizzicava.
Particolarmente, stingeva e torceva i capezzoli, per il gusto di vedere sofferenza sul suo viso, una delle ragazze, Samantha (ma che tutti chiamavano Sammy): di pochi anni più grande del gruppetto, era la sorella di Thomas e torceva con cattiveria i capezzoli di «quella vekkia troia», piantandoci anche dentro le unghie per pura cattiveria ed invidia: era piccoletta, obesa, con tettone e culone e coscione flaccide e l’attaccatura degli ispidi capelli neri arrivava fino a due dita dalle folte sopracciglia unite, mentre una folta peluria scendeva dalle tempie a formare nitide basette.
Anche il labbro superiore era scurito da una notevole peluria, sopra alle labbra sottili e la sua espressione era sempre ingrugnita, effetto amplificato dal «naso a patata»che, con le nitide narici in mostra, davano al suo viso un aspetto inquietantemente porcino.
Nonostante fosse sempre stata, per ovvie ragioni, sempre disponibile, a parte una marea di pompini, fatti nei cessi della scuola o dei locali dove andava ed una notevole quantità di banale petting, aveva perso la verginità da meno di un anno e solo grazie al fatto che era riuscita ad… adescare un ragazzo letteralmente mezzo scemo.
E adesso, con quella troia lì, a loro completa disposizione col suo bel culo, le sue belle tettone salde, le sue cosce affusolate, le sue caviglie sottili come grissini, la sua bella faccia da troia con la bocca da pompinara, lei si stava… ferocemente vendicando della natura matrigna!
Diede uno strattone e riuscì a far saltare un bottone della camicetta della troia… Voleva impadronirsi dei suoi capezzoli, torcerli, piantarci le unghie dentro fino a farglieli sanguinare!
Intanto i ragazzi avevano sollevato un pochino la camicia alla loro vittima e le stavano contemplando il culo ed il pube, allargandole le natiche o facendole allargare le cosce, per poter osservare meglio i dettagli del suo ano -in rilievo come una bocca pronta ad un bacio- e delle sue ninfe, perfettamente delineate dal leggerissimo tessuto dei leggings che dava quasi l’impressione di essere stato spruzzato sulla pelle, come una vernice translucida.
Giacomino si avvicinò alle due, mentre Samantha torceva di nuovo un capezzolo, con espressione ferocemente concentrata: «Sammy, Sammy… non ti da fastidio la stoffa sotto le dita? Non vorresti arrivare direttamente sulla pelle?»chiese ironico.
«Sì, sì… -replicò subito lei, piccata dalla domanda-… difatti le stavo aprendo la camicia…»
«Ma dai… -obiettò il giovane, con tono sardonico-… non sta bene che una signora stia con la camicia aperta, ad una festa di ragazzi, non trovi?»
Sammy lo guardava perplessa, anche se un vago sorrisetto faceva capire che era in attesa di conoscere il seguito, che difatti venne subito dopo: «Se proprio vuoi giocare con le tette di questa vacca, allora modifichiamo un po’ la sua camicia…»
Detto ciò, estrasse dalla tasca un paio di forbici, pizzicò il tessuto sopra al capezzolo e lo allontanò un pochino dalla pelle della donna; poi, con un colpo sicuro di forbici, tagliò il tessuto, lasciando un buco vagamente rotondo dal quale uscì tutta l’areola col capezzolo impalato al centro e buona parte del seno di Paola. Poi ripeté la ma manovra dall’altra parte e così la donna si trovò entrambi i capezzoli senza più neanche quella flebile protezione, in balia della sua aguzzina.
Paola sentiva il dolore delle sevizie, come la chiara umiliazione provocata da quella torma di ragazzi ingrifati che la maneggiano con gesti non ancora esperti ed a volte non deliberatamente dolorosi, ma non si sottraeva a tutto ciò, perché la situazione tutta le provocava un’inattesa quanto sconfinata eccitazione.
Sammy, felice della divertente novità, allungò la mano verso uno dei capezzoli protesi della sua vittima e lo strinse forte tra i polpastrelli di pollice ed indice, con un sorriso cattivo, trionfante.
Restò interdetta e sgranò gli occhi, incredula di quanto aveva appena visto; premette di nuovo il capezzolo e stavolta vide nitidamente il piccolo, bianco getto!
«Ehi!!! Questa vacca ha il latte, come una mucca vera!!!» Annunciò urlante e radiosa all’universo mondo.
Tutti si assieparono per rendersi conto della novità ed i più audaci riuscirono a far uscire qualche goccia, che raccolsero sui polpastrelli e che, dopo un momento di esitazione, assaggiarono perplessi.
«No, Fermi! Aspettate! Lasciatela! Ho un’ideona!»Annunciò trionfante la giovane.
Gli altri si allontanarono, dubbiosi, ma dopo cinque minuti assistevano, divertiti ed ancora più arrapati, a quello che Sammy-la-cessa aveva architettato: Paola era sul tavolo, messa a quattro zampe e lei, seduta su una seggiola, le era a fianco e le stava mungendo le tette, come ad una vera vacca, raccogliendo il latte in un secchiello da ghiaccio.
Alcuni ragazzi assistevano affascinati a quell’insolita scena, ma altri ronzavano attorno al culo proteso della «vacca»(come ormai la chiamavano tutti).
Uno, più audace, si era slacciato gli short e si divertiva a strisciare la giovane cappella congestionata nel solco tra le natiche andando dalla vulva all’ano e ritorno, dopo aver fatto pressione sulle reni di Paola per costringerla a far scendere il culo fino all’altezza giusta.
Giacomo se ne rese conto e si avvicinò con un sorrisetto quasi padronale, gettando però un’occhiata fugace ed invidiosa sulla dotazione dell’amico, maggiore della sua: «Basha, cosa vorresti fare, col cazzo di fuori???»
Il giovane lo guardò, interdetto per un attimo; poi lo sfidò: «Voglio incularmi la vacca! Qualcosa in contrario, Jack????»
Lo guardò con un sorriso sornione: «No, per nulla, anzi! Però pensavo: ce la fai a metterglielo tutto dentro, coi leggings addosso???’
Basha restò interdetto un attimo e lui ne approfittò per pizzicare il tessuto elastico, tirarlo un pochino e, con un colpo di forbice, aprire la strada all’amico: un foro perfettamente centrato sull’ano della donna e della giusta misura per poterla agevolmente sodomizzare.
Il giovane considerò il foro, il gesto dell’amico, capì che era un’implicita autorizzazione a procedere e perciò ringrazio Jack con una manata sulla spalla ed un sorriso, prima di impugnare i fianchi della donna e scivolarle dentro il culo, cominciando ad incularla appassionatamente.

