il Signor Giuseppe (prima conoscenza….)

Estate ... tempo di evasioni Questo racconto è un mix di verità e di fantasia Io e mia moglie siamo una coppia sposata da un po' di anni con due figlie ormai grandi. Io Alberto, 53 anni, impiegato, fisico non proprio magro, alto 1,80, capelli brizzolati, occhi verdi. Grazia, mia moglie, 52 anni, professoressa di italiano alle scuole superiori, alta 1,73 , bionda, occhi azzurri, seno prosperoso (una bella 5) ed un culo non proprio magro. Le vacanze estive le passiamo nella nostra casa al mare, soprattutto lei con il lavoro che fa riesce a trascorrerci i mesi di Luglio [...]

Estate sicula pt.8

Apro gli occhi ai margini del letto, li sgrano come quando si ha la piena percezione di non essere nel posto giusto. Così mi volto e vedo Francesca dormire tra le braccia di Gaetano affianco a me. Nudi, tutti e tre e subito le mie narici avvertono ancora l’odore del gran sesso che è stato protagonista in questa stanza poche ore prima. Sono le 5.48, decido di sgattaiolare via raccogliendo le mie cose e di rientrare in stanza prima di poi recarmi a lavoro. Nel letto ripercorro tutta la serata a partire dalla confessione fatta da Gaetano, da come mi [...]

In ospedale (prima parte)

Dell’incidente non ricordo quasi nulla. La frenata, quella si’. Un rumore secco, molto sordo, mentre andavamo a sbattere contro il muro. Poi basta, non un suono, un odore. Non ricordo le grida, il fuoco, le sirene, la corsa verso l’ospedale. Nulla. me lo hanno raccontato, ovviamente, ma e’ come se fosse successo ad un’altra. Sono bloccata a letto, in una stanza singola di quella che sembra essere un piccolo ospedale di provincia. Nessuno mi ha ancora detto dove mi trovo esattamente, credo di essere arrivata ieri notte, e mi devono aver sedata per vincere il dolore in attesa dell’operazione. Almeno [...]

Di |2021-08-19T18:42:46+02:0019 Agosto 2021|Racconti di Dominazione, Racconti Erotici, Sensazioni|

Sguardi

Sguardi. Basta così poco. Ci avete mai pensato? Se gli occhi sono lo specchio dell'anima, e questo vien detto da tempo immemore, sicuramente sono anche il solo modo in cui l'anima può conoscere il mondo. Sguardi. Possono comunicare così tanto, in così poco. Possono esprimere odio, risolutezza, severità, approvazione, dubbi, felicità, dolore, gioia, preoccupazione, quiete e desiderio. Sguardi... Con lo sguardo vediamo, conosciamo, valutiamo, osserviamo, impariamo. E con lo sguardo, godiamo. Andare per le strade e vedere una ragazza, vestita il giusto, anzi, a margine del giusto visto il tempo torrido estivo. Dedicarle uno sguardo, apprezzare quelle forme, bramarle, non [...]

Di |2021-08-12T15:16:31+02:0012 Agosto 2021|Racconti Erotici Etero, Sensazioni|

Culo Ricattato (quarta parte)

[…] Leccavo. In ginocchio, mentre lui mi teneva una mano sul culo. Con la coda dell’occhio continuavo a vedere la signora intenta a filmarmi con il suo telefonino. Anche lei eccitata dalla scena, o forse dal bel maschio seminudo che mi teneva al guinzaglio. Piu’ sentivo odore di cazzo, piu’ mi eccitavo anche io, e decisi che avrei fatto venire quel maiale sulle mie tette, per poi farle vedere per bene alla signora ormai in piedi di fianco a noi. Cominciai a passare la lingua sulle palle del vecchio, lentamente, con convinzione. Gliele stavo pulendo con la lingua. Lo sentivo [...]

Di |2021-08-10T18:51:29+02:0010 Agosto 2021|Orgia, Racconti di Dominazione, Sensazioni|

La padrona visita le prigioni

Oggi vi intrattengo con un sogno. Nulla di più. Un’immagine breve, magari da continuare se vi piace. Slacciatevi, mettetevi comodi e seguitemi . Scendo lentamente le scale di pietra che portano ai sotterranei. La luce e’ molto bassa, ma si sente bene il rumore dei miei tacchi. I miei lunghi stivali neri, alti fino alle ginocchia e lucidati per l’occasione. Lentamente scendo un gradino dopo l’altro, mentre il freddo mi produce una tonica pelle d’oca sulla pelle nuda. Sulle mie spalle, sulla mia schiena nuda, sulle mie gambe lunghe e abbronzate. Scendo ancora qualche gradino, e sento i miei capelli [...]

Di |2021-08-09T13:03:14+02:009 Agosto 2021|Lirica erotica, Racconti Erotici, Sensazioni|

Ilaria e la scommessa Azzurra: Italia-Austria (Ottavi)

Sabato 26 giugno 2021 Quel weekend, per le famiglie di Paolo e Ilaria, iniziavano ufficialmente le vacanze. Quindici giorni di ferie al mare, rigorosamente insieme come da tradizione. Da quasi una decina d'anni, addirittura, i due nuclei familiari soggiornavano nello stesso appartamento: un grazioso loft all'ultimo piano di uno di quei condomini ad uso esclusivo dei villeggianti. Situato a meno di 400 metri dalla spiaggia, e dotato anche di una piccola piscina condominiale, quell'appartamento li aveva fatti innamorare da subito, e ogni anno ci tornavano con piacere. All'interno vi erano un salone abbastanza ampio, due camere da letto in cui [...]

Ilaria e la scommessa Azzurra: Italia-Galles (1° turno)

Subito dopo la vittoria con la Svizzera, Ilaria aveva dato la buonanotte ai genitori e si era chiusa nuovamente in camera. Distesa sul letto, senza più il top ma ancora con addosso il costume e la gonna, ripensò alla surreale serata che aveva appena vissuto, chiedendosi se fosse successo tutto per davvero. Aveva ancora ben impresso nella mente lo sguardo di suo cugino Paolo, a cui lei, in virtù del 3-0 dell'Italia che aveva sancito l'esito della scommessa, aveva concesso di farsi ammirare in bikini e perizoma. Le tornò alla mente anche quel momento in cui la porta si era [...]

Ossessione (parte II: il primo bacio omosex)

La curiosità spasmodica che derivava dalla mia ossessione per i grossi cazzi e i maschi muscolosi mi stava letteralmente facendo uscire di testa. Sul finire del mese di luglio 2006, di fronte all'impossibilità di costruire l'occasione perfetta, stavo iniziando a percepire un senso di frustrazione via via sempre più crescente. Mi rendevo conto di essere un bel ragazzo (piacevo sia alle donne che agli uomini, come avevo avuto modo di vedere nei locali gay-friendly frequentati) ma, come già detto nel racconto precedente, non riuscivo a "farmi andare bene" il primo che passava e, nonostante nessuno che mi conoscesse lo avrebbe mai [...]

Estate sicula pt.3

Così la macchina riparte, nel silenzio dei sorrisi e degli sguardi che tra un semaforo e l’altro ci scambiamo. Dentro di me c’è solo tanta, tanta adrenalina e ancora voglia delle sue labbra, il suo profumo e il sapore della sua pelle, un misto di bramosia e senso d’incompiuto che mi porta a spostare la mia mano sul suo viso e scostarle i capelli mentre tira il freno a mano nel retro dell’Hotel. “Sicura che non vuoi salire vero ?” D: “Scherzi ? È pure tardi… e già i sensi di colpa mi stanno mangiando viva” “Dai non dire così [...]

Torna in cima