«Allora, contenta?»
La donna annuì e le si lesse il movimento di un sorriso sul viso.
«E allora continua a sucare, che il ragazzo sta facendo un bel lavoro!»
E lei continuò a succhiare, mentre Vito la inculava, ma tutti affascinati dalle immagini delle varie cam sugli schermi e che Martina manovrava come una brava regista.
Dido rifletteva e sorrideva tra sé: era stato un colpo da maestro aver «convinto» Dora a mettere a disposizione la sua villa appartata, in modo da poter offrire la location giusta per la festa dei ragazzi, festa che sarebbe stata un altro passo verso il baratro della totale depravazione quella cretina di Paola, la troia sposata con quel cornuto che era l’amante di questa bottana che lo stava sucando, mentre Vito gli spanava il culo, solo per avere il privilegio di poter vedere, in tempo reale, ciò che accadeva alla villa.
Vito aveva fatto un bel lavoro, nel posare tutte le cam telecomandate, che erano in grado di cercare l’inquadratura migliore e zoomare da panoramiche amplissime fino a poter distinguere ogni singolo pelo in un sopracciglio.
Lui se ne stava stravaccato nella sua poltrona, ma vedeva meglio che se fosse stato lì.
Per un attimo ragionò sull’opportunità di convocare anche quell’altra troia dell’avvocatessa siciliana, la Dora che si era trasferita in città da anni e che lui aveva convinto a mettere a disposizione villa e gli abbondanti rinfreschi, ma poi considerò che ci sarebbe stata troppa camurrìa, a far arrivare anche quella bottana in quella saletta, col suo sticchio famelico, ma ormai slabbrato.
Però doveva ringraziare Paola, che l’aveva incontrata in un negozio e l’aveva convinta a rivolgersi a lui: era un po’ vecchia, ma intimamente bottana come poche e, a parte il prestito della villa, stava ancora pensando a come utilizzarla al meglio.
Era anche felicissimo che le pastiglie per la monta lattea, che aveva imposto alla troia di prendere, avessero dato il loro effetto… ed in quella situazione, poi!
E quel favoloso imprevisto, la presenza della cozza sadica, infine, che aveva avuto una splendida idea, di mungerle le zizze come a una vacca mentre i ragazzi cominciavano a fottersi la bottana vacca.
Adesso doveva solo attendere che il nipote portasse avanti il programma che lui gli aveva suggerito e se ne sarebbero viste delle belle; il ragazzo comunque non era stupido: molti della sua età, sarebbero andati in panico all’imprevisto cambiamento imposto dall’ideona della mungitura, ma lui invece aveva saputo adattarsi ed essere flessibile, assecondando gli eventi invece di provare a dominarli.

Zorrogattoge@yahoo.it

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.